Comprare azioni Adobe

 

I nostri consigli per fare trading sulle azioni Adobe

Comprare azioni Adobe

Vediamo ora in che modo potete realizzare un’analisi fondamentale completa e coerente della quotazione delle azioni Adobe utilizzando i dati provenienti dalle notizie di attualità. Ecco gli elementi da seguire con attenzione:

  • Gli sforzi fatti dal marchio in direzione della sua espansione sul mercato sono ovviamente degli elementi importanti che sarà importante seguire così come il lancio di nuovi prodotti innovativi.
  • Andrà inoltre seguita da vicino la strategia attualmente in corso presso Adobe tesa a mirare con maggior precisione le esigenze dei clienti.
  • L’industria informatica nel suo complesso sarà un buon indicatore per seguire le azioni Adobe dato che le vendite dell’azienda sono strettamente connesse alle vendite di computer nel mondo.
  • Le operazioni di acquisto di altre aziende innovative possono permettere ad Adobe di accrescere il suo portafoglio di prodotti.
  • Dato che l’assenza di prodotti Adobe destinati ai computer funzionanti sotto Linux è un vero e proprio problema per il gruppo, lo sviluppo di prodotti di questo tipo sarà un evento importante che avrà degli effetti.
  • Inoltre, si assiste a volte a delle critiche verso i prodotti Adobe che possono nuocere all’immagine di marca del gruppo e devono quindi essere prese sul serio.
  • Infine, il fatto che alcuni marchi proibiscano ad Adobe di sviluppare dei prodotti per loro, come è stato il caso per il gruppo Apple, è una limitazione che deve essere presa in considerazione.
Servizio di CFD - 80.6% perdono denaro

Investire su un valore tecnologico come le azioni Adobe è un ottimo modo per realizzare dei profitti interessanti tramite il trading online. Ma prima di lanciarsi in questa avventura e comprare o vendere queste azioni sul mercato, è bene prendersi qualche minuto per mettere insieme alcune informazioni su questo valore.  

 

A proposito del gruppo Adobe

Il gruppo statunitense Adobe Systems è uno specialista dello sviluppo di software destinati alla creazione, pubblicazione e diffusione visiva o digitale di contenuti. Tuttavia è importante suddividere la sua attività in diversi poli in funzione della parte del volume d’affari che essi rappresentano.

La maggior parte del volume d’affari dell’impresa Adobe, ovvero il 67,3%, è prodotta dai software per i media digitali come i software di creazione, illustrazione, visualizzazione, conversione e diffusione di contenuti digitali.

Seguono i software di vendita online e di gestione di processi d’impresa che producono il 29,7% del volume d’affari ovvero i software di pubblicazione web, i software di messa in sicurezza delle informazioni, i software di pianificazione delle risorse, di gestione della produzione di documenti e di automatizzazione delle applicazioni.

Il 3% restante del volume d’affari, infine, deriva dai software di stampa in alta definizione o di formazione online.

Infine si può anche notare che la vendita di abbonamenti online genera la maggior parte delle entrate, prima ancora della vendita di prodotti e di servizi. Questi ultimi rappresentano infatti soltanto l’8% degli utili della società Adobe Systems.

Il gruppo si rivolge principalmente al mercato degli Stati Uniti ma raggiunge anche, in ordine di importanza, gli altri stati delle Americhe, l’Europa, il Medio Oriente, il Giappone e l’Asia.

 

I principali concorrenti di Adobe

Il mercato dei software è un mercato in continua evoluzione sul quale i vari concorrenti si combattono duramente a colpi di innovazioni e strategie di marketing. Il gruppo Adobe è attualmente il decimo fornitore di software al mondo e subisce quindi una forte concorrenza da parte di alcuni gruppi internazionali, principalmente statunitensi ma non solo, che è importante conoscere prima di lanciarsi nel trading online di questo titolo.

Ecco quindi la classifica delle più grandi aziende di questo settore per livello di quote di mercato:

  • Microsoft occupa attualmente il primo posto della classifica mondiale.
  • È immediatamente seguita da IBM che realizza tuttavia un volume d’affari molto inferiore ed occupa quindi la seconda posizione.
  • Viene poi l’altro statunitense, Oracle, che segue molto da vicino IBM in termini di volume d’affari. Si posiziona quindi al terzo posto.
  • I posti da 4 a 10 della classifica sono occupati dalla tedesca SAP e dagli statunitensi EMC, Symantec, HP, CA, Intuit e Adobe.
  • Il gruppo Adobe è immediatamente seguito in classifica da altre aziende che possono rappresentare una minaccia per le sue quote di mercato come Apple, Fujitsu, Sage, SAS, BMC Software, Cisco, NEC, Hitachi e Dassault Systems.

Troverete facilmente delle informazioni su queste aziende nel sito del vostro broker.

 

I principali partner di Adobe

  • Nel 2016, in occasione della convention annuale Ingnite di Atlanta, il gruppo Adobe ha annunciato il proprio partenariato con il gruppo Microsoft nel quadro della comune partecipazione alle piattaforme Microsoft Azure, Adobe Marketing Cloud e Microsoft Dynamics 365.
  • Nel 2017 Adobe ha anche concluso un partenariato con la società Reuters che le permetterà di proporre tramite il proprio software Adobe Stock un vasto archivio di fotografie e sequenze video fornite dall’agenzia di stampa nei settori delle news, dello sport e dell’intrattenimento.

 

Analisi del corso delle azioni Adobe

Il corso delle azioni Adobe è ad oggi quotato nel NASDAQ Global Select Market negli Stati Uniti ed integra il calcolo dell’indice borsistico NASDAQ 100.

Una semplice occhiata ai dati borsistici di questi ultimi dieci anni basta a confermare l’idea che le azioni Adobe siano decisamente un titolo molto stabile e quindi molto sicuro. L’analisi tecnica storica dei loro prezzi mostra infatti delle tendenze di fondo lunghe e stabili con pochi rivolgimenti e senza sorprese.

Negli ultimi dieci anni soltanto due movimenti si sono succeduti, da principio con una leggera tendenza al ribasso registrata tra novembre 2007 e marzo 2009, che fece passare il titolo dal livello di 43,24$ a 17,16$. Una ripresa al rialzo netta e progressiva ha fatto seguito permettendo alle azioni Adobe di superare la soglia psicologica dei 100$ nel luglio 2016.

 

Dati borsistici importanti sulle azioni Adobe

Ecco alcuni dati borsistici da conoscere sulle azioni Adobe:

  • Nel 2017 la capitalizzazione borsistica totale della società Adobe raggiunge i 68.293,06 milioni di dollari.
  • Il numero di titoli emessi dalla società Adobe attualmente in circolazione sul mercato è di 2.393.909.
  • Il corso delle azioni Adobe viene quotato negli Stati Uniti sul NASDAQ Global Select Market del NASDAQ All Markets.
  • La società Adobe fa anche parte della composizione dell’indice borsistico statunitense NASDAQ 100 ed è quindi una delle 100 aziende di questo settore dalla più alta capitalizzazione in Borsa.
  • L’azionariato della società Adobe è composto per il 6,82% da quote di FMR LLc, per il 6,64% da quote di Primecap Management, per il 5,90% da quote di Vanguard Group, per il 3,71% da quote di State Street Corporation, per il 3,51% da quote di JP Morgan Investment Management, per il 3,07% da quote di Bank of New York Mellon Corporation, per il 3% da quote di Jennison Associates LLC, per il 2,63% da quote di Black Rock Institutional Trust Company, per il 2,23% da quote di Janus Capital Management LLC e per il 2,22% da quote di Sands Capital Management.

 

Vantaggi e punti di forza delle azioni Adobe come attivo di Borsa

Per farvi un’idea più precisa della direzione che potrebbe prendere la quotazione delle azioni Adobe nei mesi e negli anni a venire, vi proponiamo di scoprire i punti di forza di questa azienda nonché le sue debolezze. Cominciamo dai vantaggi di cui dispone questo gruppo.

Il marchio Adobe gode di un’immagine di grande affidabilità agli occhi dei consumatori e ciò gli permette di fidelizzarli e di acquisire nuovi clienti.

Adobe profitta inoltre del fatto che il 98% dei computer desktop attualmente commercializzati integra una o più soluzioni di questa azienda, allargando così notevolmente la sua platea di clienti.

Il gruppo Adobe viene inoltre considerato come un gruppo particolarmente innovativo e ciò rende i suoi prodotti particolarmente apprezzati e ricercati dagli utenti.

Nel quadro dei suoi numerosi partenariati Adobe ha anche avuto l’intelligenza di associarsi a dei media digitali e a degli specialisti della creazione dei dati, cosa che gli dà un certo vantaggio presso i clienti professionali e contribuisce alla loro fidelizzazione.

Anche la massa salariale di questa azienda è una garanzia di successo nonché l’immagine di quest’ultimo. Adobe impiega attualmente oltre 9.000 dipendenti nel mondo.

In aggiunta ai suoi prodotti faro, Adobe continua a fare innovazione proponendo delle importantissime attività di sviluppo in alcuni paesi come Stati Uniti, Canada, Germania, India, Romania e Cina. Questi paesi non sono stati scelti a caso ma perché sono molto promettenti in termini di vendite future in considerazione delle loro abitudini e del loro sviluppo economico.

 

Svantaggi e punti deboli delle azioni Adobe come attivo di Borsa

Avete appena visto quali sono i numerosi punti di forza di cui dispone il gruppo Adobe, punti che dovrebbero potenziare la sua crescita, ma questa azienda ha anche dei punti deboli che vi proponiamo ora di scoprire.

Dispiace che Adobe non si sia impegnata maggiormente nello sviluppo di soluzioni adatte al sistema operativo Linux che rappresenta oggi una quota del mercato dell’informatica che, sebbene piccola, è comunque importante. Ad oggi Adobe non dispone infatti di nessun prodotto differenziato in grado di sfondare su questo sistema operativo.

Sempre in tema di punti deboli di Adobe, si può sottolineare il fatto che alcuni dei suoi prodotti sono comunque relativamente costosi per poter essere distribuiti in gran quantità. È il caso dei pacchetti software e delle soluzioni creative.

Infine, le funzionalità che Adobe ha inventato e messo in opera non si può dire che siano veramente orientate verso la soddisfazione del cliente e il tasso di soddisfazione è infatti inferiore alla media.

 

Valutazione: 4.48 25 voti

Dove trattare le azioni Adobe online?

È molto semplice accedere alle azioni Adobe online perché le piattaforme di trading di maggior qualità ne offrono la possibilità attraverso un semplice conto come trader. Raggiungete subito una di esse.

Inizia a fare trading su Adobe
80.6% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.