NOVARTIS

Analisi della quotazione delle azioni Novartis

--- Annuncio ---
72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

Il settore farmaceutico è attualmente uno dei più popolari sul mercato azionario e sembra interessare numerosi investitori. Se desiderate in particolare investire sulle azioni del gruppo Novartis, vi proponiamo alcune informazioni importanti a proposito di questa impresa e un’analisi rapida ma concreta della sua quotazione nei grafici borsistici storici.

Ultimi notizie

Novartis completa l'acquisizione in campo neuropsichiatrico

18/12/2020 - 09h45

In un comunicato stampa diffuso ieri sul tardi, il gruppo farmaceutico Novartis ha annunciato che stava per acquisire il laboratorio americano di neuropsichiatria Cadent.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

Si assiste attualmente ad uno sviluppo sempre più forte del settore dell’innovazione medicale su grande scala, in particolare nei settori della tecnologia e della salute in azienda. Il posizionamento di Novartis in questi due segmenti potrebbe permettergli di generare nuovi profitti.

Analisi n. 2

Il gruppo Novartis ha inoltre tendenza ad espandere le proprie attività e la propria presenza nei paesi sottosviluppati e nei paesi poveri. A termine, questa strategia potrebbe portare i suoi frutti in considerazione delle esigenze sempre più grandi in queste aree economiche.

Analisi n. 3

Infine, Novartis potrebbe anche trarre profitto dalla propria esperienza e dalla propria perizia nella professione per sviluppare delle soluzioni durature in tutti i paesi del mondo. Per farlo può contare su abbondanti risorse tecniche e umane.

Analisi n. 4

Per prima cosa, come già indicato tra i punti deboli del gruppo, l’obsolescenza di alcuni trattamenti e tecnologie è una fonte di grosse perdite per Novartis che deve assicurarsi la redditività a lungo termine innovando sempre di più.

Analisi n. 5

Ricordiamo infine che la concorrenza in questo settore costituisce una vera minaccia per Novartis in quanto i grandi gruppi farmaceutici mondiali conducono una lotta spietata per conquistare quote di mercato e depositare nuovi brevetti.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Fare trading con i CFD su Plus500

Presentazione della società Novartis

Conoscete senz’altro il gruppo Novartis, se non altro di nome. Questa società, infatti, è attualmente uno dei leader del settore farmaceutico nel mondo. Ma il suo volume d’affari può derivare da attività diverse tra cui principalmente i prodotti farmaceutici ma anche i prodotti per la cura oculistica, i medicinali generici, i vaccini, i prodotti diagnostici ed altri prodotti.

La maggior parte dei benefici vengono dalla Svizzera ma la sua attività si estende anche all’Europa nel suo complesso, agli Stati Uniti, al Giappone e all’America del Sud.

Per comprendere gli avvenimenti che hanno influito sull’analisi tecnica storica della quotazione delle azioni Novartis è consigliabile ripercorrere la storia economica e finanziaria di questa azienda negli ultimi decenni. Per aiutarvi, ecco le date importanti da conoscere.

Novartis è nata dalla fusione tra Sandoz e Ciba-Geigy nel 1996. Da allora, questa società si è completamente dedicata alla sanità.

  • Nel 2000 una nuova attività chiamata Sygenta raggruppa le attività agroindustriali delle società Novartis e AstraZeneca.
  • Nel 2015 il gruppo acquista la società Hexal, specializzata in farmaci generici.
  • Nel 2006 viene acquistato il gruppo Chiron Corporation.
  • Nel 2007 Novartis rivende la propria filiale Gerber al gruppo Nestlé.
  • Nel 2008 Novartis acquista il 25% delle quote di Alcon per poi acquistare l’intera azienda nel 2010.
  • Nel 2012 il gruppo acquista la società Fougera Pharmaceutical.
  • Nel 2013 Novartis annuncia la rivendita a Grifols della propria filiale di test di trasfusione sanguigna.
  • Nel 2014 il gruppo acquista la società biotech di CoStim. Lo stesso anno sottoscrive diversi scambi di attivi con GlaxoSmithKline e Eli Lilly ed acquista le attività di oncologia della prima contro una parte delle proprie attività nei vaccini. Vende a Eli Lilly le proprie attività connesse allaveterinaria. Sempre nel 2014 Novartis vende la propria quota del 43% nella società LTS Lohmann e investe poi in Gamida Cell.
  • Nel 2015 il gruppo Novartis acquista il gruppo Aduro per 750 milioni di dollari.
  • Nel 2016 il gruppo annuncia l’acquisto per 665 milioni di dollari di Selexys Pharmaceuticals, specializzata in ematologia. Lo stesso anno Novartis acquista anche il gruppo Encore Vision specializzato nella presbiopia.
Analisi della quotazione delle azioni Novartis
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500

Concorrenza

Proponiamo ora di conoscere nel dettaglio i principali concorrenti del gruppo Novartis con una presentazione dei grandi laboratori che operano in segmenti simili al suo.

Pfizer

 Uno dei principali concorrenti del gruppo Novartis è la società farmaceutica statunitense Pfizer, creata nel 1849. Si tratta di un gruppo di grandi dimensioni presente in oltre 150 paesi ed è inoltre il leader mondiale nel suo settore di attività in termini di fatturato. Impiega ad oggi circa 81.800 dipendenti nel mondo.

Sanofi

Un altro concorrente del gruppo Novartis è il gruppo farmaceutico francese Sanofi, specializzato nel settore farmaceutico con medicinali su prescrizione per diabete, malattie rare, sclerosi multipla, oncologia e vaccini. Sanofi è uno dei leader mondiali nel settore farmaceutico e opera principalmente a livello internazionale. Occupa oltre 100.000 dipendenti in oltre 100 paesi. Prima impresa francese nel campo della ricerca e dello sviluppo, con investimenti significativi in questo settore, Sanofi è anche uno dei leader del mercato borsistico parigino in termini di capitalizzazione di Borsa.

Roche Holding

Tra i concorrenti di Novartis vi è anche il gruppo Roche, un’impresa svizzera anch’essa specializzata nel settore farmaceutico che fa parte dei leader mondiali del settore. Opera attraverso due filiali parallele, il settore della diagnosi e il settore farmaceutico, e si concentra in particolare nel settore della medicina personalizzata. Roche opera in oltre 150 paesi e occupa 94.000 dipendenti.

Merck

Troviamo poi il concorrente Merck, un’impresa tedesca con sede a Darmstadt, nell'Assia, costituita nel 1668. È specializzata nei settori farmaceutico e chimico. Ad oggi il gruppo occupa più di 55.000 dipendenti in 66 paesi.

Bayer

Un altro concorrente serio di Novartis è la società Bayer AG, un gruppo farmaceutico agrochimico tedesco che esiste dal 1863 e che sviluppa principalmente medicinali, prodotti sanitari da banco, prodotti veterinari e, da quando ha acquisito il gruppo Monsanto alcuni anni fa, prodotti fitosanitari per l’agricoltura. Bayer è inoltre nota come la prima impresa ad aver sintetizzato l’aspirina nel 1897.

AstraZeneca

Infine, l’ultimo concorrente importante di Novartis è AstraZeneca, un gruppo farmaceutico derivante dalla fusione tra il laboratorio svedese Astra e quello inglese Zeneca avvenuta nel 1999. Il gruppo impiega 63.000 dipendenti in tutto il mondo nei settori di ricerca, sviluppo, produzione e vendita di prodotti farmaceutici e nell’approvvigionamento di servizi per le cure mediche. Attualmente opera in sette settori terapeutici principali.


Alleanze strategiche

GlaxoSmithKline

Nel 2014 Novartis ha annunciato un accordo di scambio di attivi con la britannica GlaxoSmithKline. Nel quadro di questo accordo Novartis acquista per 16 miliardi di dollari i prodotti di oncologia di GSK e vende le proprie attività nei vaccini, esclusi quelli antiinfluenzali, per 7,05 miliardi di dollari

Google

Lo stesso anno Google, che si impegna nell’ambito del miglioramento della qualità della vita dei diabetici permettendogli di misurare il proprio tasso di glicemia grazie a delle lenti a contatto connesse e posizionarsi così in un settore in piena espansione, quello della salute connessa, chiede a Novartis di diventare suo partner. Per far avanzare più velocemente possibile il suo progetto, la società ha siglato il 15 luglio 2014 un partenariato con Alcom, una filiale del gigante della farmaceutica Novartis.

Propeller Health

Nel 2017 Novartis è anche diventata partner di Propeller Health per la progettazione di inalatori connessi che dovrebbero prendere forma nei mesi a venire.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Fare trading con i CFD su Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Per prima cosa, si può ovviamente citare come punto di forza la dimensione internazionale della società. Il gruppo Novartis svolge infatti le sue attività farmaceutiche in ben 140 paesi ed è quindi protetta dagli eventuali rischi legati ad una specifica zona geografica.

Si può inoltre evidenziare il fatto che le attività principali di Novartis si svolgono nel vastissimo settore della farmaceutica, un settore particolarmente ricercato. Il gruppo ha però saputo diversificare i propri prodotti pour mantenendosi all’interno del settore proponendo medicinali, vaccini, medicinali da banco, medicinali generici e rivolgendosi anche al settore della salute degli animali con dei prodotti veterinari. In tal modo moltiplica i target e i settori di intervento.

Grazie alla filiale Novartis Biotechnologie, il gruppo Novartis riesce ad essere un vero e proprio leader del settore per via delle numerose ricerche che gli permettono di mettere a punto dei trattamenti sempre più efficaci. Ovviamente, il gruppo protegge con brevetti i propri prodotti più innovativi per poter essere la sola a sfruttarli. Novartis detiene quindi un portafoglio di brevetti molto fornito e costituito di prodotti farmaceutici molto utilizzati nel mondo intero.

Novartis ha inoltre tendenza a sviluppare le proprie attività tramite una intensa politica di fusioni e acquisizioni. Acquista regolarmente delle società specializzate in diversi settori e ciò le consente sia di rafforzare il proprio marchio che di estendere il campo dei suoi settori di intervento.

Il gruppo beneficia di una buona immagine di marca presso il grande pubblico grazie a differenti iniziative che hanno raccolto delle buone critiche. Citiamo in particolare la prima di queste iniziative nell’ambito della sanità specialistica dedicata al benessere in azienda nonché l’impegno del gruppo all’interno della CDB (Convenzione sulla Diversità Biologica) che garantisce un accesso continuo alle risorse biologiche nei paesi in via di sviluppo nel quadro della ricerca e dello sviluppo.

È anche interessante segnalare che Novartis è un’azienda apprezzata dai suoi clienti ed è infatti stata classificata nel 2005 tra le società più stimate al mondo, cosa che le conferisce ancora oggi una grande fiducia da parte dei suoi principali clienti.

Infine, l’ultimo vantaggio del gruppo Novartis risiede ovviamente nella sua forza lavoro. L’azienda impiega ad oggi oltre 120.000 dipendenti nel mondo che contribuiscono a sviluppare nuovi prodotti e a commercializzarli.

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Come avete potuto constatare attraverso i differenti punti che abbiamo appena elencato, il gruppo svizzero Novartis dispone di molti atout che dovrebbero permettergli di cavarsela bene nel corso dei prossimi anni e che dovrebbero inoltre influenzare al rialzo la quotazione delle sue azioni in Borsa. Ad ogni modo, per qualsiasi investitore coscienzioso, è importante conoscere anche gli eventuali freni a tale sviluppo ed è quanto vi proponiamo adesso presentandovi le debolezze di questa società.

Per prima cosa, ricordiamo che l’immagine di marca Novartis è stata al centro di alcune controversie relativamente a delle pubblicità di suoi prodotti il che può aver ridotto la fiducia da parte del grande pubblico.

Il gruppo ha inoltre riscontrato alcuni problemi in seguito all’entrata in vigore in India, mercato sul quale Novartis è molto largamente presente, di alcune leggi restrittive relative ai brevetti di prodotti farmaceutici.

Da annoverare tra i punti deboli di questa azienda anche una struttura di costo particolarmente elevata. Le molto diversificate gamme di prodotti della società hanno infatti come conseguenza l’aumento delle strutture di produzione necessarie e ciò rappresenta un costo elevato per il gruppo che, per certi nuovi prodotti, deve quindi attendere alcuni anni prima di riuscire a coprire gli investimenti realizzati e cominciare a generare degli utili.

Per concludere, sebbene il settore farmaceutico sia considerato in forte crescita a lungo termine, bisogna comunque tenere presente l’aspetto ciclico di alcune attività del gruppo. Il problema riguarda soprattutto i prodotti concepiti per rispondere a delle esigenze del momento che potrebbero diventare obsolete in futuro. Alcuni di tali prodotti vengono inoltre frequentemente abbandonati ad uno stadio avanzato di sviluppo non avendo più un target sul mercato. Va da sé che tali abbandoni comportano delle perdite importanti per Novartis che in certi casi ha dovuto investire delle somme molto elevate per lo sviluppo iniziale.

Sebbene i difetti di questo valore sembrino meno numerosi delle sue qualità, è necessario farvi riferimento per realizzare le analisi su questo titolo. Possono infatti influenzare in maniera non trascurabile la sua evoluzione a medio e lungo termine sui grafici.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.

Domande frequenti

Come seguire l’evoluzione della quotazione delle azioni Novartis?

Il modo migliore per seguire l’evoluzione della quotazione delle azioni Novartis è ovviamente di consultarla sui grafici borsistici in tempo reale. È possibile consultare questi grafici in dei siti specializzati nel settore borsistico, nella sezione riservata agli investitori del sito di Novartis o dalla piattaforma di trading fornita da un broker. Vanno privilegiati i grafici che permettono di visualizzare degli indici tecnici e di personalizzare i periodi.

Su quali piazze finanziarie vengono scambiate le azioni Novartis?

Il corso delle azioni Novartis viene quotato sul mercato borsistico svizzero. Per la precisione, i titoli vengono scambiati sul SIX Swiss Exchange che è la principale piazza finanziaria del paese e che è possibile seguire facendo trading su questo valore. Da notare tuttavia che gli ADR, American Depositary Receipts, relativi a questo valore vengono quotati negli Stati Uniti alla Borsa di New York, ilNYSE.

È possibile consultare lo storico finanziario della società Novartis?

Gli investitori che si interessano alle azioni del gruppo Novartis dispongono di un accesso a moltissime informazioni nel sito dell'impresa stessa. È infatti possibile consultarvi, per esempio, le pubblicazioni di risultati annuali e trimestrali nonché lo storico di tali dati per diversi anni. Analogamente, vi si trovano i principali comunicati stampa e lo storico dei dividendi.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500