IBM

Analisi della quotazione delle azioni IBM

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

L’informatica è sicuramente uno dei settori economici che ha conosciuto la maggiore espansione nel quotazione degli ultimi decenni. È quindi normale che le grandi società di questo settore attirino investitori dal mondo intero. Tra le società quotate in Borsa i cui titoli sono tra i più ricercati al momento attuale, vi proponiamo di scoprire adesso il gigante americano IBM. Ecco quindi delle informazioni pratiche ed alcuni dati per capire meglio la sua attività e realizzare una buona analisi dei valori dell’azione IBM.

Ultimi notizie

IBM nomina uno dei suoi ex CFO a capo della nuova società

11/01/2021 - 08h16

Per rispondere favorevolmente alle esigenze dei propri clienti, IBM prevede di suddividere le proprie attività di infrastruttura IT. Verrà quindi creata una nuova società. Sarà gestito da Martin Schroeter, ex CFO del gruppo

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

Andranno ovviamente tenuti d’occhio in particolare i progetti dell’azienda tesi a diversificare maggiormente la sua offerta perché si tratta ad oggi di uno dei maggiori fattori di rischio per IBM.

Analisi n. 2

Bisognerà seguire inoltre con attenzione le alleanze strategiche e i partenariati che IBM potrebbe stringere con aziende di vari settori di attività.

Analisi n. 3

Le capacità in ricerca e sviluppo della IBM sono quindi anche un importante punto di sviluppo. È infatti sull’innovazione che si basa la competitività dell’azienda nel suo settore di attività.

Analisi n. 4

Va da sé che si dovrà anche seguire tutte le pubblicazioni di risultati dell’azienda e controllare in particolare il raggiungimento degli obiettivi annunciati in occasione dei differenti piani strategici del gruppo. Questo dato è infatti uno dei più seguiti dagli investitori ed ha una forte influenza sulla quotazione delle azioni IBM a breve e medio termine.

Analisi n. 5

La salute economica del settore informatico in generale da cui dipendono notevolmente gli ordini della IBM ha ovviamente tutta la sua importanza e deve essere integrata agli studi fondamentali così come il livello di crescita dei paesi più sviluppati.

Analisi n. 6

Infine, bisognerà ovviamente realizzare uno studio completo della concorrenza e dell’evoluzione delle quote di mercato di ognuna delle grandi aziende presenti nel settore delle tecnologie informatiche nonché i nuovi prodotti, le innovazioni e i nuovi contratti in grado di favorire un gruppo rispetto a un altro.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione della società IBM

La società IBM, o International Business Machines, è un gigante americano dell’informatica e rimane ancora oggi uno dei leader del mercato sul piano internazionale. Generando un volume d’affari di diverse decine di milioni di euro ogni anno, la sua attività tocca diversi settori. Si tratta principalmente di prestazioni di servizi informatici ma anche di sviluppo di software, di fabbricazione e di vendita di materiale informatico e di finanziamento di materiale informatico.

Realizza la maggior parte dei propri introiti negli Stati Uniti ma anche in Europa, nel Medio Oriente, in Africa e nell’Asia Pacifica.

Analisi della quotazione delle azioni IBM
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Concorrenza

Ci occupiamo ora dell’ambiente in cui opera il gruppo IBM e, più precisamente, delle imprese che lo fronteggiano e che possono sottrargli quote di mercato negli anni a venire. Ecco una presentazione degli avversari:

Apple

 Uno dei principali concorrenti di IBM è ovviamente la multinazionale statunitense Apple che produce e commercializza vari prodotti elettronici di largo consumo tra cui personal computer e software. Naturalmente il gruppo è conosciuto soprattutto per i computer, i telefoni cellulari e i tablet ma anche per le applicazioni desktop e i software destinati ai professionisti. Apple occupa oggi più di 137.000 dipendenti e gestisce in proprio 506 negozi in 25 paesi.

Cisco Systems

Anche questa impresa statunitense è specializzata nel settore informatico, in particolare in materiale per reti e server. Attualmente è un grande concorrente di IBM in questo segmento.

HP

La società HP, Hewlett-Packard Company, è una multinazionale statunitense che in passato era specializzata nell’elettronica e nella strumentazione e che si è poi sviluppata in informatica, stampanti, server, reti, software e multimedia. Vende anche computer e periferiche e la sua sede si trova in California a Palo Alto.

Intel Corporation

Il gruppo statunitense Intel è un altro concorrente di IBM ed è inoltre il leader mondiale del settore dei semiconduttori in termini di fatturato. È specializzato in particolare nella produzione di microprocessori, schede madre, memorie flash e processori grafici. L’impresa è quotata sul mercato NASDAQ.

Microsoft Corporation

 Un’altra multinazionale statunitense da seguire è, ovviamente, la società Microsoft che, creata da Bill Gates e Paul Allen, è una delle più grandi capitalizzazioni del NASDAQ. Attualmente il gruppo opera in oltre 120 paesi e impiega oltre 148.000 dipendenti.

Oracle

Infine, l’ultimo concorrente importante di IBM è il gruppo Oracle, noto in particolare per il suo sistema di gestione di database e il suo server applicativo. Attualmente, il gruppo Oracle è la seconda più grande impresa nel segmento dei software in termini di fatturato e di capitalizzazione di mercato ed è quindi un operatore da monitorare con attenzione nel quadro delle analisi.


Alleanze strategiche

VMware Inc

Nel 2018, IBM e VMWare hanno annunciato una partnership strategica con nuove offerte che mirano ad accelerare l'adozione aziendale del cloud ibrido. La partnership include un'offerta di servizi IBM per aiutare a migrare ed estendere i carichi di lavoro mission-critical VMware al Cloud IBM e nuove integrazioni per aiutare le imprese a modernizzare le loro applicazioni con Kubernetes e container.

iExec

Dopo che IBM ha annunciato partnership con la Columbia University e Seagate sulla blockchain, ha annunciato una partnership con la startup cinese iExex nel tentativo di rafforzare la sicurezza della sua infrastruttura decentralizzata. Il cloud computing permette di spostare la potenza di calcolo necessaria per i compiti di calcolo su Internet, permettendo al più modesto dei dispositivi elettronici di eseguire calcoli complessi.

BNP Paribas

Sempre nel 2018, la banca francese BNP Paribas ha rinnovato la sua partnership con IBM per 8 anni.  Attraverso questa partnership iniziale, la banca ha creato la società di servizi IT BNP Paribas Partners for Innovation o BP2I nel 2003, una joint venture 50/50 tra i due gruppi. Questo accordo permetterà a BNP Paribas di continuare a sviluppare il suo approccio Cloud attraverso le soluzioni offerte da IBM Services.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Prima di tutto, per poter puntare sul rialzo della quotazione delle azioni IBM a lungo termine, bisogna prendere conoscenza degli aspetti positivi di questa azienda e della sua capacità di incrementare la propria crescita negli anni a venire. Scopriamo insieme quali sono gli atout del gruppo IBM per rassicurare e attirare gli investitori e, quindi, per permettere alle sue azioni di guadagnare dei punti.

Per prima cosa, il marchio IBM è ovviamente uno dei più solidi del settore delle tecnologie dell’informazione sul mercato internazionale. Questa popolarità e notorietà del marchio derivano dalla popolarità stessa dei prodotti proposti dal gruppo nonché dalla competenza dell’azienda nel fornire ai propri clienti delle soluzioni hardware e software alla punta della tecnologia. Grazie a ciò il gruppo IBM riesce quindi sia a conquistare nuovi clienti che a fidelizzare quelli acquisiti proponendo regolarmente, oltre ai prodotti consolidati, delle novità.

Il gruppo IBM beneficia anche di una lunga esperienza e di grandi competenze per quanto riguarda la gestione dei suoi processi di produzione e dei suoi materiali. Il gruppo è infatti da lunga data uno dei più innovativi al mondo e ciò gli ha dato il tempo di mettere in opera in seno all’azienda delle strategie commerciali e degli efficaci programmi di sviluppo delle risorse umane capaci di creare dei talenti e di sviluppare costantemente le competenze dei propri dipendenti. Il gruppo svolge anche un ruolo da leader nello sviluppo e nell’innovazione dell’industria informatica. Coerentemente con questa linea di conduzione aziendale, il gruppo trae una gran parte delle proprie energie dalla sua cultura organizzativa.

Un altro punto di forza della società IBM importante da mettere in evidenza è ovviamente il suo portafoglio di proprietà intellettuali. La società, infatti, deposita incessantemente nuovi brevetti e trae la propria forza dal possesso di brevetti di alto livello che danno vigore all’azienda e la rendono più concorrenziale.

Infine, da lunga data il gruppo si mostra capace di realizzare delle forti economie di scala che gli permettono di mantenersi competitivo permettendo al tempo stesso ai suoi clienti di beneficiare di prodotti a basso prezzo nonostante gli elevati costi dei nuovi prodotti tecnologici.

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Anche se il gruppo IBM sembra avere tutte le carte in regola per garantirsi il successo nel futuro non bisogna tuttavia trascurare, visto che esistono, gli aspetti negativi e i suoi principali punti deboli. Per non assumere dei rischi sconsiderati, infatti, dovete conoscere anche i difetti di questo valore e gli eventuali freni alla durata nel tempo del gruppo. È quanto vi proponiamo di scoprire qui indicandovi le debolezze della IBM.

La prima debolezza del gruppo IBM riguarda la possibilità di imitare i suoi prodotti. Per ridurre questo rischio l’azienda deve puntare prima di tutto su una strategia di leadership dei costi. Questa strategia consiste nel concentrare gli sforzi nella riduzione dei costi dei processi produttivi. Tuttavia, IBM incontra notevoli difficoltà nel rendere i propri prodotti unici e difficilmente imitabili e, di conseguenza, i suoi concorrenti sono rapidamente in grado di produrre delle soluzioni tecnologicamente similari e di contrastare le innovazioni del gigante statunitense.

Il gruppo IBM ha recentemente deciso di ricentrare le proprie attività sui prodotti e sulle soluzioni che presentano dei migliori margini, decisione che pone il problema della varietà dell’offerta. Il gruppo si è infatti separato dalle attività meno redditizie come i personal computer, ramo venduto a Lenovo nel 2005, a vantaggio di alcuni prodotti esclusivi. Ciò espone ovviamente il gruppo a dei rischi maggiori in quanto un numero limitato di linee di produzione genera oggi la maggior parte degli utili del gruppo.

Analogamente, e a causa di questa mancanza di diversificazione, anche i mercati su cui punta IBM sono limitati e riguardano unicamente l’industria delle tecnologie e dell’informatica. I rischi sono in questo caso quelli di un’esposizione troppo diretta e troppo forte in un unico settore di attività nonché ad una forte dipendenza da esso. La recente riduzione della gamma di prodotti decisa da IBM accentua ulteriormente questo problema che, in certe configurazioni di mercato, potrebbe pesare fortemente sui risultati aziendali.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.

Domande frequenti

Qual sono stati gli ultimi dati finanziari della società IBM?

Ad oggi, il gruppo IBM non ha ancora pubblicato i propri risultati annuali per il 2019. Nel 2018, il fatturato è stato di 79.591 milioni di dollari con un utile netto di 8.728 milioni di dollari. Da notare, inoltre, che a fine 2019 la capitalizzazione borsistica totale del gruppo era di 118.977 milioni di dollari. Questi risultati sono ovviamente disponibili e aggiornati nel sito ufficiale dell’azienda.

Chi sono i principali azionisti del gruppo IBM?

I principali azionisti del gruppo IBM sono: Capital Research & Management per l’8.55%, The Vanguard Group per l’8.01%, SSgA Funds Management per il 6.08%, BlackRock Fund Advisors per il 2.49%, Putnam per il 2.35%, State Farm Investment Management per l’1.88%, Geode Capital Management per l’1.41%, Northern Trust Investments per l’1.33%, Brandes Investment Partners per l’1.17% e Marsico Capital Management per l’1.06%.

Quando è stata creata la società IBM?

Il gruppo IBM è stato creato il 13 giugno 1911 in seguito alla fusione tra Computing Scale Company e Tabulating Machine Company prendendo il nome di CTR, Computing Tabulating Recording Company. Nel 1924 diventa poi IBM, International Business Machines Corporation. Per molto tempo l’azienda è stata chiamata “Big Blue”, per via del colore del suo logo, e per molti anni è stata la prima capitalizzazione borsistica mondiale.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com