VISA

Analisi della quotazione delle azioni Visa

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

Avrete certamente notato che sul mercato bancario sono soltanto alcuni grandi nomi a dividersi il settore dei sistemi di pagamento come le carte di credito. Tra queste grandi società che generano ovviamente dei volumi d’affari estremamente elevati figura la società Visa i cui titoli vengono quotati in Borsa. Ecco quindi alcune informazioni a proposito della sua attività e dei consigli per realizzare un’analisi oggettiva e concreta della sua quotazione nel quadro di una strategia di investimento.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

La capacità del gruppo di collocarsi su questi mercati è una sfida importante per gli anni a venire e, di conseguenza, bisogna tenere d’occhio gli eventuali contratti e le notizie legate a questi paesi.

Analisi n. 2

Il forte incremento nell’utilizzo delle carte di credito a scapito degli altri metodi di pagamento come assegni e contanti è anch’esso un fenomeno promettente per Visa che deve cogliere questa opportunità di sviluppare ulteriormente la propria clientela. Si nota infatti ogni anno un aumento significativo delle operazioni di accredito e di addebito tramite queste carte.

Analisi n. 3

L’utilizzo delle carte di credito è stato anche spinto dal forte sviluppo del commercio online e di Internet in generale. Grazie ad un elevato livello di sicurezza, Visa si posiziona particolarmente bene su questo mercato permettendo di effettuare delle transazioni online sicure con le sue carte di credito. Visa cavalca inoltre l’onda di una nuova moda e di un nuovo metodo di pagamento tecnologico ovvero quello tramite smartphone. Questo nuovo mercato è infatti in piena espansione in molti paesi sia sviluppati che emergenti e permette di pagare i propri acquisti senza contatto utilizzando il proprio telefono.

Analisi n. 4

Infine, dopo gli accordi di Basilea 3, Visa viene considerata come un attore bancario ma non è per questo influenzata dall’azione regolamentaria in corso e ciò la protegge da alcuni rischi.

Analisi n. 5

Da qualche anno, i prodotti e servizi Visa vengono inoltre minacciati da una nuova forma di concorrenza. Si tratta ovviamente dei modi di pagamento elettronico che sono attualmente in fase di piena espansione. Tra questi ritroviamo evidentemente i portafogli elettronici, come Paypal che è anche uno dei clienti del gruppo Visa, ma anche dei nuovi arrivati ovvero le monete dematerializzate come il Bitcoin e le altre valute elettroniche in pieno sviluppo sul mercato online.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione della società Visa

Una buona conoscenza del gruppo Visa ma anche, e soprattutto, delle sue attività, è ovviamente essenziale se si vuole essere in grado di prevedere le future variazioni del suo titolo perché aiuterà a cogliere le sfide e le opportunità che possono presentarsi all’azienda nei prossimi anni.

Il gruppo Visa è una società statunitense specializzata nel settore delle soluzioni di pagamento e, per la precisione, nell’emissione e nella commercializzazione di carte di pagamento.

Per comprendere meglio le attività di questo gruppo possiamo suddividerle in due poli principali:

  • La principale attività di Visa riguarda la vendita di mezzi di pagamento e, a questo titolo, il gruppo propone carte di credito, carte di debito, carte di pagamento online, carte prepagate e altri tipi di carte sotto i marchi Visa, Visa Electron, PLUS, Interlink e V Pay.
  • Il resto del fatturato del gruppo proviene da prestazioni di servizi. Visa offre infatti ai suoi clienti dei servizi di consulenza, assistenza, informazione, gestione di reti partner e altri.

Pur avendo sede negli Stati Uniti, Visa realizza oggi la maggior parte del proprio fatturato, vale a dire il 53,7%, a livello internazionale.

Secondo la relazione annuale fiscale che il gruppo ha  depositato alla SEC di Washington, il gruppo conta oltre 3,4 miliardi di carte di pagamento attualmente in circolazione e tali carte sono accettate da oltre 61 milioni di commercianti in tutto il mondo.

Le carte commercializzate da Visa si distinguono da quelle dei suoi concorrenti per il fatto che il loro numero di carta, composto da 16 cifre, comincia con il numero 4.

 

Analisi della quotazione delle azioni Visa
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Concorrenza

Ci interessiamo ora più nel dettaglio alla concorrenza diretta della società Visa, con una presentazione rapida ma completa dei suoi principali avversari nel suo settore di attività, vale a dire le carte di pagamento.

MasterCard Incorporated

Ovviamente, il gruppo Mastercard, quotato sul NYSE, è il principale concorrente di Visa. È una società statunitense di sistemi di pagamento e di prelievo che, fino al 2006, era una cooperativa detenuta da oltre 25.000 istituti finanziari mentre attualmente è una società quotata in Borsa. Il gruppo, che fa parte dei leader del settore, propone carte di credito o di debito sotto i marchi MasterCard, Maestro e Cirrus che vengono accettate in oltre 33 milioni di negozi in tutto il mondo.

American Express

Un altro importante concorrente di Visa è il gruppo American Express, una società finanziaria statunitense specializzata in mezzi di pagamento e nota per le sue carte di pagamento e i suoi traveller's cheques. Si tratta della quinta rete mondiale in termini di numero di titolari di carte e di commercianti che accettano le sue carte. Al momento della sua costituzione, nel 1841, il gruppo era un’impresa di trasporto di fondi che, nove anni dopo, ha assunto l’attuale nome di American Express.

Diners Club International

Diners Club è una società di carte di credito creata nel 1950. È stata la prima società indipendente del settore a livello mondiale e ha creato il concetto di una società autonoma che produce carte di credito per attività commerciali e pagamenti per viaggi e attività ricreative. Attualmente, Diners Club International e i suoi franchising servono ben 60 paesi.


Alleanze strategiche

Presentiamo ora alcuni esempi di partnership recentemente strette da Visa con altre imprese.

Accor

Nel 2020 il gruppo ha firmato un accordo strategico con il gruppo Accor per aprire nuove possibilità di pagamento ai membri del programma di fedeltà ALL-Accor Live Limitless. Questa partnership associa il programma di fedeltà di Accor ai mezzi di pagamento di Visa allo scopo di creare una nuova carta, ALL Visa. I membri che la richiederanno potranno poi utilizzarla per i loro acquisti quotidiani, ovunque la carta sia accettata. Accor ha inoltre collaborato con le istituzioni finanziarie e bancarie partner di Visa nei principali mercati  d'Europa, Nord e Sud America, Medio Oriente e Asia Pacifica nel quadro dell’emissione della carta.

Crypto.com

Nel 2021 è stata inoltre stretta un’ulteriore partnership con Crypto.com, una piattaforma di cripto-moneta di Hong Kong, per lanciare una carta Crypto.com a livello internazionale. La carta consentirà prestiti fiduciari in bitcoin e altre cripto-monete, l’8% di sconto sugli acquisti, uno sconto su Spotify, Netflix e Amazon e nessun costo.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Per effettuare una presa di posizione lunga al rialzo sulla quotazione delle azioni Visa con i CFD o per integrare alcuni di questi titoli al proprio portafogli azionario è necessario avere la convinzione che questo titolo abbia delle grandi probabilità di guadagnare dei punti nei mesi e negli anni a venire. A tal fine dovete essere a conoscenza dei vantaggi di queste azioni per gli investitori e dei punti forti dell’azienda. È quanto vi proponiamo di scoprire qui in dettaglio grazie ad alcune informazioni sui punti di forza del gruppo Visa.

Una delle più grandi forze del gruppo Visa è ovviamente la sua identità di marca molto forte in tutto il mondo. Quando si pensa ad una carta di credito, infatti, i tre grandi nomi che vengono automaticamente in mente sono Visa, MasterCard e American Express e non il nome della banca che ha fornito la carta. Questa notorietà è infatti un pegno di fiducia da parte dei clienti acquisiti e potenziali.

Il gruppo Visa gode inoltre di un interessante posizionamento sul mercato delle carte di credito bancarie con una concorrenza estremamente bassa. Infatti, la situazione attuale è quella di un duopolio e i due principali attori sono Visa e MasterCard, i soli a puntare attualmente sul mercato di massa. Il funzionamento delle loro gamme di carte di credito li rende particolarmente interessanti agli occhi dei clienti che effettuano delle piccole transazioni ripetitive. Si potrebbe pensare che anche il gruppo American Express sia un concorrente diretto di Visa ma in realtà il suo posizionamento è molto più selettivo e ristretto rispetto ai due altri gruppi. Visa mira infatti al mercato di massa con un volume di transazioni molto elevato ogni secondo, cosa che offre un potenziale di vendite ricorrenti e ripetitive che fanno la sua forza. L’utilizzo di una carta di credito nel quotidiano è infatti diventato una vera e propria azione spontanea per i consumatori.

D’altra parte, Visa concentra le proprie attività più sulle carte di debito che su quelle di credito. Il gruppo riesce così a limitare fortemente i rischi connessi al credito.

È inoltre apprezzabile la qualità e la targhettizzazione delle acquisizioni fatte dal gruppo Visa che si adattano perfettamente al suo core business. Si evita così una certa dispersione che potrebbe essere percepita come pericolosa o rischiosa.

Infine, una delle principali qualità del gruppo Visa consiste nella qualità delle sue relazioni marketing e della sua comunicazione presso il grande pubblico. Da notare in particolare i grandi sforzi fatti nello sponsoring di grandi eventi sportivi come le Olimpiadi che permettono di raggiungere un vastissimo pubblico anche se a fronte di un investimento molto elevato. In tal modo Visa riesce ad aumentare la forza del proprio marchio e la sua notorietà e può quindi fronteggiare più serenamente la concorrenza.

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Per realizzare un’analisi precisa delle possibilità di crescita delle azioni Visa è ovviamente consigliabile conoscere sia le forze dell’azienda che le sue debolezze. Alcuni punti deboli possono infatti limitare il suo potenziale di crescita e far crollare il corso delle sue azioni a lungo termine. Ecco un riepilogo degli inconvenienti di questo attivo e dell’impresa.

Tra i più grandi punti negativi della società Visa va annoverata l’opzione messa in opera da Visa Europe che le dà la possibilità di chiedere a Visa Inc. di riacquistare le sue azioni. Una tale richiesta avrebbe ovviamente delle conseguenze molto importanti sulle finanze del gruppo con un’uscita di fondi molto elevata e rapida.

Si può anche sottolineare che il gruppo punta su una clientela di massa popolare e la scelta di carte di fascia alta presenti sul mercato è quindi limitata, laddove il suo concorrente American Express si posiziona molto bene. Questa specificità potrebbe pesare sui risultati del gruppo a lungo termine e frenare il suo sviluppo in certi segmenti della popolazione.

Infine, come tutti i valori di questo settore di attività, il valore Visa è fortemente esposto al mondo della finanza e agli imprevisti del settore bancario che sappiamo essere poco stabile negli ultimi anni.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.

Domande frequenti

Qual è stato l’ultimo bilancio annuale della società Visa?

Se si vogliono conoscere le ultime pubblicazioni finanziarie del gruppo Visa è possibile consultarle liberamente nel sito dell’impresa stessa nella sezione riservata agli investitori. Per quanto riguarda l’esercizio 2019, il fatturato della società è stato di 22.977 milioni di dollari statunitensi con utile netto di 12.080 milioni di dollari statunitensi. Per quanto riguarda la capitalizzazione borsistica attuale del gruppo, questa è di 404.885 milioni di dollari.

Chi sono i più grandi azionisti del gruppo Visa?

È interessante sapere come sia ripartito il capitale della società Visa tra i differenti azionisti privati: The Vanguard group 8.49%, Fidelity Management & Research 5.07%, T Rowe Price Associates IM 4.67%, SSgA Funds Management 4.52%, BlackRock Fund Advisors 2.57%, Massachussets Financial Services 1.57%, Capital Research & Management WI 1.56%, Geode Capital Management 1.55%, Capital Research & Management 1.24% e Northern Trust Investments IM 1.21%.

Bisogna privilegiare l’analisi fondamentale delle azioni Visa?

Per fare trading nella maniera più efficace possibile sulle azioni Visa bisogna effettivamente realizzare prima di tutto una buona analisi fondamentale di questo valore ma non va trascurata l’analisi tecnica che servirà a confermare o inficiare i segnali ottenuti e a sapere se il mercato abbia o meno già anticipato gli effetti di eventuali segnali fondamentali.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com