Ultimi notizie

Walt Disney perde il miglior rappresentante Disney+

20/05/2020 - 11h11

Kevin Mayer, capo di Disney+, ha appena lasciato il gigantesco gruppo di intrattenimento per unirsi a un altro team di intrattenimento. Nel frattempo, essendo stato acclamato come il logico successore alla guida dell'impero Disney, ne è stato scelto un altro. Così ha preferito sollevare il velo e prendere il controllo dell'applicazione video Tik Tok.

Analisi n. 1

In tutto il mondo, la domanda di televisione e video on demand conosce attualmente una fortissima crescita di cui Walt Disney potrebbe profittare. Infatti, il recente incremento dell’utilizzo dei servizi connessi a Internet ha avuto come effetto di far aumentare anche la richiesta di video online. Si stima che da qui a fine 2020 il volume d’affari di questo settore potrebbe raggiungere i 40 miliardi di dollari. Walt Disney ha predisposto tutto per posizionarsi tra i leader del settore.

Analisi n. 2

Un altro settore di attività che si trova in una fase di crescita interessante è quello dei giochi e, in particolare, dei giochi online. Il gruppo Walt Disney, che ha previsto in anticipo questo fenomeno, ha già fatto molti investimenti nel settore dei giochi e dovrebbe quindi profittare rapidamente delle ricadute di questa strategia.

Per quanto riguarda le minacce che pesano sul futuro di Walt Disney andranno presi in considerazione i seguenti elementi:

Analisi n. 3

Prima di tutto, come per la maggior parte delle aziende che svolgono delle attività nel settore dei media e dei contenuti video, Walt Disney subisce un notevole incremento di azioni di pirateria. Con i recenti progressi tecnologici, infatti, la pirateria di video e media è diventata sempre più facile e ingenera delle forti perdite per il gruppo. Questa forma di pirateria avrà in particolare un impatto sugli introiti provenienti dalla vendita di DVD e di abbonamenti a video on demand.

Analisi n. 4

Infine, sebbene riesca a mantenere il suo posto tra i leader del suo settore di attività, Walt Disney deve comunque fronteggiare una concorrenza sempre più forte e aggressiva nel settore dell’intrattenimento.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
Se esistono in Borsa delle azioni che ci ricordano la nostra infanzia, queste sono proprio quelle del gruppo Walt Disney. È infatti possibile trattare questo titolo online da una qualunque piattaforma di trading. Per farlo scoprite qui delle informazioni utili a proposito della società Disney, la quotazione in diretta e un’analisi storica di queste azioni.  

 

A proposito del gruppo Walt Disney

Il gruppo statunitense Walt Disney è specializzato nei media e nell’industria del divertimento. Tra le sue attività si trovano soprattutto la gestione di canali televisivi e radiofonici, di luoghi di divertimento, di studi di animazione e di produzione artistica nonché la vendita di prodotti derivati.

Circa il 76% del volume d’affari di Walt Disney viene realizzato negli Stati Uniti e in Canada ma il gruppo raggiunge anche i mercati europeo e asiatico.

 

I principali concorrenti di Walt Disney Company

Il gruppo Walt Disney è attualmente il numero uno mondiale del settore dell’intrattenimento. Sebbene operi in un settore molto specifico, altri grandi gruppi, specializzati o meno nel settore, gli fanno concorrenza. Vi proponiamo quindi di saperne di più a proposito dei principali concorrenti della Walt Disney.

Sebbene il suo volume d’affari medio annuo sia circa due volte inferiore, Time Warner è ad oggi il concorrente principale di Walt Disney. Si può inoltre prendere in considerazione come serio concorrente la 21st Century Fox, una società nel settore dei media con delle attività più diversificate.

Infine, il gruppo francese Vivendi va anch’essa collocata nella lista dei principali concorrenti della Walt Disney. Ha un volume d’affari 5 volte inferiore ma la sua attività è in pieno sviluppo nel settore dell’intrattenimento.

Per realizzare uno studio oggettivo e valido delle azioni Walt Disney e trattarle efficacemente online, vi consigliamo di prendere in considerazione i risultati e le notizie relativi a questi concorrenti.

 

I principali partner di Walt Disney

Ecco per concludere i principali partenariati internazionali in corso del gruppo Walt Disney nel mondo.

 

Analisi del corso delle azioni Walt Disney

Il valore delle azioni Walt Disney è attualmente quotato sul mercato NYSE ed integra il calcolo dell’indice borsistico statunitense Dow Jones.

 

Dati borsistici importanti a proposito delle azioni Walt Disney

Per concludere, ecco alcuni dati importanti e generali a proposito delle azioni Walt Disney:

 

Storico economico e finanziario della società Walt Disney

Ecco alcune informazioni fondamentali a proposito dello storico economico e finanziario recente del gruppo Walt Disney che vi permetteranno di capire meglio i grafici borsistici e quindi di anticipare meglio le future reazioni di questo titolo sul mercato.

 

Vantaggi e punti di forza delle azioni Walt Disney come attivi di Borsa

Se avete intenzione di speculare sul rialzo della quotazione delle azioni Walt Disney a medio o lungo termine dovete prima di tutto assicurarvi delle capacità di crescita di questa società statunitense. È proprio quanto vi proponiamo qui riprendendo i principali atout del gruppo. Ci occuperemo poi degli eventuali difetti e punti deboli.

Uno dei più grandi punti forti del gruppo Walt Disney è ovviamente la sua vasta copertura di reti cablate. La società è infatti alla testa di una rete cablata che copre una zona molto estesa e gestisce in particolare i canali ABC, Disney Channel Worldwide e ESPN nonché una società intrattenimento sportivo che diffonde in ben 60 paesi differenti nel mondo. In totale ci sono oltre un centinaio di canali televisivi gestiti da Walt Disney in 34 lingue differenti e in 163 paesi. Ciò rappresenta circa 123 milioni di abbonati a livello internazionale. Grazie a questa rete di grande ampiezza ed alla sua influenza, il gruppo Walt Disney dispone di un reale vantaggio rispetto alla concorrenza. I margini generati dal grandissimo numero di abbonati sono inoltre abbondanti e permettono al gruppo di generare degli introiti elevati tutti gli anni. Ovviamente, agli introiti provenienti dagli abbonamenti si aggiungono quelli generati dalla vendita di spazi pubblicitari.

Il gruppo Walt Disney può inoltre profittare del fatto che controlla fortemente dei marchi importanti che gli permettono di posizionarsi sul mercato in maniera vantaggiosa. È infatti alla testa di alcuni dei migliori marchi del settore dei media come Marvel, Pixar, ESPN, Touchstone e Lucasfilm. Tutti questi marchi hanno la peculiarità di essere considerati molto qualitativi e popolari.

Infine, da un punto di vista puramente finanziario, si può sottolineare l’interesse che rappresentano gli utili e i margini realizzati dalla società Walt Disney e che sono in netta crescita da alcuni anni. Di che rassicurare gli investitori e gli azionisti che si interessano a questo valore.

 

Svantaggi e punti deboli delle azioni Walt Disney come attivi di Borsa

Il gruppo Walt Disney, sebbene presenti numerosi punti di forza che gli garantiscono degli introiti indubbiamente interessanti per gli anni a venire, deve anche affrontare alcune debolezze che costituiscono altrettante minacce potenziali al suo sviluppo e alla sua crescita. Bisogna ovviamente prendere in considerazione questi difetti prima di qualsiasi presa di posizione. Ecco quindi un riepilogo degli inconvenienti di questo valore.

Prima di tutto, da un punto di vista geografico va sottolineata la forte dipendenza di Walt Disney ad una sola ed unica regione. Infatti, nonostante gli sforzi fatti dal gruppo per sviluppar le proprie attività in molti paesi, il mercato su cui continua a realizzare la maggior parte dei suoi utili rimane quello del Nord America. Quest’area geografica, comprendente principalmente gli Stati Uniti e, in misura minore, il Canada, genera infatti da sola circa il 77% degli introiti della società. Ovviamente, questa forte dipendenza geografica comporta una certa esposizione ai rischi economici di questa zona e ai vari cambiamenti di regolamentazione che potrebbero nuocere alla futura redditività di Walt Disney.

Infine, vanno anche presi in considerazione come punto debole importante del gruppo Walt Disney gli obblighi previdenziali non capitalizzati. Infatti, se da una parte le grandi cifre vengono contabilizzate come utili netti annuali, bisogna anche tener conto del passivo netto ad esse associato e che raggiunge attualmente circa tre miliardi di dollari in pensioni non pagate. Il rimborso di questo debito potrebbe quindi ridurre pericolosamente il livello di redditività del gruppo.

Domande frequenti

Quali sono le date importanti per la creazione della Walt Disney?

Chi si interessa alla storia del gruppo Walt Disney deve conoscere alcune date chiave. La società Disney Brothers Studios è stata creata nel 1923. Qualche anno più tardi, nel 1929, la società è stata rinominata in Walt Disney Productions. È a febbraio 1986 che il gruppo prende il nome conosciuto oggi ovvero The Walt Disney Company.

Quali sono le principali acquisizioni effettuate dalla Walt Disney?

Nel corso della sua storia, il gruppo Walt Disney ha effettuato diverse acquisizioni importanti: nel 1993 Miramax Films per 80 milioni di dollari, nel 1996 Capital Cities per 19 miliardi di dollari, nel 2001, Fox Family WorldWide et Saban Entertainement per 5.3 miliardi di dollari, nel 2006 Pixar per 7.4 miliardi di dollari, nel 2009 Marvel per 4.3 miliardi di dollari, nel 2012 LucasFilm per 4.05 miliardi di dollari e nel 2017 21th Century Fox per la quale la transazione si è conclusa solo nel 2019 per un ammontare di 71,3 miliardi di dollari.

Qual è il fatturato annuale del gruppo Walt Disney?

Da molti anni il fatturato pubblicato dal gruppo Walt Disney è in crescita e ciò permette alle sue azioni di evolvere positivamente sul mercato. Il bilancio per l’esercizio 2019, con un volume d’affari di 69,6 miliardi di dollari statunitensi, non fa eccezione alla regola. Anche l’utile netto del gruppo è in crescita a 14,8 miliardi.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.