Analisi n. 1

Per prima cosa bisogna seguire con attenzione i diversi partenariati che il gruppo ha messo in opera, in particolare con alcuni distributori, allo scopo di aumentare la propria visibilità sul mercato e le proprie vendite. 

Analisi n. 2

Vanno naturalmente monitorate la concorrenza nel settore e l’evoluzione delle quote di mercato di ognuno dei suoi grandi attori.

Analisi n. 3

Il gruppo potrebbe realizzare delle operazioni di acquisizione di marchi che gli permetterebbero di diversificare i propri prodotti e attività e di divenire una realtà multimarca del settore per fare concorrenza ai grandi gruppi il che rende importante seguire da vicino queste operazioni.

Analisi n. 4

Infine, si può anche dedicare la propria attenzione alle pubblicazioni di risultati annuali e trimestrali del gruppo confrontandole con gli obiettivi prefissati nei piani strategici, se disponibili.

--- Pubblicità ---
Inizia a fare trading!
Il 75% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.

Le attività della società Brunello Cucinelli nel dettaglio

Per cominciare correttamente la nostra analisi delle azioni Brunello Cucinelli è prima di tutto indispensabile fare un quadro di questa società con delle spiegazioni sulle sue attività. È necessario conoscere perfettamente le varie fonti di introito del gruppo per capire come possa svilupparsi la sua crescita a breve, medio e lungo termine in funzione delle sfide presenti nel settore.

Il gruppo Brunello Cucinelli S.p.A. è una società italiana specializzata nel settore della moda e del prêt-à-porter e si occupa di creazione, produzione e vendita di abiti per donna e uomo proponendo in particolare dei prodotti in cachemire e delle collezioni di accessori di moda.

Tra i prodotti commercializzati dalla Brunello Cucinelli si trovano in particolare maglioni, cappotti, giacche, abiti in pelle, completi da uomo, abiti da donna, camicie, camicette, pantaloni, accessori ed altri articoli in pelle.

Per commercializzare i propri prodotti la società passa per dei canali monomarca di vendita diretta al dettaglio, dei negozi monomarca al dettaglio in franchising e della vendita all’ingrosso. Il gruppo vende i propri prodotti anche tramite dei canali di vendita multimarca che comprendono grandi magazzini e negozi multimarca indipendenti.

La società Brunello Cucinelli S.p.A. possiede numerose filiali situate ovviamente in Italia ma anche in altri paesi come il Belgio, la Svizzera, gli Stati Uniti, la Francia, la Germania, l’Austria, il Giappone e altri paesi. Il gruppo realizza però la maggior parte del proprio volume d’affari nell’America del Nord e in Europa.

 

Conoscere la concorrenza del gruppo Brunello Cucinelli

Una volta conosciute bene le attività svolte dal gruppo Brunello Cucinelli, proponiamo di interessarsi al suo settore d’attività più in generale e presentiamo quindi i concorrenti diretti di questa società e le loro attività.

  • Prima di tutto si deve tener conto della concorrenza del gruppo francese Kering che è specializzato nel lusso e riunisce al suo interno diversi grandi marchi dei settori di moda, pelletteria, gioielleria e orologeria come Gucci, Saint-Laurent, Bottega Veneta, Balenciaga, Alexander McQueen, Brioni, Boucheron, Pomellato, Dodo, Qeelin, Ulysse Nardin, Girard Perregaux e Kering Eyewear. Questo gruppo figura tra i leader del prêt-à-porter di fascia alta in Europa e nel mondo ed ha realizzato un volume d’affari di 15,9 miliardi di euro nel 2019 impiegando 38.068 persone.
  • Si deve tener conto anche delle attività del gruppo Basic Net S.p.A., altra società italiana specializzata nel settore del commercio al dettaglio. Si tratta di una casa madre che detiene numerose filiali e si concentra nel settore della distribuzione e dello sviluppo di abiti per tempo libero e sport, di scarpe e di accessori sotto diversi marchi tra cui Kappa, Robe di Kappa, Jesus Jeans, K-Way, Superga, Briko, Sebago e Sabelt. È presente in tre diversi segmenti: la gestione di licenze e marchi, il marchio proprietario e la gestione immobiliare. L’impresa impiega attualmente oltre 596 persone.
  • Si terrà conto anche della concorrenza del gruppo Burberry specializzato nella creazione, produzione e vendita di abiti ed accessori di fascia alta con in particolare la vendita al dettaglio ma anche la distribuzione all’ingrosso e la vendita sotto licenza. Il gruppo realizza la maggior parte del suo fatturato con la vendita di accessori. Vengono poi gli abiti per donna, uomo e bambini e le altre categorie di abiti e accessori di moda.
  • Infine, l’ultimo concorrente significativo di Brunello Cucinelli in Europa è la società tedesca Tom Tailor, una società di moda che fornisce abiti per uomo, donna, ragazzi e bambini. In particolare, Tom Tailor opera in tre grandi segmenti con Tom Tailor Wholesale, Tom Tailor retail e Bonita. I suoi prodotti sono destinati principalmente a dei gruppi specifici di età inferiore ai 45 anni per quanto riguarda uomini, donne e bambini che includono anche il denim e il denimstyle. Il gruppo commercializza anche accessori tra cui: scarpe, articoli in pelle, cinture, guanti, cappelli, sciarpe, foulard, biancheria intima, cravatte, borse, profumi, gioielli, ombrelli, orologi, occhiali da sole, articoli da toilette, biancheria da letto e scialli. La società vende i propri prodotti direttamente attraverso la sua rete di negozi, un sito online, dei negozi in franchising, degli shop in shops e dei negozi multimarca. Impiega oltre 6.158 persone.

Prima di prendere una qualsivoglia posizione sulla quotazione delle azioni Brunello Cucinelli bisogna acquisire un’ottima conoscenza di questo settore di attività e della sua concorrenza. Ecco perché, relativamente a queste imprese, raccomandiamo di studiare le notizie e gli eventi significativi che possono avere un’influenza sul segmento.

 

Le alleanze strategiche mezze in opera da Brunello Cucinelli

Brunello Cucinelli deve sicuramente far fronte ad una concorrenza importante nel suo settore di attività ma è anche circondato da alcuni alleati di cui bisogna tener conto quando si realizza un’analisi delle sue azioni in Borsa. Si sa infatti che le partnership strette dalle grandi società hanno come obiettivo la loro crescita e di permettere di migliorare la loro redditività a più o meno lungo termine. Proponiamo perciò di scoprire due esempi concreti di partenariati del passato che hanno avuto un’incidenza sulla quotazione di questo valore.

  • Prima di tutto ci occupiamo di una partnership oggi terminata che legava Brunello Cucinelli al gruppo di vendita online Yoox. Yoox è un sito di vendita di prodotti di prêt-à-porter e accessori di moda che serve da vetrina e da piattaforma di vendita a numerosi marchi tra cui Brunello Cucinelli. Tuttavia, nel 2017 Yoox ha deciso di mettere termine a questa collaborazione, così come ad altri partenariati che aveva stretto con altre imprese monomarca dello stesso genere.
  • Un altro partenariato strategico interessante che possiamo citare è quello messo in opera dalla Brunello Cucinelli con la società Ayden. Lo scopo di questo partenariato era di apportare un’innovazione tecnologica importante nel mondo del pagamento e del lusso. Il gruppo ha così messo in opera questo partenariato per creare un’esperienza di vendita unica e un’occasione per testimoniare il proprio savoir faire come marchio dal punto di vista tradizionale e digitale. Il gruppo Brunello Cucinelli ha infatti capito che offrendo ai propri clienti un largo ventaglio di strumenti di pagamento ai quali sono abituati in tutto il mondo, mette la soddisfazione dei clienti e la fidelizzazione al centro delle proprie sfide. Il partenariato messo in opera con la società Ayden, specializzata in questo settore di attività e nelle soluzioni di pagamento, ha permesso al gruppo di armonizzare la gestione dei pagamenti e identificare i clienti, quale che sia il canale di vendita. L’obiettivo principale di questo cambiamento è ovviamente di ottimizzare l’esperienza di acquisto del cliente ricompensando la sua fedeltà e offrendogli la riconoscenza che merita. Dalla messa in opera di questo partenariato il gruppo Brunello Cucinelli può proporre dei mezzi di pagamento online ultra-personalizzati e coerenti cosa che gli ha permesso di conservare lo stesso universo di marca indipendentemente dal supporto.

Come abbiamo appena visto, i partenariati tra Brunello Cucinelli e i suoi associati sono vari ed hanno obiettivi diversi. In ogni caso, questi partenariati hanno spesso un effetto annuncio importante sulla quotazione delle azioni ed è possibile quindi servirsene per cogliere l’inizio di una tendenza, nella maggior parte dei casi al rialzo, e trarne profitto conservando o prendendo una posizione all’acquisto. Per essere informati sulle partnership al momento giusto si consiglia di iscriversi ad un feed di notizie sull’impresa.

--- Pubblicità ---
Inizia a fare trading!

eToro è una piattaforma multi-asset che offre sia investimenti azionari e cripto-asset, sia il trading di attività sotto forma di CFD.

Si prega di notare che i CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di rapida perdita di fondi a causa del loro effetto leva. Il 75% dei conti dei trader al dettaglio perde fondi quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti chiederti se capisci come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio significativo di perdere i tuoi soldi.

Il contenuto in questione è fornito solo a scopo informativo e non deve essere considerato come consulenza in materia di investimenti. I risultati passati non sono garanzia di risultati futuri. La storia commerciale ha meno di 5 anni e potrebbe non essere sufficiente a servire da base per una decisione di investimento.

I criptoattivi sono strumenti volatili che possono fluttuare notevolmente in un periodo di tempo molto breve e non sono quindi adatti a tutti gli investitori. Al di fuori dei CFD, la negoziazione criptata non è regolamentata da alcun quadro normativo comunitario e non è pertanto soggetta a vigilanza.