Comprare le azioni AMD

Valutazione: 4.16 25 voti
 

Nel settore delle tecnologie informatiche alcune società producono talmente tanti utili che la quotazione delle loro azioni viene seguita da moltissimi investitori. È il caso della società AMD di cui descriveremo qui l’attività in dettaglio. Scoprirete inoltre in questo articolo delle informazioni a proposito del suo corso in diretta, della sua quotazione e un’analisi storica dei suoi prezzi sui grafici borsistici.  

 

A proposito del gruppo AMD

Il gruppo AMD (Advanced Micro Devices) è specializzato in semiconduttori e sviluppa, sia per le imprese che per i consumatori, processori informatici e tecnologie connesse. Progetta ed integra tecnologie per apparecchiature intelligenti come computer, consolle di gioco e server informatici.

Opera nei settori informatici e di soluzioni grafiche dell’impresa.

 

I principali concorrenti di AMD

Il gruppo AMD è un grande progettista e produttore mondiale di semiconduttori e microprocessori. A questo titolo compete con molte altre aziende specializzate o meno nel settore. AMD si posiziona attualmente, in termini di volume d’affari, al dodicesimo posto della classifica mondiale dei fabbricanti di questo ambito. Per capire meglio quale sia la concorrenza in questo settore e quali siano le aziende più concorrenziali rispetto ad AMD, ecco la classifica delle società del settore ordinate per volume d’affari.

Il volume d’affari e le innovazioni di questi differenti gruppi devono ovviamente essere presi in considerazione, da un punto di vista fondamentale, nel quadro delle analisi della quotazione delle azioni AMD.

 

I principali partner di AMD

Ecco per finire alcuni partenariati che il gruppo AMD ha recentemente siglato.

  • Nel 2015 AMD ha creato una joint-venture con il gruppo Fujitsu Microelectronics per raggruppare le attività di assemblaggio e di test dei semiconduttori.
  • Nel 2016 il gruppo AMD ha creato una joint-venture in Cina con la società THATIC (Tianjin Haiguang Advanced Technology Investment Co), un fondo di investimento che appartiene all’Accademia delle Scienze cinese. Il contratto siglato si basa su un accordo di licenza che frutta 293 milioni di dollari a AMD e che fornirà a THATIC dei brevetti di chip elettronici per server adattati al mercato cinese.

 

Analisi del corso delle azioni AMD

Il corso delle azioni AMD viene attualmente quotato sul mercato statunitense del NYSE ed integra inoltre il calcolo dell’indice borsistico NASDAQ.

Questo titolo è stato introdotto in Borsa nel 2015 e, da allora, ha subito delle leggere variazioni con un primo leggero calo fino a luglio 2015 seguito da una risalita progressiva visibile ancora oggi.

 

Dati borsistici importanti a proposito delle azioni AMD

Prima di cominciare a trattare online le azioni AMD, ecco alcune informazioni che vi aiuteranno a conoscere meglio questo titolo:

  • Nel 2017 la società AMD ha una capitalizzazione borsistica totale che raggiunge i 10.792,08 milioni di dollari.
  • Il numero di titoli emessi dalla società AMD attualmente in circolazione sul mercato borsistico è di 38.729.470.
  • Il corso delle azioni AMD viene attualmente quotato sul mercato NASDAQ Select Market del NASDAQ All Markets negli Stati Uniti.
  • La società AMD fa anche parte dell’indice borsistico statunitense NASDAQ 100 e fa quindi parte delle 100 aziende statunitensi del settore con la più alta capitalizzazione borsistica.
  • L’azionariato della società AMD è composto per il 7.67% da quote di Vanguard Group, per il 5.06% da quote di BlackRock Fund Advisors, per il 2.68% da quote di BlackRock Institutional Trust Company, per il 2.62% da quote di State Street Corporation, per il 2.15% da quote di Oppenheimer Funds, per l’1.65% da quote di FMR LLC, per l’1.52% da quote di Wellington Management Company, per l’1.23% da quote di Renaissance Technologies LLC, per l’1.23% da quote di Arrowstreet Capital Limited Partnership e per l’1.17% da quote di Neorthern Trust Corporation.

 

Andamento delle azioni AMD

Il gruppo AMD è il secondo produttore di chip dopo Intel. Nel biennio 2014 – 2015 il gruppo AMD ha registato un calo di fatturato pari a 22,41 punti percentuali, con il margine operativo lordo che passa da 62 milioni di dollari a – 239 milioni di dollari, con un margine Ebitda che scende di 6,72 punti.L’utile di esercizio si è ridotto del 23,33% con un risultato operativo pari a – 372 milioni di dollari (un calo del 140%).Il patrimonio netto è pari a 416 milioni di dollari, mentre l’indebitamento è di 171 milion i di dollari, con un rapporto debt to equity pari a 0,41. Il primo trimestre del 2017 ha finalmente segnato, per il gruppo AMD, il primo segnale positivo di crescita. La commercializzazione dei nuovi processori Ryzen ha influenzato le vendite che hanno registrato un aumento del 18% e sono pari a 984 milioni di dollari.

Nonostante il nuovo slancio sulle vendite, i ricavi del gruppo AMD non raggiungono il segno più.Le perdite operative sono ancora ferme a 29 milioni di dollari, anche se il dato risulta positivo rispetto alla perdita operativa del 2016 pari a 68 milioni di dollari. A trainare i risultati del primo trimestre è la business unit dedicata a Computing e Graphics, con un aumento di fatturato del 29% pari a 593 milioni di dollari, anche la divisione Enterpriseregistra un aumento del 5%.

Le stime del management per il secondo trimestre del 2017 sono di una progressiva crescita, con previsioni di aumento del fatturato pari al 17%, se i dati dovessero venire confermati il gruppo AMD dovrebbe raggiungere 1,1 miliardi di fatturato. Il management ha pianificato per l’anno in corso il lancio di diversi prodotti che dovrebbero accelerare la crescita del gruppo. In particolare le novità sul mercato saranno le GPU Vega, le CPU Server Naples ele nuove versioni di processori Ryzen 5 e Ryzen 7.

La strategia del gruppo che punta a convincere analisti e investitori è quella di puntare su prodotti che possano guadagnarsi nuove fette di mercato soprattutto nell’ambito delle High Performance Computing. I prodotti tecnologici ad alte prestazioni potrebbero dare al gruppo di Sunnyvale un nuovo ruolo da protagonista, portando il titolo AMD a nuovi slanci sul mercato azionario. Gli analisti si aspettavano risultati migliori rispetto alle vendite del nuovo prodotto Ryzen, ma nonostante questo i conti finanziari al momento stanno rispettando le attese.

 

Storico economico e finanziario della società AMD

Per essere capaci di interpretare correttamente i grafici borsistici storici delle azioni AMD e dedurre i movimenti futuri della quotazione di questo titolo è ovviamente indispensabile associare le grandi tendenze osservate agli avvenimenti storici che hanno segnato questa azienda. Ecco quindi un riassunto delle date importanti di questi ultimi decenni.

  • La società AMD è stata creata nel 1969 con un capitale iniziale di 100.000$ da Jerry Sanders, Edwin Turney, John Carey, Sven Simonsen, Jack Gifford, Frank Bote, Jim Giles e Larry Stenger. Lo stesso anno, questo gruppo specializzato in semiconduttori, microprocessori e schede grafiche si installa in California a Sunnyvale e produce il suo primo circuito integrato, l’AM9300: si tratta di un registro a scorrimento MSI da 4 bit.
  • Nel 1972 la società AMD lancia un nuovo prodotto, l’AM2501. Lo stesso anno, installa è mette in produzione la sua prima unità di produzione al di fuori degli Stati Uniti a Penang, in Malesia.
  • Nel 2003 il gruppo AMD si associa al gruppo Fujitsu per creare in comune la società Spansion che raggruppa le attività di produzione di memorie flash delle due società. AMD rimane l’azionista maggioritario di questa joint venture con una partecipazione al 60%.
  • Nel 2005 AMD e Fujitsu rivendono la loro partecipazione nella joint venture Spansion che diviene così una società indipendente che esiste a tutt’oggi sotto lo stesso nome.
  • Nel 2006 il gruppo AMD procede all’acquisto della società ATI Technologies per un importo di 5,4 miliardi di dollari. Sempre nel 2006 AMD raggiunge l’8° posto nella classifica dei più grandi costruttori di semiconduttori dietro Intel, Samsung, Texas Instruments, Toshiba, STMicroelectronics, Renesas e Hynix.
  • A inizio 2007 il posizionamento di AMD in questa stessa classifica crolla nettamente e la società si ritrova al 18° posto. Ciononostante AMD diventa il numero due nella fornitura di microprocessori per computer PC ad architettura x86 subito dietro Intel.
  • Nel 2009 la società AMD fa un grande rientro nel settore dei semiconduttori con delle azioni in Borsa che salgono fino a 9,95$ partendo da un valore a inizio anno di soli 1,86$, ovvero un rialzo del 435% in un anno.

Attualmente il gruppo AMD si classifica in seconda posizione sul mercato delle schede grafiche subito sotto NVIDIA ed occupa il terzo posto sul mercato delle GPU dietro Intel e NVIDIA a seguito dell’acquisto di ATI.

 

I vantaggi e i punti forti delle azioni AMD come attivi di Borsa

Una strategia rialzista sulla quotazione delle azioni AMD, soprattutto in caso di posizioni a lungo termine, deve basarsi prima di tutto su un’analisi completa dei plus di questa azienda ed è per questo motivo che vi proponiamo qui un riassunto completo dei punti di forza di questo valore e dei vantaggi che potrebbero permettere a questo gruppo di continuare a crescere.

Per prima cosa, il gruppo AMD dispone di una lista di fornitori molto affidabili che gli garantiscono al miglior prezzo delle materie prime di qualità e gli permettono di non essere vittima dei colli di bottiglia della catena di approvvigionamento.

AMD profitta inoltre del successo ottenuto in un esperimento di integrazione di imprese di settori complementari tramite delle operazioni di acquisto e fusione. Tali integrazioni hanno in particolare permesso al gruppo di razionalizzare le proprie operazioni e di costruire una catena di approvvigionamento affidabile. Analogamente, le acquisizioni strategiche di marchi da parte di AMD gli consentono, se necessario, di svilupparsi in altre categorie di prodotti.

Il gruppo AMD riesce tra l’altro a realizzare delle buone performance sui nuovi mercati. Grazie a questa espansione ben gestita, AMD può sviluppare delle nuove fonti di reddito e riduce il rischio legato ai mercati ciclici su cui in genere si trova ad operare.

Gli investitori apprezzano anche il fatto che il gruppo AMD disponga di una liquidità molto elevata grazie alla quale beneficia di risorse che gli permettono di innovare nonché di lanciare e condurre al successo nuovi progetti. Da notare anche in questo contesto che AMD ha una grande esperienza nello sviluppo di nuovi prodotti innovativi con numerosi brevetti al suo attivo.

Inoltre, grazie ad una strategia di automatizzazione delle proprie attività, AMD è riuscita a mantenere una coerenza nella qualità dei suoi prodotti. L’automatizzazione permette poi all’azienda di aumentare o ridurre la produzione in funzione della domanda del mercato.

Infine, l’ultimo vantaggio della società AMD, non irrilevante, riguarda la forza della comunità di rivenditori dei suoi prodotti. Il gruppo ha infatti saputo sviluppare una vera e propria cultura aziendale presso i propri rivenditori, i quali si fanno carico di mettere in avanti i prodotti AMD e formano le proprie equipe di vendita su questi prodotti specifici.

 

Gli inconvenienti e i punti deboli delle azioni AMD come attivi di Borsa

Sebbene i vantaggi delle azioni AMD e i plus di questo gruppo sembrino numerosi, è anche importante, al momento di mettere in opera la propria strategia, prendere in considerazione i punti deboli e le carenze di questa azienda e quindi dei freni che possono penalizzare la sua futura crescita. Ecco quindi la lista delle debolezze del gruppo, lista che bisogna assolutamente conoscere.

Tra le principali carenze di questo valore sono da notare il tasso di redditività e la percentuale di contributo netto di AMD che sono generalmente inferiori a quelli dei suoi concorrenti. D’altra parte, la pianificazione finanziaria della società non è stata effettuata in maniera corretta e, infatti, il rapporto fra attivi e attivi liquidi indica che il gruppo potrebbe utilizzare il proprio capitale in maniera più efficace rispetto a quanto fatto ad oggi.

AMD mostra anche qualche debolezza per quanto riguarda la gestione della domanda di prodotti che spesso non viene programmata in maniera adeguata causando la perdita di alcune opportunità di vendita diversamente dai suoi concorrenti che anticipano maggiormente le esigenze future dei propri clienti. AMD non è quindi molto efficace nella gestione degli stock che si ritrovano ad essere più elevati internamente che nei canali.

D’altra parte, AMD non è riuscita a raccogliere le sfide dell’ingresso nei nuovi segmenti ed ha così perso alcune quote di mercato in alcune nicchie. L’azienda deve quindi mettere in opera un meccanismo di feedback interno con delle squadre di vendita sul terreno per conquistare nuovi mercati.

Il tasso di turn-over della mano d’opera della società AMD è elevato rispetto a quello dei suoi principali concorrenti. Di conseguenza, il gruppo investe costantemente nella formazione e nello sviluppo dei propri impiegati divenendo quindi meno competitiva delle altre aziende del settore che gestiscono meglio lo spirito d’impresa.

Infine, malgrado le sue notevoli capacità di investimento, rispetto agli altri grandi attori del mercato il gruppo AMD non investe abbastanza in ricerca e sviluppo. Sebbene i suoi investimenti in questo ambito siano al di sopra della media, l’azienda non compete ancora con i gruppi più dinamici di questo settore di attività che sono quindi maggiormente innovativi. AMD sembra infatti concentrarsi maggiormente su dei prodotti già testati sul mercato, prodotti sui quali appoggia un po’ troppo la propria strategia.

 

Come realizzare una buona analisi fondamentale della quotazione delle azioni AMD?

Per concludere questo articolo interessiamoci ora alle opportunità ed alle minacce che si presentano al gruppo AMD negli anni a venire. Sono infatti questi gli elementi che dovrete seguire prioritariamente per realizzare l’analisi tecnica di questo valore.

L’apertura dei mercati emergenti con delle politiche consistenti nell’adottare delle nuove norme tecnologiche e un accordo di libero scambio permettono ad AMD di posizionarsi su dei settori geografici promettenti. D’altra parte, la forza e la presenza dei distributori locali sono in crescita e ciò costituisce una nuova minaccia per AMD su tali mercati per via dei maggiori margini da riconoscere ai distributori.

Lo sviluppo dell’e-commerce potrebbe consentire ad AMD di conquistare nuovi clienti e generare quindi nuovi introiti. A tal fine il gruppo investe molto nella propria piattaforma online ed è quindi bene tenere d’occhio le ricadute economiche di questo investimento negli anni a venire.

Bisognerà poi ovviamente seguire con attenzione lo sviluppo tecnologico di AMD e la sua volontà di posizionarsi sui nuovi mercati aperti da nuove esigenze, mercati che potrebbero rappresentare una nuova fonte di introiti per AMD, che dovrà fare di tutto per non farsi sfuggire l’opportunità. Andranno inoltre seguiti la strategia dei prezzi di AMD e lo sviluppo di prodotti di differenti gamme che gli permetteranno di raggiungere una larga parte della popolazione di consumatori.

Il gruppo AMD potrebbe anche profittare del calo dei costi di spedizione dei propri prodotti che avrebbe un impatto positivo sul loro prezzo di vendita. Il gruppo AMD potrebbe quindi migliorare la propria redditività e guadagnare nuove quote di mercato.

Andranno poi ovviamente seguite tutte le operazioni di acquisto e gli avvicinamenti strategici di AMD con altre aziende che potrebbero consentirle di posizionarsi su nuovi segmenti d’avvenire con lo sviluppo di prodotti innovativi.

Ovviamente, anche le minacce sono molto presenti nell’avvenire prossimo di AMD. Per esempio, il gruppo subisce le politiche isolazioniste degli Stati Uniti che potrebbero ripercuotersi ad altri paesi e frenare quindi le esportazioni di questa azienda.

AMD potrebbe anche subire delle azioni giudiziarie in differenti mercati a causa delle leggi che differiscono da paese a paese e delle norme che cambiano in continuazione.

La concorrenza delle altre aziende di questo settore di attività è molto forte con una redditività stabile che ha portato all’aumento del numero di attori nell’industria nel corso degli ultimi anni. Per questo motivo i prezzi subiscono una pressione al ribasso che pesa sulla redditività dell’azienda e sulle sue vendite.

È anche bene seguire da vicino la quotazione delle principali materie prime da cui dipende molto la redditività della catena di produzione della AMD, tanto più che le recenti regolamentazioni in materia ambientale potrebbero costituire una minaccia per alcune categorie di prodotti.

In conclusione, grazie alle differenti informazioni che vi abbiamo presentato in questa pagina siete ormai in grado di realizzare delle analisi tecniche e fondamentali pertinenti della quotazione delle azioni AMD. Avrete così maggiori probabilità di mettere in opera una strategia efficace.

Cominciare a speculare sulla quotazione delle azioni AMD

Per cominciare a trattare la quotazione delle azioni AMD online vi basta creare un conto presso un buon broker e cominciare a prendere posizione al rialzo o al ribasso su questo titolo.

Trattare subito le azioni AMD*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.