Ultimi notizie

Microsoft smantella l'attacco informatico nordcoreano

02/01/2020 - 10h15

Il gruppo Miucrosoft ha smantellato una rete di hacker in Corea del Sud e sta per vivere un anno 2020 di qualità secondo gli analisti specializzati in questo valore. Scopri i dettagli di questi annunci.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

La società Microsoft ha certamente un buon avvenire davanti a sé e dovrebbe quindi continuare ad ottenere ottimi profitti negli anni a venire facendo nuovi investimenti e sviluppando ulteriori innovazioni informatiche. É quindi saggio puntare sul rendimento a lungo termine dei suoi titoli acquistandoli tramite una banca online o un prodotto finanziario di piazzamento.

Analisi n. 2

Ma le azioni Microsoft vengono proposte ai trader anche sulla maggior parte delle piattaforme di trading online tramite i CFD. In questo caso è quindi possibile speculare a più breve termine, sia al rialzo che al ribasso. Per farlo è bene analizzare i vari mercati tecnologici e in particolare quelli dell'informatica e della telefonia mobile.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.

Presentazione generale della società Microsoft

La società Microsoft è stata creata negli Stati Uniti nel 1975 dal suo fondatore Bill Gates e dal suo associato Paul Allen, ormai noti quanto i grandi leader statunitensi.

In sintesi, la società Microsoft ha saputo trovarsi un posto al sole diventando il numero uno al mondo nello sviluppo e nella commercializzazione di sistemi operativi per computer e di software per PC e server. In seguito Microsoft ha approfittato dello sviluppo del settore Internet per allargare ulteriormente il suo campo d'azione con la creazione di Windows Live.

Ma il successo di questa società nel passato è stato spesso oggetto di controversie perché alcuni concorrenti ritenevano che abusasse della sua posizione dominante sul mercato.

Il volume d'affari della società Microsoft s'innalza a oltre 58 miliardi di euro e il suo risultato netto annuale è di circa 16 miliardi di euro.

 

Principali concorrenti di Microsoft

Il gruppo Microsoft è ancora oggi il leader nel suo ambito di predilezione ovvero i sistemi operativi visto che il suo sistema Windows è installato sulla grande maggioranza dei computer. Di fronte ad uno sviluppo tecnologico sempre più importante, però, ha saputo diversificare le proprie attività facendo così fronte ad una nuova forma di concorrenza che tocca i settori delle nuove tecnologie in generale.

Per capire meglio quali sono le società suscettibili di sottrarre quote di mercato a Microsoft, ecco alcuni dei principali concorrenti nel mondo di cui la maggior parte, come constaterete, sono quotati in Borsa.

 

I principali partner di Microsoft

Microsoft è anche partner di diversi tipi di società nel mondo alcune delle quali sono anch’esse quotate in Borsa.

È questo il caso, in particolare, della società Schneider Electric partner nello sviluppo di disruptive technology mirante ad ottimizzare le operazioni e trasformare i prodotti e i servizi grazie all’IoT.

Un altro partenariato firmato con Thales nel 2015 propone ormai il lancio di nuovi servizi che permettano di criptare informazioni sensibili prima di inviarle per email o di stoccarle nei Cloud.

Infine Microsoft ha annunciato un partenariato con Publicis che ha per obiettivo di moltiplicare la potenza dei dati online ed offline a beneficio delle grandi imprese.

 

Introduzione e quotazione delle azioni Microsoft

La società Microsoft è stata introdotta in Borsa per la prima volta nel 1986. Ad oggi viene ancora quotata sul mercato statunitense del NASDAQ. Dopo la sua introduzione le azioni Microsoft hanno avuto un’evoluzione principalmente al rialzo, passando per i 24,31 dollari durante alcuni mesi del 2005 prima di ricadere a 21,92 dollari nel 2006.

Ne segue un periodo di rialzo fino a dicembre 2007 quando raggiunge il livello dei 37,06 dollari prima di un nuovo crollo nel 2008 a causa della crisi che spinge i prezzi verso i 15,28 dollari, il loro livello storico più basso.

Da allora le azioni Microsoft hanno recuperato molti punti e sono state quotate fino a 28,58 dollari nel 2010.

La capitalizzazione borsistica globale di questa società s’innalza oggi ad oltre 250 miliardi di dollari. Da notare che i titoli Microsoft fanno parte del calcolo dell’indice statunitense Dow Jones.

 

I dati borsistici che è importante conoscere a proposito delle azioni Microsoft

Per cominciare a trattare sulla quotazione delle azioni Microsoft, è importante conoscere le informazioni citate in precedenza e relative alle attività del gruppo ed alla sua evoluzione ma bisogna anche conoscere alcuni dati borsistici di base:

Grazie all’insieme dei dati che vi abbiamo comunicato in questa pagina sarete in grado di realizzare delle analisi precise dell’evoluzione della quotazione delle azioni Microsoft.

 

Ripartizione del volume d’affari della società Microsoft in Borsa

Scoprite qui come Microsoft genera il proprio volume d’affari in funzione dei segmenti di attività che gestisce. Questa società utilizza infatti sette segmenti di prodotti: prodotti Client, Server e Strumenti, Information Worker, Microsoft Business Solutions, MSN, Mobile and Embedded Devices e Home and Entertainment.

Questi tre segmenti generano da soli la maggior parte del volume d’affari della società Microsoft.

Grazie alla diversità dei suoi prodotti e servizi, Microsoft ha potuto introdurre le proprie azioni in Borsa il 13 marzo 1986 sul mercato statunitense del NASDAQ. La società è poi diventata la seconda società mondiale in termini di capitalizzazione borsistica con una valorizzazione di 408,68 miliardi di dollari a novembre 2014.

A partire dal 1° dicembre 2004 la società ha cominciato a distribuire dei dividendi ai propri azionisti nella misura di 3$ per azione, grazie in particolare alla riduzione delle imposte associate che sono passate all’epoca dal 35% al 15%. In questo anno Microsoft ha distribuito ben 28 miliardi di dollari ai propri azionisti.

 

I vantaggi e i punti forti delle azioni Microsoft come attivo di Borsa

Le strategie rialziste lunghe sulla quotazione delle azioni Microsoft sono frequenti ma, prima di lanciarvi in questo tipo di posizione, dovete ovviamente assicurarvi che questo gruppo statunitense sia in grado di mantenere la propria crescita negli anni a venire e, per farlo, è indispensabile ben conoscere le sue potenzialità. È quanto vi proponiamo qui con un riassunto dei punti forti di questo valore e i vantaggi della società Microsoft.

Il miglior punto di forza della società Microsoft è senza alcun dubbio il suo posizionamento sul mercato mondiale. Questa azienda è infatti presente nel suo settore di attività da una quarantina d’anni con dei prodotti riconosciuti per la loro grande qualità. Grazie alla sua lunga attività e alle sue competenze Microsoft è riuscita a conquistare il grande pubblico e gode oggi del riconoscimento internazionale. I prodotti faro del gruppo, software e computer, si trovano oggi infatti in moltissime case ed uffici in tutto il mondo anche se principalmente nei paesi sviluppati.

La fidelizzazione dei clienti è un altro punto di forza della Microsoft. Infatti, grazie alla fortissima presenza dei prodotti Microsoft nella maggior parte delle case e degli uffici, il gruppo dispone di una base di clientela fedele e molto numerosa. Questi prodotti servono inoltre da supporto pubblicitario a prodotti complementari o software sviluppati dall’azienda. A titolo di esempio, il sistema operativo Windows propone regolarmente agli utenti l’aggiornamento all’ultima versione e, grazie a questo sistema di marketing ben rodato, Microsoft non deve fare molti sforzi per promuovere i suoi prodotti e risponde automaticamente alle esigenze degli utenti.

Forse sapete già che Microsoft si posiziona in quinta posizione nella classifica delle più grandi aziende del mondo in termini di valore del suo capitale. Questo fatto ci conduce ad un altro vantaggio innegabile di questa società: le capacità di investimento di questo gruppo sono enormi e aprono così la strada a molte possibilità di innovazione e di ricerca nonché a delle opportunità di acquisto di altre aziende che possono rappresentare un vero e proprio plus per il gruppo relativamente alla sua competitività futura. L’elevato capitale offre inoltre alla Microsoft la possibilità di mettere in opera una strategia di marketing molto aggressiva che le consente di conquistare sempre nuovi clienti.

Nonostante un sistema che non integra molti software liberi, Microsoft si distingue dai concorrenti grazie a prodotti e servizi di qualità. Propone in particolare numerose opzioni e un servizio clienti efficace e di qualità che contribuisce all’immagine di marca della società.

Infine, il bilancio finanziario ed economico di questo gruppo è un vero e proprio atout per rassicurare ed attrarre gli investitori. Gli obiettivi fissati vengono generalmente raggiunti e gli utili sono sempre presenti e interessanti.

 

Gli inconvenienti e le debolezze delle azioni Microsoft come attivo di Borsa

Come abbiamo appena visto, il gruppo Microsoft dispone di numerosi punti di forza per garantire la propria presenza nel tempo ma, prima di lanciarvi in una strategia rialzista lunga, dovete ovviamente conoscere anche le sue debolezze e gli elementi che potrebbero eventualmente frenare lo sviluppo e la crescita dell’azienda negli anni a venire. È proprio quello che vi proponiamo qui con il riassunto dei principali punti deboli di questo valore.

Il primo grande difetto del gruppo Microsoft riguarda la sua politica dei prezzi, spesso considerati troppo elevati. Microsoft deve infatti fronteggiare sempre di più una forte concorrenza da parte dei software liberi, quindi gratuiti, che sono in concorrenza diretta ai suoi. È il caso, per esempio, della suite OpenOffice che offre le stesse funzionalità della suite Microsoft Office ma è totalmente gratuita. È anche il caso di alcuni sistemi operativi come Linux, anch'esso disponibile gratuitamente. Sebbene Microsoft punti soprattutto sulla qualità dei suoi prodotti, a causa della sua politica dei prezzi perde numerosi clienti acquisiti e potenziali, situazione che potrebbe aggravarsi nel tempo a causa in particolare di un calo del potere d’acquisto nei paesi più sviluppati.

D’altra parte, il gruppo Microsoft ha molti concorrenti anche nel quadro della commercializzazione dei suoi prodotti e servizi a pagamento. Le aziende specializzate in tecnologia e informatica sono infatti sempre più numerose e mentre un tempo Microsoft doveva far fronte soltanto a una o due aziende, oggi sono centinaia quelle che cercano di sottrargli quote di mercato. Ad ogni modo, a fare ombra a Microsoft sono ovviamente sempre i giganti Apple e Google essendo anch’essi delle multinazionali che dispongono di un capitale elevato e quindi di capacità di innovazione altrettanto elevate. Questa concorrenza crescente offre ai consumatori una maggiore scelta tra i prodotti di questa gamma e ciò nuoce ovviamente sempre di più a Microsoft.

Domande frequenti

Quale è stata l’evoluzione recente della quotazione delle azioni Microsoft?

Dopo la sua prima quotazione, il corso delle azioni Microsoft si è notevolmente evoluto ed ha guadagnato molti punti ma negli ultimi anni l’evoluzione è stata particolarmente positiva e nel corso del 2019 il titolo ha registrato una variazione al rialzo del 28,31%. Studiando l’evoluzione del titolo nel corso degli ultimi cinque anni, si constata una variazione totale del 270,27%.

Quali sono gli ultimi dati finanziari su Microsoft?

A marzo 2020 la capitalizzazione borsistica del gruppo Microsoft è di 1.034 miliardi di dollari. I fondi propri della società sono di 102,33 miliardi di dollari. Il debito del gruppo Microsoft alla stessa data è di 32,5 miliardi di dollari. Il fatturato del gruppo per l’esercizio 2019 ammonta a 125,8 miliardi di dollari e il suo utile netto è di 39,2 miliardi di dollari per lo stesso anno.

Quali sono le attività di lobbying di Microsoft?

Per quanto riguarda le attività di lobbying svolte dal gruppo Microsoft nell’Unione Europea, è noto in particolare che Microsoft è iscritta dal 2009 al registro per la trasparenza dei gruppi di interesse della Commissione Europea. Relativamente alle sue attività negli Stati Uniti, va notato che le spese per lobbying del gruppo ammontano ogni anno a diversi milioni di dollari.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.