Analisi n. 1

La politica dei prezzi di Chevron per quanto riguarda i carburanti e gli olii. La società ha infatti tutto l’interesse ad aumentare i propri prezzi per guadagnare in redditività.

Analisi n. 2

Lo sviluppo delle attività di Chevron nel settore del gas naturale che conosce attualmente una crescita maggiore di quello del petrolio.

Analisi n. 3

I futuri investimenti di capitali, in particolare nella ricerca di giacimenti di gas naturale e petrolio.

Analisi n. 4

Lo sviluppo di attività supplementari da parte del gruppo Chevron.

Analisi n. 5

Il livello di domanda di energia nel mondo e la sua evoluzione nei prossimi anni.

Analisi n. 6

La creazione e la messa in opera di innovazioni, soprattutto nell’ambito della traforazione, per sviluppare nuova opportunità e trovare nuove riserve di petrolio.

Analisi n. 7

Le scoperte di nuovi campi petroliferi, soprattutto in Brasile, Africa o Canada, che rispettino le esigenze statunitensi.

Analisi n. 8

Le regolamentazioni dei vari governi mondiali per quanto riguarda l’energia e l’ambiente che possono pesare sulle attività di Chevron.

Analisi n. 9

Uno studio completo della concorrenza molto significativa in questo settore ed in particolare l’evoluzione delle quote di mercato di ogni grande attore del mercato nonché tutte le pubblicazioni e comunicazioni provenienti dai principali concorrenti del gruppo Chevron. 

Analisi n. 10

L’evoluzione del mercato dell’energia elettrica nel settore automobilistico che rappresenta una minaccia a lungo termine per le vendite di Chevron.

Analisi n. 11

La crisi economica mondiale e la sua evoluzione perché pesa sul potere d’acquisto dei consumatori d’energia e tocca particolarmente il mercato degli Stati Uniti.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.

A proposito del gruppo Chevron

Il gruppo americano Chevron è uno dei leader mondiali del settore del gas e del petrolio. La sua attività riguarda principalmente la raffinazione e la distribuzione del petrolio così come, in maniera meno importante, l’esplorazione e la produzione di petrolio e di gas naturale.

Chevron produce anche dell’elettricità e realizza la maggior parte del proprio volume d’affari a livello internazionale.

 

Storia del gruppo Chevron

Le origini del gruppo Chevron partono da San Francisco quando, nel 1879, un gruppo di investitori ha costituito la Pacific Coast Oil Company, acquisita poi da John D. Rockefeller che ne cambiò il nome in Pacific Coast Oil.

Le riserve di oro nero della società ammontavano in quell’anno a 8,3 miliardi di barili oltre a 3 miliardi di barili in comproprietà.

Oggi Chevron Corporation è tra le principali società petrolifere statunitensi. Tra le sue attività troviamo la produzione e raffinazione del petrolio grezzo e del gas naturale a cui si aggiungono la distribuzione del petrolio attraverso oleodotti, la commercializzazione di prodotti chimici, la gestione di risorse energetiche e l'attività mineraria.

Chevron Corporation dispone oggi di circa 62.000 dipendenti ed è quotata alla Borsa di New York, sul mercato Dow Jones Industrial Average, con il simbolo CVX.

 

I principali concorrenti di Chevron

La società statunitense Chevron è una delle più grandi compagnie petrolifere del mondo e deve quindi far fronte ad una forte concorrenza da parte degli altri giganti di questa industria. Proponiamo di saperne di più a proposito di questi concorrenti per perfezionare al meglio l’analisi fondamentale di questo titolo borsistico.

Negli Stati Uniti Chevron è attualmente la seconda compagnia petrolifera in termini di volume d’affari, subito dopo il suo concorrente diretto ExxonMobil.

A livello di classifica mondiale, Chevron si posiziona al 6° posto ed è così preceduta dalle compagnie BP, Shell, Sinopec e PetroChina.

Per effettuare l’analisi fondamentale delle azioni Chevron bisogna prendere in considerazione le informazioni provenienti dai suoi vari concorrenti. Infatti, le quote di mercato nazionali e internazionali evolvono notevolmente in funzione delle decisioni e degli eventi relativi ad ogni gruppo influenzando direttamente la quotazione delle loro azioni in Borsa.

 

I principali partner di Chevron

Nel corso degli ultimi anni Chevron ha stretto degli interessanti partenariati strategici che proponiamo di scoprire qui.

 

Analisi del corso delle azioni Chevron

Il corso delle azioni Chevron è attualmente quotato sul Main Market del NYSE ed integra il calcolo dell’indice borsistico Dow Jones.

 

Andamento del titolo Chevron

Il 2016 è stato un anno di leggera ripresa per la Chevron Corporation. La società petrolifera californiana ha infatti chiuso il quarto trimestre del 2016 con utili che si attestano sui 415 milioni di dollari. Un risultato buono se lo si confronta con i conti finanziari dello stesso periodo dell’anno precedente in cui la Chevron Corporation registrava una perdita di 588 milioni di dollari. A fine 2016, al netto di voci straordinarie, l’utile per azione è di 0,22 dollari contro gli 0,31 dollari di perdita nel 2015. Nonostante i dati in controtendenza, la Chevron Corporation non ha però mantenuto le attese degli analisti che avevano previsto un utile per azione di 0,64 dollari.

I ricavi della società petrolifera statunitense si sono attestati a 30,142 miliardi di dollari contro i 28,014 miliardi di dollari registrati nel quarto trimestre dell’anno precedente (2015). Considerando nel suo complesso l’esercizio 2016, la Chevron Corporation ha registrato una perdita di 497 milioni di dollari, mentre a chiusura del 2015 si sono registrati utili per 4,6 miliardi di dollari.

Il fatturato complessivo annuo è stato pari a 110,21 miliardi di dollari, leggermente in calo rispetto ai 129,92 miliardi di dollari dell’esercizio precedente. Gli utili del 2016 sono sicuramente influenzati dal calo dei prezzi nel settore di petrolio e gas. La contrazione dei prezzi di mercato ha messo il management di Chevron Corporation nelle condizioni di operare un taglio alle spese pari a 14 miliardi di dollari. Il titolo Chevron ha comunque subito una riduzione del 2,8 % nel pre-mercato.

Il 2017 si è aperto invece con un trend al rialzo e l’utile del primo trimestre è tornato a crescere per Chevron Corporation. Nei mesi da gennaio a marzo il gruppo petrolifero ha registrato profitti per 2,7 miliardi di dollari, un dato importante rispetto alla perdita di 725 milioni di dollari che si registrava nello stesso periodo dell’anno precedente.

In un anno, gli utili per azione sono passati da un valore negativo di 0,39 dollari a un valore positivo di 1,41 dollari, superando le attese degli analisti che avevano previsto un utile per azione di 0,86 dollari.

Nel primo trimestre del 2017 i ricavi del gruppo Chevron Corporation sono dunque saliti del 39% su base annuale passando da 23 miliardi di dollari a 32 miliardi di dollari.

L’utile complessivo è comunque positivo, pur scorporando 600 milioni di dollari derivanti dalla cessione di asset upstream in Indonesia.

Per il settore petrolifero il 2017 è il primo anno di respiro dopo il crollo del prezzo del petrolio dello scorso anno (ai minimi dal 2003). L’ottimismo è stato generato dall’accordo OPEC per il taglio di produzione.

L’Agenzia Internazionale per l’Energia ha pubblicato le sue previsioni 2017 per il prezzo del petrolio con una stima che si aggira sulla media di 50 dollari al barile.

 

Vantaggi e punti di forza delle azioni Chevron come attivo di Borsa

Per trattare in maniera efficace sulla quotazione delle azioni Chevron vi proponiamo di gettare uno sguardo sui loro principali punti di forza che confronteremo poi con i loro punti deboli. Ecco quindi la lista dei principali vantaggi di questa impresa che potrebbero comportare un rialzo del loro corso. 

Prima di tutto, il posizionamento di Chevron nel suo settore di attività è molto interessante. Bisogna infatti ricordarsi che questo gruppo è attualmente uno dei leader mondiali della fornitura di energia alle persone.

Chevron è anche una società molto ben rappresentata a livello internazionale e gode infatti di una presenza importante nell’insieme del mercato mondiale commercializzando la propria energia in tutti i continenti e proteggendosi dai rischi legati ad una sola zona economica.

Gli investitori di Borsa e gli azionisti apprezzano anche la stabilità della situazione finanziaria del gruppo Chevron che permette di avanzare delle ipotesi più o meno affidabili sulla sua redditività a lungo termine ed evitare cattive sorprese.

Chevron si distingue dai suoi concorrenti anche per quanto riguarda l’energia prodotta tramite la geotermia, settore specifico di cui è leader mondiale. Può inoltre contare sulla sua forza lavoro avendo 67.000 dipendenti nel mondo.

Il fatto che il gruppo Chevron abbia fatto di tutto per diversificare al massimo le proprie attività è ovviamente un altro punto forte significativo da sottolineare. Va ricordato infatti che questa impresa non si limita a fornire energia ma propone anche servizi di raffinazione, esplorazione e geotermia.

Infine, l’ultimo punto di forza di Chevron riguarda la sua appartenenza al gruppo Energy Corporation, gruppo di levatura internazionale che gli garantisce una sicurezza finanziaria a lungo termine.

 

Inconvenienti e punti deboli delle azioni Chevron come attivo di Borsa

Dopo aver indicato i principali punti di forza di Chevron passiamo ora ai suoi più grandi difetti che potrebbero comportare un calo della quotazione di queste azioni in Borsa o frenarne una tendenza lunga al rialzo.

Prima di tutto vi ricordiamo che il gruppo ha recentemente incontrato alcune grandi difficoltà che sono sempre d’attualità a causa di problemi ambientali che comportano infatti dei costi significativi che penalizzano la redditività globale del gruppo.

Altri problemi, di ordine giuridico questa volta e che del resto hanno avuto un impatto in tutto il settore dell’energia, hanno danneggiato questa impresa rallentandone fortemente il ritmo economico. Si può in particolare citare, tra le cause che hanno avuto un impatto maggiore sull’immagine di marca di questo gruppo, il fatto che la società non abbia rispettato il Clean Air Act negli Stati Uniti.

Un altro punto debole della società Chevron riguarda la sua tendenza a ridurre gli stock di prodotti, riduzione che potrebbe causare dei problemi in caso di crescita della domanda a causa di un’incapacità a rispondere a tempo.

Le attività del gruppo Chevron che hanno luogo in alcune zone geografiche specifiche come la California, l’Africa o i territori equatoriali vengono giudicate come pericolose per l’ambiente e potrebbero essere oggetto di proibizioni.

Questa impresa è stata anche direttamente coinvolta nel forte calo di volume d’affari del settore dei prodotti raffinati.

Infine, e senza dubbio a causa di un calo di efficacia del settore estrattivo e della produzione, si constata ormai da qualche anno un calo importante delle riserve di petrolio grezzo e di gas detenute dall’impresa. Ciò ha indotto investitori ed analisti a mostrarsi relativamente preoccupati quanto alla capacità di queste azioni di seguire una tendenza positiva negli anni a venire.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.