Comprare le azioni Pfizer

 

I nostri consigli per fare trading sulle azioni Pfizer

Comprare le azioni Pfizer
  • Prima di tutto, andranno seguiti tutti gli accordi strategici e i partenariati che Pfizer potrà concludere con altre aziende o gruppi concorrenti nel settore della farmaceutica. Gli accordi relativi alle ricerche e allo sviluppo di nuovi trattamenti sono spesso positivi per la crescita del gruppo e delle sue azioni in Borsa.
  • Bisognerà anche tenere d’occhio le esigenze sanitarie nel mondo relativamente alle malattie più frequenti o quelle in fase di diffusione e per le quali Pfizer potrebbe apportare delle soluzioni.
  • Le operazioni di fusione e di acquisizione realizzate all’estero, in particolare nei mercati emergenti, saranno anch’esse dei buoni indicatori di rialzo per questo titolo e devono quindi essere seguite.
  • È inoltre consigliabile seguire il lancio dei nuovi prodotti e il loro successo o fallimento in seguito alla loro commercializzazione in quanto, a seconda dei casi, possono generare delle perdite o dei guadagni.
  • Le regolamentazioni in vigore relativamente alla commercializzazione dei medicinali sono sempre più rigide nel mondo e bisogna quindi prenderle in considerazione sorvegliandone le eventuali modifiche.
  • Infine, come per molti altri settori di attività, il settore farmaceutico subisce sempre di più gli effetti del rallentamento economico europeo.
Servizio di CFD - 76.4% perdono denaro

Il settore dell’industria farmaceutica è uno dei più interessanti in questo momento per gli investitori che desiderino piazzare del denaro nel mercato borsistico. Oggi ci occuperemo più in particolare delle azioni Pfizer spiegando in dettaglio l’attività di questo gruppo ed offrendo un’analisi del loro prezzo e del loro corso storico negli ultimi anni.  

 

A proposito del gruppo Pfizer

Il gruppo Pfizer altri non è che il leader internazionale dell’industria farmaceutica attuale. Ma la sua attività si può suddividere in più categorie le principali delle quali sono i medicinali per il trattamento delle malattie cardiovascolari, le turbe del sistema nervoso, le malattie infettive, l’urologia e l’oftalmologia, oltre ai vaccini e ai prodotti oncologici.

La maggior parte del suo volume d’affari si realizza negli Stati Uniti e in Europa.

 

I principali concorrenti di Pfizer

Il gruppo Pfizer ha registrato un leggero calo nelle vendite nel corso degli ultimi anni ma rimane ad oggi il numero uno della farmaceutica nel mondo. In termini di volume d’affari, infatti, è la più grande impresa del settore.

Tra i suoi concorrenti diretti si trovano i gruppi Novartis e Roche che si posizionano entrambi al secondo posto della classifica mondiale.

Seguono la francese Sanofi, leader nel suo paese, e poi l’americana Merck, i cui risultati sono anch’essi in ribasso dal 2015.

La quinta posizione della classifica è occupata da Gilead.

Vengono poi i laboratori Johnson&Johnson, GSK, AstraZeneca e Bayer.

Tutti questi concorrenti si affrontano in una battaglia feroce a colpi di innovazioni e contratti per essere alla ribalta nel campo dei medicinali e dei prodotti farmaceutici nel mondo. È quindi fondamentale conoscerli bene se si vuole trattare sulla quotazione delle azioni Pfizer. In questo modo potrete fare uno studio comparativo preciso di questo settore.

 

I principali partner di Pfizer

Pfizer ha anche saputo sviluppare delle relazioni privilegiate con alcune grandi imprese nel quadro di partenariati strategici.

  • Nel 2012 Pfizer si è associata in particolare all’impresa cinese Zhejiang Hisun allo scopo di produrre medicinali generici di qualità e a basso costo destinati al mercato cinese.
  • Nel 2015 il gruppo Pfizer è diventato uno dei partner dell’impresa MATWIN, specializzata in progetti oncologici e che fa parte del gruppo UNICANCER, raggiungendo così gli altri dieci laboratori che partecipano al progetto di ricerca.
  • Nel 2016 Pfizer si è associata anche all’impresa informatica IBM per la creazione di soluzioni di telesorveglianza per pazienti colpiti dal morbo di Parkinson.

 

Analisi della quotazione delle azioni Pfizer

Il valore delle azioni Pfizer viene attualmente quotato sul mercato NYSE ARCA Europe nei Paesi Bassi ed integra il calcolo dell’indice Dow Jones.

Nel corso degli ultimi dieci anni si notano due movimenti principali sui grafici borsistici storici, il primo segnato da una tendenza al ribasso dal 2005 al 2010, mentre dopo questo periodo si è osservata una tendenza al rialzo generale che sembra progredire ancora oggi e che dovrebbe rimanere tale a lungo termine.

 

Dati borsistici importanti a proposito delle azioni Pfizer

Oltre ad alle informazioni utili che avete trovato in precedenza come la quotazione in diretta e la quotazione storica delle azioni Pfizer vi proponiamo adesso di scoprirne altre a proposito del posizionamento di questa società sul mercato borsistico. Ecco quindi alcuni dati generali da conoscere a proposito delle azioni Pfizer e della loro quotazione in Borsa:

  • Nel 2017 la capitalizzazione borsistica totale della società Pfizer ha raggiunto i 196.280,94 milioni di dollari.
  • Il numero di titoli emessi dalla società Pfizer attualmente in circolazione sul mercato è di 5.955.000.000.
  • Il corso delle azioni Pfizer viene attualmente quotato negli Stati Uniti sul Main Market del mercato NYSE.
  • La società Pfizer fa ovviamente anche parte della composizione dell’indice borsistico statunitense Dow Jones Industrial Average.
  • L’azionariato della società Pfizer è il seguente: 6,62% Vanguard Group, 5,28% State Street Corporation, 3,81 Black Rock Fund Advisors, 1,33% T. Rowe Price Associates, 1,32% Northern Trust Investments, 1,29% JP Morgan Investment Management, 1,20% State Street Global Advisors, 1,13% Wellington Management Company, 0,98% State Farm Mutual Automobile Insurance Company et 0,96% Norges Bank.

 

Storico economico e finanziario della società Pfizer

  • Nel 2007 il CEO della Pfizer annuncia un piano di soppressione di 10.000 posti di lavoro corrispondenti al 10% dei suoi effettivi.
  • Nel 2009 il gruppo acquista Wyeth per un importo di 68 miliardi di dollari pagati con titoli, prestiti e giacenze. Lo stesso anno Pfizer e la sua filiale Pharmacia & Upjohn Company pagano una multa di 2,3 miliardi di dollari per mettere fine alle denunce circa le loro pratiche commerciali e pubblicitarie.
  • Nel 2013 il gruppo Pfizer esce dal capitale di Zoetis, la propria filiale specializzata in salute degli animali, che ritorna ad essere indipendente.
  • Nel 2014 Pfizer cerca di acquistare AstraZeneca con un’offerta di 100 miliardi di dollari, successivamente portata fino a 117 miliardi di dollari, che alla fine sarà però rifiutata. Sempre nel 2014 Pfizer acquista due vaccini per 635 milioni di dollari dal laboratorio Baxter: il NeisVac-C e il FSME-IMMUN.
  • Nel 2015 Pfizer acquista la società Hospira, valorizzata a 17 miliardi di dollari, per un importo di 90 dollari ad azione. Lo stesso anno il gruppo avvia delle negoziazioni per acquistare il gruppo Allergan per spostare la sede dell’azienda al di fuori degli Stati Uniti. Questa offerta valorizza Allergan a 160 miliardi di dollari.
  • Nel 2016 il Tesoro statunitense crea delle nuove norme finalizzate ad evitare la ridomiciliazione di Pfizer, cosa che induce l’annullamento dell’operazione di acquisto di Allergan. Sempre nel 2016 il gruppo Pfizer annuncia l’acquisto per un ammontare di 5,2 miliardi di dollari di Anacor, un’azienda specializzata nel trattamento dell’eczema con dei gel. Pfizer annuncia in seguito l’acquisto, per 645 milioni di dollari, di Bamboo Therapeutics, specialista nelle terapie genetiche, nonché l’acquisto per 14 miliardi di dollari di Medivation, una società statunitense nel settore delle biotecnologie specializzata nel trattamento del cancro.
  • Sempre nel 2016 AstraZeneca annuncia la messa a punto di un nuovo accordo con Pfizer per la rivendita, per un importo di 1,5 miliardi di dollari, di una parte delle proprie attività nel settore degli antibiotici al di fuori degli Stati Uniti. Alla fine di questo stesso anno Pfizer annuncia la vendita delle proprie attività, legate all’acquisto di Hospira, nel settore delle fleboclisi alla società ICU Medical per un importo di 1,6 miliardi di dollari in liquidi e 400 milioni in azioni.

 

Vantaggi e punti di forza delle azioni Pfizer come attivo di Borsa

Se volete essere in grado di prevedere il meglio possibile le future variazioni della quotazione in Borsa delle azioni Pfizer dovete ovviamente conoscere tutti gli elementi che vi abbiamo presentato in questo articolo come le attività, i concorrenti e i partner di questo gruppo ma dovete conoscere anche le sue forze e debolezze principali. Infatti, è proprio confrontando i vantaggi di cui dispone il gruppo con i suoi principali svantaggi che potrete prevedere in che modo l’azienda possa sviluppare la propria crescita e come si comporteranno gli investitori sul mercato. Ecco quindi per cominciare le principali forze di questa azienda e gli argomenti a favore di una tendenza rialzista della quotazione delle sue azioni.

Prima di tutto, è importante ricordare che il gruppo Pfizer fa parte dei giganti dell’industria farmaceutica mondiale. Ha potuto raggiungere questo posizionamento molto vantaggioso soprattutto grazie alla sua fortissima presenza internazionale ed esercita infatti le proprie attività in più di una cinquantina di paesi.

Ciò ci porta ad un altro vantaggio di cui dispone la società che riguarda in questo caso la buona ripartizione geografica delle sue fonti di reddito. Commercializzando i suoi prodotti in tutto il mondo Pfizer si garantisce una buona protezione a lungo termine contro i rischi geo-economici.

Ovviamente, un’altra forza del gruppo Pfizer è la sua capacità di innovazione che gli permette di smarcarsi efficacemente dalla concorrenza mettendo a punto dei prodotti che al tempo stesso sono innovativi e rispondenti alle nuove esigenze dei consumatori. Per raggiungere questo obiettivo Pfizer investe ovviamente molto in ricerca e sviluppo impiegandovi dei ricercatori altamente qualificati.

Seguendo lo storico economico e finanziario di questa azienda, si nota inoltre che il gruppo Pfizer ha fatto spesso ricorso a delle operazioni di fusione e di acquisizione di grandi marchi farmaceutici in tutto il mondo. Questa strategia gli ha ovviamente permesso di espandersi notevolmente ed ha contribuito a rafforzare la sua immagine di marca.

Il marchio Pfizer è d’altra parte in sé per sé un vantaggio innegabile del gruppo perché è conosciuto in tutto il mondo ed è associato ad un’immagine piuttosto positiva sia presso i pazienti che presso i medici e i farmacisti.

Infine, la grande forza lavoro di cui dispone il gruppo Pfizer, che impiega oltre 100.000 dipendenti nella sua organizzazione, è ovviamente anch’essa un vantaggio per l’avvenire del gruppo che può così rispondere efficacemente alle numerose esigenze del mercato sia in termini di produzione che di sviluppo.

 

Svantaggi e punti deboli delle azioni Pfizer come attivo di Borsa

Anche se le azioni Pfizer possono sembrare molto interessanti da trattare all’acquisto in considerazione dei differenti elementi che abbiamo citato qui sopra, attiriamo la vostra attenzione sul fatto che questo titolo può anche subire gli effetti di alcuni punti deboli dell’azienda. Infatti, sebbene le debolezze della Pfizer siano certamente poco numerose, queste possono mostrarsi sufficientemente influenti a lungo termine per frenare una tendenza rialzista. Ecco quindi i due principali difetti di questa società.

Per prima cosa, il livello di concorrenza del settore in cui opera il gruppo Pfizer è ovviamente un limite importante per le sue possibilità di crescita. Infatti, i grandi gruppi farmaceutici che abbiamo citato in precedenza e che fanno una concorrenza diretta a Pfizer si combattono strenuamente per conservare o prendere quote di mercato. È quindi particolarmente difficile per Pfizer aumentare le proprie vendite in maniera significativa al di là del lancio di prodotti innovativi o del deposito di brevetti.

Infine, il secondo e ultimo punto debole di Pfizer riguarda la sua immagine di marca che è stata recentemente intaccata. Infatti, l’immagine di questo gruppo è sempre più negativa presso i consumatori da quando l’azienda è stata accusata di aver partecipato alla più grande frode in ambito sanitario. Il gruppo ha infatti commercializzato illegalmente uno dei suoi medicinali provocando al tempo stesso la sfiducia dei suoi clienti e la diffidenza dei mercati e degli investitori che esitano ormai ad acquistare il suo titolo.

 

Valutazione: 4.44 27 voti

Acquistare le azioni Pfizer con il trading online

Trattando le azioni Pfizer online attraverso una piattaforma di trading Forex, potrete speculare al rialzo come al ribasso sulla sua quotazione e mettere in opera delle strategie sia a breve che a lungo termine.

Inizia a fare trading su Pfizer!
76.4% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.