Comprare le azioni Tod’s

Valutazione: 4.39 23 voti
 

Le azioni delle grandi società italiane sono sempre più spesso ben accolte dai trader europei e per questo motivo vengono proposte dalla maggior parte dei broker CFD. Quindi ci interesseremo oggi ad una di esse, ovvero le azioni Tod’s. Trovate qui la quotazione in tempo reale in Borsa di questa azione e un’analisi storica globale della sua evoluzione. Vi spiegheremo inoltre alcuni altri aspetti dell’attività di questa società.  

 

A proposito del gruppo Tod’s

Il gruppo Tod’s è un gruppo italiano specializzato nella creazione, produzione e vendita di scarpe, pelletteria di lusso, abiti ed accessori sotto i marchi Tod’s, Hogan e Fay.

La maggior parte del suo volume d’affari riguarda le scarpe con più del 77%, seguite dagli accessori in cuoio e dagli abiti. Questo gruppo lavora principalmente in Italia ma raggiunge anche il mercato europeo nel suo complesso, la Cina e l’America.

 

Storia del gruppo Tod’s

La storia del gruppo TOD’s ha inizio nei primi anni del ‘900 quando Filippo della Valle, nonno di Diego e Andrea della Valle, attuali proprietari dell’azienda.

Da sempre la storia dell’azienda è stata focalizzata nella produzione di calzature e accessori di pelletteria con un target di lusso.

Oggi TOD’s SpA, il cui presidente e amministratore delegato è Diego della Valle, conta sette stabilimenti per la produzione calzaturiera e due stabilimenti per la produzione di accessori di pelletteria.

Il gruppo TOD’s opera nel mercato internazionale con i marchi Tod’s, Hogan, Roger Vivier per l’ambito delle calzature, il marchio Fay nell’ambito dell’abbigliamento. Dal 2007 il gruppo ha inoltre acquisito il marchio Elsa Schiaparelli, dell’omonima stilista italiana.

Il gruppo Tod’s ha di recente investito 25 milioni di euro come sponsorship del restauro del Colosseo a Roma.

 

Analisi del corso delle azioni Tod’s

Il valore delle azioni Tod’s è attualmente quotato sulla Borsa italiana – MTA ed integra il calcolo dell’indice borsistico FTSE MIB.

I grafici borsistici storici delle azioni Tod’s mostrano una forte tendenza al rialzo fino al settembre 2013, seguita da una leggera contrazione e, attualmente, da una stabilizzazione.

 

Andamento del titolo Tod’s

Considerando l’ultimo biennio l’andamento del titolo Tod’s ha sempre dimostrato solidità a livello mondiale.

  • Il 2015 si è chiuso con un fatturato pari a 1,037 miliardi di euro, con una crescita pari al 7,4 % rispetto all’anno precedente, l’incremento delle vendite per l’anno 2015 è stato pari all’11,4 % pari a 250,1 milioni.
  • Il 2016 ha invece subito le tensioni politiche e l’incertezza socio economica che hanno caratterizzato l’Europa nell’ultimo anno. Il gruppo Tod’s ha infatti chiuso l’esercizio 2016 con un fatturato consolidato pari a 1 miliardo di euro con un calo di 3,2 punti percentuali.
  • L’utile netto consolidato si è attestato a 85,8 milioni di euro contro i 92,1 milioni dell’esercizio precedente, di conseguenza ha subito un calo anche l’utile base per azione che si attesta a 2,62 euro contro i 3,03 euro del 2015.

Il calo del titolo Tod’s si giustifica con la volatilità dei mercati internazionali e l’andamento instabile delle valute, un contesto macro economico poco favorevole alla vendita dei beni di lusso. La strategia del gruppo Tod’s è comunque quella di portare avanti uno sviluppo del business con investimenti sul lungo periodo.

Nel piano industriale si prevedono infatti collezioni bimestrali, nuovi punti vendita e rafforzamento dell’e-commerce. Una strategia che intende stare al passo dei mercati e delle nuove necessità dei consumatori. Ovviamente si consoliderà l’esistente e si punterà sull’innovazione.

Parigi e New York ospiteranno punti vendita del gruppo Tod’s di nuova generazione, le collezioni non dureranno sei mesi, ma si confronteranno con i gusti del pubblico mensilmente o bimestralmente. L’idea è quella di creare dei concept store che si sleghino dal concetto di “griffe”.

Le vendite online rappresentano per il gruppo Tod’s la vera grande sfida, cospicui investimenti andranno a incrementare nuovi strumenti di comunicazione e risorse specializzate che raccontino l’azienda e i suoi prodotti.

Il management del gruppo Tod’s ha inoltre annunciato l’apertura di un nuovo stabilimento produttivo a Arquata del Tronto, un segno di solidarietà alle zone colpite dal terremoto nel 2016. Il nuovo stabilimento ospiterà infatti 100 nuovi dipendenti.

A inizio 2017 il gruppo ha registrato un forte rialzo sul mercato grazie a due particolari eventi: l’adozione del regime fiscale Patent Box, un regime di tassazione agevolato, e l’annuncio dell’acquisizione di 1 milione di azioni Tod’s pari a 60 milioni di euro da parte del business man Andrea Bonomi.

Le due notizie hanno portato gli analisti a formulare un upgrade del titolo Tod’s e l’aumento del target price.

Citigroup ha portato il prezzo obiettivo delle azioni Tod’s a 69 euro contro i precedenti 57 euro, confermando un rating buy.

Anche gli analisti di Barclays hanno lasciato invariato il rating underweight, ma alzato il target price a 54 euro rispetto ai precedenti 45 euro.

Nonostante una chiara visione sul lungo periodo, il primo trimestre del 2017 si è chiuso per il gruppo Tod’s con un calo, rispetto allo stesso periodo del 2015, del 4,4 % pari a 238,5 milioni di euro. Se i cambi fossero stati costanti i ricavi sarebbero stati di 237,1 milioni di euro con un calo del 5%.

Analizzando i dati per area geografica il mercato italiano segna un – 8,7 % con 79,4 milioni di euro, anche i mercati del resto d’Europa sono in calo con un -1,5 % con 57,3 milioni di euro. Il trend maggiormente negativo è registrato nel mercato americano con un – 15,7 % pari a 16,8 milioni di euro, solo il mercato cinese è positivo del 3,6% totalizzando 50,3 milioni di euro.

A trainare le vendite sono, dati alla mano, la pelletteria nelle collezioni estive e il marchio Roger Vivier che ha registrato una crescita a doppia cifra, + 15,6 % pari a 41,3 milioni di euro. Il marchio Tod’s ha invece chiuso il primo trimestre del 2017 registrando un calo del 6,7 % pari a 123 milioni di euro, Hogan si posiziona a – 11,5% pari a 59,4 milioni di euro, Fay a – 0,2% con 14, 6 milioni di euro.

Un’analisi per categoria merceologica vede il settore delle calzature in calo del 5,1% con 190,2 milioni di euro, la pelletteria a – 1,5% con 32,4 milioni di euro, l’abbigliamento a -1,6% con 15,7 milioni di euro.

Investire da subito nelle azioni Tod’s

Per investire semplicemente sulla quotazione delle azioni Tod’s basta raggiungere, senza più attendere, un broker riconosciuto e di qualità che proponga questo titolo e che permetta di guadagnare rapidamente.

Trattate le azioni Tod’s ora!*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.