P&G (PROCTER & GAMBLE)

Analisi della quotazione delle azioni P&G (Procter & Gamble)

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

Tra le azioni di grandi società statunitensi su cui è possibile fare trading online con i CFD si trovano ovviamente quelle del gruppo Procter & Gamble. Ci interessiamo quindi nel dettaglio a questo titolo fornendo le informazioni necessarie nel quadro della sua analisi. In questo articolo illustriamo le attività esatte di questa società, i suoi principali concorrenti internazionali, le sue recenti partnership e forniamo inoltre delle tracce da seguire nel quadro dell’analisi fondamentale.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

La strategia di espansione del gruppo P&G, in particolare per quanto riguarda il suo sviluppo nelle zone urbane ma anche lo sfruttamento sempre più importante delle zone rurali, è un elemento da seguire con attenzione.

Analisi n. 2

Andranno ovviamente tenute d’occhio con attenzione le operazioni di fusione e di acquisizione del gruppo che potrebbero, a termine, rafforzare l’azienda incrementando ulteriormente la sua espansione e la sua diversificazione.

Analisi n. 3

Per quanto riguarda l’analisi della domanda, andranno seguite le fluttuazioni del potere d’acquisto nel mondo e più in particolare nei paesi in cui è presente P&G.

Analisi n. 4

Come detto in precedenza, nel settore in cui opera Procter & Gamble la concorrenza è forte. È quindi importante seguire con attenzione tutte le pubblicazioni importanti e i risultati delle imprese concorrenti nonché l’evoluzione delle quote di mercato. Bisognerà comunque prendere in considerazione anche la concorrenza dei prodotti locali che sono spesso meno costosi.

Analisi n. 5

Il gruppo Procter & Gamble si interessa sempre di più al commercio al dettaglio. Le operazioni effettuate in questa direzione potrebbero incrementare le sue vendite e devono quindi essere seguite con attenzione.

Analisi n. 6

Infine, dato il carattere internazionale delle attività di Procter & Gamble bisognerà anche prendere in considerazione le fluttuazioni del tasso di cambio tra il dollaro e le altre valute del Forex che influenzeranno la competitività del gruppo nelle esportazioni e quindi nelle sue vendite in generale.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione della società P&G (Procter & Gamble)

Proponiamo ora di approfondire la conoscenza del gruppo Procter & Gamble e delle sue attività.

Il gruppo Procter & Gamble è una società statunitense specializzata nel settore dei beni di consumo ed è uno dei leader mondiali della fabbricazione e vendita di tali prodotti.

Per comprendere meglio le attività di questo gruppo è possibile suddividerle in differenti categorie qui elencate a seconda del volume d’affari generato:

  • I prodotti per la cura del corpo e per l’igiene generano il 38,4% del fatturato del gruppo e includono i prodotti di igiene orale tra cui dentifrici, spazzolini e collutori sotto i marchi Crest, Oral-B e Scope, i prodotti farmaceutici sotto i marchi Vicks e Prilosec, i pannolini per neonati a marchio Pampers, la carta igienica a marchio Charmin, la carta asciugatutto a marchio Bounty e gli assorbenti a marchio Always e Tampax.
  • I prodotti per la pulizia della casa e per il bucato rappresentano il 32,6% del fatturato del gruppo e includono sapone per i piatti, detergenti, smacchiatori, ammorbidenti, deodoranti e varechina sotto i marchi Ariel, Downy, Dash, Tide, Bonux, Mastro Lindo, Swiffer, Febreze e Ace.
  • Vengono poi i prodotti di bellezza con il 19% del fatturato tra cui prodotti per la cura dei capelli (shampoo, coloranti e balsami sotto i marchi Pantene, Head & Shoulders, Herbal Essences, Wella e Koleston), per la cura del corpo (saponi, gel doccia e deodoranti sotto i marchi Camay, Zest, Secret e Old Spices), i prodotti cosmetici (trucco e cura del viso sotto i marchi Max Factor, Covergirl e Olay) e i profumi (con i marchi Hugo Boss, Lacoste e Escada).
  • Infine, i prodotti per la rasatura generano il 9,1% del fatturato e comprendono lamette, rasoi e batterie sotto i marchi Gilette, Mach3, Braun e Fusion.

Nel 2016 infatti sono stati ceduti all’azienda Coty circa 41 marchi per un valore complessivo di 12,5 miliardi di dollari. L’obiettivo è quello di concentrarsi sui brand più remunerativi. L’acquisizione del marchio Gilette, ad esempio, porta nelle casse del gruppo Procter & Gamble circa la metà del fatturato complessivo e oltre la metà dei suoi profitti.

Analisi della quotazione delle azioni P&G (Procter & Gamble)
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Concorrenza

Ci interessiamo ora all’ambiente economico diretto di Procter & Gamble presentando i suoi principali concorrenti sul mercato internazionale:

Colgate-Palmolive 

 Anche questa impresa statunitense è specializzata nella produzione e vendita di prodotti per la pulizia e per l’igiene ed è un protagonista internazionale di questo mercato con dei marchi molto noti.

Henkel 

 Il gruppo tedesco Henkel è un altro serio concorrente di P&G e propone al tempo stesso prodotti detergenti e per la pulizia domestica, cosmetici nonché colle e adesivi.

Unilever 

 Questa impresa britannica e olandese è un altro dei protagonisti di questo mercato e dispone di numerosi marchi di prodotti per la pulizia, per la cura del corpo e per la cosmetica.

L’Oréal 

 Questa azienda francese è specializzata in prodotti cosmetici ed è un gruppo internazionale attualmente leader del suo settore.

Johnson & Johnson 

 Questa società statunitense del settore farmaceutico fa concorrenza a Procter & Gamble sui segmenti dei prodotti di igiene e dei cosmetici.


Alleanze strategiche

Sebbene il gruppo Procter & Gamble abbia numerosi avversari sul mercato può comunque contare sul sostegno dei suoi partner. Le alleanze strategiche strette in passato dal gruppo e che presentiamo ora danno un’idea dell’importanza di questo tipo di operazione per la crescita dell'impresa e delle sue azioni in Borsa.

WalMart 

 WalMart è uno dei principali venditori al dettaglio con cui collabora Procter & Gamble ed è inoltre il leader del suo settore negli USA. Le due imprese hanno creato una partnership che permette di migliorare l’efficienza di ciascuna di esse grazie allo scambio di informazioni e alla coordinazione delle loro attività. Il sistema informativo messo in opera integra in particolare le informazioni su transazioni, operazioni e strategie.

EDF

 Un’altra interessante partnership è quella che Procter & Gamble ha stretto con EDF Renewable Energy, filiale del gruppo EDF, che è specializzata in energie rinnovabili in Nord America. La partnership riguarda la fornitura, da parte del gruppo francese, di elettricità eolica a tutte le sedi nord-americane di P&G.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Non è un caso se numerosi investitori puntano sulle azioni Procter & Gamble all’acquisto e a lungo termine. Questa azienda dispone infatti di moltissimi vantaggi che lasciano pensare che la sua crescita debba proseguire negli anni a venire e che quindi le sue azioni debbano continuare a suscitare interesse sui mercati. Vi proponiamo di scoprire qui più nel dettaglio questi vantaggi.

Tra i grandi vantaggi di questo gruppo possiamo citare il fatto che P&G dispone di un portafoglio di marchi molto esteso. I marchi sfruttati da questo gruppo sono infatti oltre 300 e gli permettono di essere presente in tutto il mondo.

Ciò ci porta naturalmente ad un altro vantaggio del gruppo che consiste nella sua espansione internazionale. P&G è infatti oggi presente in oltre 180 paesi e ciò gli garantisce una bassa esposizione al rischio dal punto di vista geografico. Ad oggi, l’impresa impiega inoltre oltre 100.000 dipendenti in tutto il mondo.

Sempre per quanto riguarda i marchi sfruttati da P&G si può anche sottolineare il fatto che alcuni di essi sono particolarmente redditizi. Fra i 300 marchi del gruppo, 24 mostrano infatti dei risultati che superano largamente il miliardo di dollari l’anno ed alcuni marchi in particolare come Gilette, Duracell, Ariel e Olay, sono tra i più grandi marchi al mondo.

La strategia di comunicazione del marchio P&G è anch’essa un innegabile vantaggio dell’azienda. Grazie ad una pubblicità di qualità e a degli investimenti sostanziosi nella comunicazione, Procter & Gamble gode infatti di un brand recall molto forte. Tra gli elementi di comunicazione strategica del gruppo si rileva in particolare il fatto che P&G è sponsor di numerosi grandi eventi sportivi e di intrattenimento che contribuiscono alla sua visibilità e alla sua popolarità presso i consumatori. Infatti, grazie a una forte presenza in occasione di eventi sociali, di competizioni e di altri eventi ad alta visibilità, il marchio è riuscito a creare un legame di prossimità con il mercato e i suoi clienti.

L’ultimo vantaggio di cui dispone il gruppo Procter & Gamble è senza dubbio la sua efficacissima rete di distribuzione che gli permette di commercializzare i suoi prodotti sia nei supermercati che nelle drogherie oppure online. La rete di approvvigionamento di questi punti vendita garantisce un’efficacissima disponibilità dei suoi prodotti.

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Adesso che conoscete bene i vantaggi di cui dispone il gruppo Procter & Gamble e quindi gli elementi che dovrebbero spingere la quotazione delle sue azioni in Borsa, vi proponiamo di scoprire anche le sue principali debolezze. P&G non dispone infatti unicamente di vantaggi ed ha anche i suoi punti deboli che a lungo termine possono nuocere alla sua redditività e causare un calo del prezzo delle sue azioni o rallentarne una tendenza al rialzo. Ecco gli elementi da prendere in considerazione in particolare.

Come tutte le imprese che gestiscono numerosi marchi conosciuti a livello mondiale, il gruppo Procter & Gamble è particolarmente esposto ai problemi di contraffazione di alcuni dei suoi prodotti. I prodotti contraffatti vengono venduti sotto lo stesso marchio, e ciò nuoce ovviamente sia alla sua immagine che alle sue vendite.

Secondo e ultimo punto debole della società Procter & Gamble è la fortissima concorrenza presente nel suo settore di attività. Infatti, che si tratti di concorrenti di pari importanza o di concorrenti sul singolo marchio, P&G deve fronteggiare numerosi avversari che non esitano a contrastarlo facendogli una vera e propria guerra dei prezzi per sottrargli quote di mercato e si trova obbligato a ridurre incessantemente i propri costi e ad ottimizzare i propri margini.

Come avete potuto constatare, le debolezze di Procter & Gamble sono meno numerose delle sue qualità e dei suoi vantaggi. Tuttavia questi due punti deboli possono avere un’influenza non trascurabile sulla quotazione delle sue azioni in Borsa e devono quindi essere prese sul serio.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.

Domande frequenti

Qual è la ripartizione geografica degli introiti di Procter & Gamble?

Attualmente, il gruppo Procter & Gamble realizza il 39% del suo fatturato negli Stati Uniti. Il suo secondo mercato per importanza è quello dell’Europa occidentale con il 19% del fatturato seguito dal mercato asiatico con il 18%, il mercato dell’Europa centrale e del Medio Oriente/Africa con il 14% e il mercato dell’America Latina con il 10%.

Chi sono i principali azionisti di Procter & Gamble?

Tra gli azionisti di Procter & Gamble che detengono le quote più elevate si trovano: The Vanguard Group 8.73%, BlackRock 6.71%, State Street Corporation 4.76%, Vanguard Investments Australia 2.84%, BlackRock Funds Advisors 2.28% e Fidelity Management & Research Company 2.37%.

Come seguire la quotazione delle azioni Procter & Gamble?

È molto facile seguire online la quotazione delle azioni Procter & Gamble dato che questo titolo viene quotato negli Stati Uniti sul Main Market del NYSE. È quindi possibile consultare i grafici borsistici di questo valore nella propria piattaforma di trading online con la possibilità di visualizzarvi differenti indici dell’analisi tecnica per avere successo nelle proprie strategie.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com