Analisi della quotazione delle azioni Trevi Fin

Prima di acquistare le azioni del gruppo italiano Trevi Fin bisogna ovviamente conoscere alla perfezione i suoi valori e le sue possibilità di evoluzione. Questo articolo dettagliato dedicato a questo valore permette di scoprire tutte le informazioni necessarie per averne una comprensione adeguata e per realizzare delle buone analisi circa le sue possibili tendenze future. Illustreremo in particolare le attività di questa azienda e il suo storico recente e presenteremo i suoi principali concorrenti nel suo settore di attività. Infine, per completare l’articolo, forniremo alcune indicazioni relative all’analisi fondamentale di queste azioni con gli elementi e gli eventi che è possibile consultare e seguire in diretta.  

Il 71% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

Bisogna ovviamente monitorare con attenzione il mercato mondiale del petrolio e del gas dato che la domanda proveniente da esso influenza fortemente gli introiti del gruppo.

Analisi n. 2

Il gruppo trevi Fin potrebbe creare o acquistare nuove filiali per diversificare le proprie attività. Bisogna quindi seguire con attenzione questo tipo di notizie.

Analisi n. 3

È interessante analizzare le strategie attuate da questa impresa per sostenere la propria crescita e si possono anche confrontare gli obiettivi prefissati con i risultati reali.

Analisi n. 4

Bisogna tener conto della concorrenza di questo settore di attività e seguire con interesse le pubblicazioni e le notizie dei principali avversari del gruppo nel mondo.

Il 71% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.

Le attività della società Trevi Fin

Per prima cosa, per porre le basi della propria analisi delle azioni Trevi Fin bisogna ovviamente acquisire una buona conoscenza della struttura di questa impresa e delle sue differenti attività. Per questo motivo ci occupiamo qui più nel dettaglio del settore in cui opera questo gruppo e dei prodotti e servizi che propone.

Il gruppo Trevi Fin, o anche Trevi Finanziaria Industriale S.p.A., è una società italiana di holding specializzata nel settore dell’ingegneria e dei servizi. Per la precisione, l’azienda è specializzata in due settori di attività principali che sono l’ingegneria dei suoli e il settore di petrolio e gas.

Per quanto riguarda il settore dell’ingegneria dei suoli, le attività del gruppo Trevi Fin, proposte in tutto il mondo, sono principalmente dei servizi di ingegneria delle fondazioni per lavori di ingegneria civile e progetti di infrastrutture nonché la fabbricazione di piattaforme di fondazione speciali.

Per quanto riguarda il settore del petrolio e del gas, il gruppo propone in particolare dei servizi di fabbricazione di impianti completi per la perforazione sia a terra che in mare e fornisce inoltre dei servizi di perforazione petrolifera a livello internazionale. Oltre a ciò, Trevi Fin propone anche delle attività di ricerca, di sviluppo e di produzione di energia da fonti rinnovabili.

Attualmente, Trevi Fin svolge le proprie attività nei 5 continenti e gestisce oltre 74 business units in 38 paesi. Nel gruppo sono inoltre presenti due divisioni commerciali, Fondazioni speciali e servizi di perforazione e la divisione Ingegneria meccanica. Possiede inoltre diverse filiali tra cui Trevi SpA, Soilmec SpA, Drillmec SpA, Petreven SpA e Trevi Energy SpA. Trevi Fin impiega 7.327 dipendenti nel mondo.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni Trevi Fin

È ora il momento di spingersi oltre nella scoperta del settore di Trevi Fin interessandosi ai suoi principali concorrenti presenti sul mercato. Forniamo quindi delle informazioni sia sulle altre imprese europee del settore che sui leader mondiali per consentire di analizzare le notizie di attualità che le riguardano e le loro quote di mercato.

  • Per cominciare, è noto che il principale concorrente europeo di Trevi Fin è il gruppo italiano Tenaris, che è anche il primo produttore mondiale di tubi di acciaio non saldati destinati alle industrie gasiera e petrolifera. Per la precisione, il gruppo genera la maggior parte del proprio fatturato dalla produzione di tubi in acciaio, saldati e non saldati, che vengono venduti prevalentemente alle imprese che svolgono delle attività di perforazione. Il gruppo propone inoltre dei prodotti accessori fra cui prodotti tubolari, rivestimenti di superfici, prestazioni di installazione e di assemblaggio nonché supporto logistico. Il resto del fatturato del gruppo proviene dalla fabbricazione di condotte destinate al trasporto di fluidi petroliferi e gasieri. Tenaris svolge le proprie attività principalmente in Nord America, America Latina, Europa, Medio Oriente e Africa. Impiega 23.472 dipendenti nel mondo.
  • Un altro serio concorrente di Trevi Fin è il gruppo austriaco Schoeller-Bleckmann Oilfield Equipment che è attualmente il numero uno mondiale della progettazione, fabbricazione e commercializzazione di componenti di alta precisione e di apparecchiature destinate alla perforazione di giacimenti petroliferi e gasieri. Il gruppo genera la maggior parte del proprio volume d’affari tramite le apparecchiature di perforazione come barre d'acciaio e colli di perforazione non magnetici, motori di perforazione, stabilizzatori, alesatori e altro. Inoltre, il gruppo propone dei servizi di manutenzione e di riparazione. Infine, l’impresa commercializza anche dei componenti di alta precisione destinati al montaggio di antenne, di sonde, di batterie e di generatori utilizzati per realizzare misurazioni ed analisi nelle operazioni di perforazione. Il gruppo svolge le proprie attività prevalentemente negli Stati Uniti nonché in Austria e Gran Bretagna. Impiega attualmente 1.646 dipendenti nel mondo.
  • Per concludere con i concorrenti europei di Trevi Fin, bisogna prendere in considerazione anche il gruppo Rossetti Marino S.p.A., un’impresa italiana la cui attività principale è la fornitura di servizi di ingegneria e di costruzione per l’industria petrolifera e gasiera. L’azienda opera su tre segmenti principali: Business Unit petrolio e gas, Business Unit costruzione navale e Business Unit fabbriche di trattamento. Tramite la sezione petrolifera e gasiera il gruppo propone in particolare delle strutture e dei moduli offshore come ponti integrati, moduli di trattamento, quartieri di abitazione, moduli di servizi pubblici e rivestimenti.  La sezione dedicata alla costruzione navale si occupa della progettazione e della fabbricazione di navi quali rimorchiatori, motrici e sistemi di propulsione, navi appoggio, rimorchiatori per la movimentazione delle ancore, rimorchiatori oceanici, rimorchiatori portuali, ferry e altro. Infine, la sezione delle fabbriche di trattamento propone degli insiemi di procedure, vasche di trattamento e fabbriche di trattamento modulari utilizzati per il trattamento a monte degli idrocarburi. Ad oggi il gruppo impiega 1.415 dipendenti nel mondo.
  • Altrove nel mondo, bisogna anche seguire la società statunitense C&J Energy Services Inc. Si tratta di un’azienda di servizi di finitura e di produzione che fornisce all’industria petrolifera e gasiera soprattutto servizi di costruzione e di finitura nonché dei servizi per i pozzi. Il gruppo opera in tre grandi settori di attività: i servizi di finitura, i servizi di sostegno ai pozzi e altri servizi. L’impresa fabbrica ripara e rimette a nuovo gli impianti utilizzati nelle industrie di servizi petroliferi. Svolge le sue attività in diversi bacini costieri del Nord America. Il settore Servizi di completamento si occupa in particolare di servizi di fratturazione idraulica, di servizi filari a fori tubolari, di servizi di tubi arrotolati e di altri servizi di incentivazione dei pozzi. Il settore dei Servizi di sostegno ai pozzi comprende i servizi di perforazione, di gestione dei fluidi e di altri servizi speciali nei campi di perforazione. Infine, il settore “altri” comprende i servizi di perforazione diretta, di fabbricazione e riparazione di apparecchiature, di vendita di prodotti chimici specialistici, la ricerca e la tecnologia, le attività in Medio Oriente e i servizi di cementazione. Impiega attualmente 6.399 dipendenti nel mondo.

Nel corso dell’analisi delle azioni Trevi Fin, è opportuno realizzare in parallelo uno studio completo di queste imprese concorrenti prendendo in considerazione tutte le notizie al loro riguardo che potrebbero influenzare la quotazione degli altri valori del settore.

 

Storico economico e finanziario del gruppo Trevi Fin

Le notizie di attualità del gruppo Trevi Fin sono certamente anch’esse di aiuto nel prendere efficacemente posizione su questo valore. Per comprenderne la portata, illustriamo ora gli eventi passati che hanno influenzato la sua storia con un richiamo ad alcune date e notizie importanti che hanno segnato la sua evoluzione in Borsa nel corso degli ultimi dieci anni.

  • Nel 2009, il gruppo Trevi Fin vince l’appalto per il consolidamento della diga LPV-111 di New Orleans, nello stato del Mississippi, in seguito ai danni precedentemente causati dall’uragano Katrina.
  • Nel 2011, una delle filiali di Trevi Fin, Drillmec, effettua la consegna sull’isola artificiale creata in Kazakistan dal gruppo SAIPEM di un’unità in grado di funzionare in continuo ad una temperatura di -40°C. Lo stesso anno, il gruppo lancia delle nuove perforazioni in Cile tramite la sua filiale Petreven. Sempre nel 2011, Trevi Fin vince l’appalto per la realizzazione delle fondazioni speciali e per il consolidamento dei suoli per una nuova linea di metropolitana Cityringen a Copenaghen.
  • Nel 2012, il gruppo viene selezionato per il recupero e il rimorchio della nave da crociera Costa Concordia naufragata all’Isola del Giglio. Lo stesso anno, grazie a una macchina della gamma Soilmec, mette in opera un sistema stagno a 250 metri di profondità realizzando un record mondiale.
  • Nel 2013, il gruppo, tramite la sua filiale Trevi Fundations Kuwait, vince l’appalto per la costruzione del viadotto che attraversa Sheikh Jaber Al-Ahmad Al-Sabah.
  • Nel 2014 il gruppo Trevi Fin si incarica della realizzazione dei lavori di costruzione della stazione San Giovanni della linea C della metropolitana di Roma utilizzando una tecnica di congelazione totale del terreno.
  • Nel 2015, il gruppo Trevi e la sua filiale Trevi Filippine vincono l’appalto per le infrastrutture della metropolitana di Manila.
  • Nel 2016, in seguito ai danni causati da una piena, il gruppo ripara in tempi record 80 metri di argine del fiume Arno a Firenze. Lo stesso anno vince l’appalto per la diga di Mossul in Iraq. La sua filiale Solimec progetta in seguito una nuova macchina per i lavori affidati al gruppo per la realizzazione del porto di Salipazari in Turchia.
  • Nel 2017, la filiale del gruppo Swissboring vince l’appalto per la posa di 2.760 pali a 45 metri di profondità per il Meydan Mall Project a Dubai. Lo stesso anno, la sua filiale Trevi Icos vince l’appalto per la ristrutturazione della diga Hoover in Florida.

È importante seguire con la massima attenzione le future notizie di attualità relative al gruppo perché potrebbero avere una grande influenza sulla quotazione delle sue azioni in Borsa.

 

Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni Trevi Fin

Per approfondire la conoscenza del gruppo Trevi Fin e per poter comprendere come questa impresa possa evolvere nei prossimi anni, proponiamo ora di scoprirne i principali vantaggi e svantaggi.

Cominciamo questa analisi con una sintesi delle principali forze di questo gruppo:

  • In primo luogo, Trevi Fin dimostra una forte capacità di innovazione sostenuta dalle sue quattro grandi divisioni. Infatti, le forti interazioni tra i suoi diversi poli di attività le consentono di stimolare l’innovazione in modo continuo e le permettono di rimanere uno dei leader del suo settore.
  • Anche il know-how del gruppo Trevi Finanziaria è particolarmente difficile da imitare, in particolare per quanto riguarda la sua divisione ingegneria, in quanto deriva dall’esperienza e dalla ricerca che il gruppo ha avviato più di 50 anni fa.
  • Trevi Fin profitta inoltre dei risultati dell’efficace tecnologia che offre nel segmento delle trivellazioni offshore, che è riconosciuta sia per la sua facilità e rapidità d’uso che per la sua sicurezza.
  • Il gruppo Trevi Fin detiene inoltre una posizione dominante nel settore del consolidamento di vecchie dighe ed è uno dei principali operatori mondiali nel settore dei lavori per la loro ristrutturazione. Ricordiamo che le dighe richiedono un esame approfondito e dei lavori importanti circa 50 anni dopo la loro costruzione. Negli Stati Uniti, in particolare, Trevi Fin ha un'ottima reputazione grazie alla sua lunga relazione con l'US Army Corps of Engineers.
  • La presenza del gruppo Trevi Fin in tutto il mondo è un altro dei suoi punti di forza, in particolare quella sul mercato del Medio Oriente e sui mercati emergenti. La sua presenza in tutto il mondo le consente infatti di sfruttare la crescita di alcuni mercati in regioni in espansione come l’Africa, l’America latina o il Medio Oriente. Il gruppo gode inoltre di un’ottima reputazione su questi mercati grazie ai suoi progetti precedenti e alle acquisizioni di alcuni operatori.
  • Infine, va anche segnalato che il gruppo Trevi Fin presenta un'esposizione relativamente bassa dei suoi margini alle fluttuazioni delle valute e delle materie prime e non è quindi particolarmente esposto ai tassi di cambio grazie alla sua struttura monetaria sostanzialmente equivalente dei costi e dei redditi. In effetti, i pagamenti in valuta sono generalmente compensati da costi sostenuti nella stessa valuta.

 

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni Trevi Finanziaria

Dopo aver illustrato i principali punti di forza della Trevi Finanziaria, proponiamo di scoprire quali sono le sue debolezze più importanti con i seguenti punti da sorvegliare:

  • In primo luogo, rispetto ai suoi concorrenti tradizionali il gruppo è scarsamente presente nel segmento delle piccole perforazioni in offshore. Infatti, uno dei principali punti deboli della sua controllata Drillmec è la sua dimensione troppo piccola rispetto a quella degli altri principali operatori di questo settore. A causa di questa dimensione inferiore, il gruppo ha minori certezze per il futuro e le sue possibilità di valorizzare il suo potenziale sul mercato sono quindi limitate.
  • Infine, il secondo e ultimo punto debole del gruppo Trevi Finanziaria riguarda la sua controllata Soilmec. Infatti, il rallentamento delle vendite di quest’ultima ha pesato sulle attività del gruppo, in particolare perché ciò ha comportato un aumento significativo delle scorte di prodotti finiti. Contrariamente a Trevi, Soilmec è infatti più esposta alle problematiche legate ai settori industriale e residenziale, in quanto una parte relativamente importante della sua clientela è costituita da piccoli clienti attivi in opere a minor valore aggiunto. Negli ultimi anni, tuttavia, si osservano lievi segni di inversione di tendenza in questo segmento.

Come si può constatare, il gruppo ha molti vantaggi e alcune debolezze. Tuttavia, nella realizzazione delle analisi fondamentali tutti questi elementi devono essere analizzati tenendo conto non solo del loro numero ma anche del loro peso e del loro impatto reale sulle attività del gruppo e sulla sua redditività.

Domande frequenti

In quali settori di attività è presente il gruppo Trevi Finanziaria?

Il gruppo Trevi Fin è attualmente presente in diversi settori di attività in relazione alle differenti realizzazioni di progetti. Raggiunge quindi i mercati di aeroporti, autostrade, dighe, centrali idroelettriche, a gas e nucleari, ferrovie normali e ad alta velocità, gallerie, metropolitane, ponti e viadotti, porti e opere marittime e grattacieli. È inoltre attiva nel settore della costruzione e della gestione di parcheggi pubblici automatizzati.

Come è ripartita l’attività di Trevi Finanziaria?

L’attività del gruppo Trevi Finanziaria è suddivisa in due grandi poli distinti. In primo luogo, si trovano le attività di Trevi Fondazioni che rappresentano il 76% delle entrate, di cui il 56% per la parte dei lavori e il 22% per la produzione e la vendita di macchinari. Il secondo polo è quello di Trevi Oil & Gas per il 24% delle entrate del gruppo, di cui l’11% per i lavori e il 14% per la produzione e la vendita di macchinari.

Come valutare le future tendenze della quotazione delle azioni Trevi Fin?

Per sapere come possano evolvere le tendenze delle azioni Trevi Fin, è ovviamente necessario effettuare delle analisi approfondite di questo valore. In particolare, è necessario realizzare sia un'analisi fondamentale che un'analisi tecnica completa di queste azioni nonché confrontare i segnali ottenuti con questi due metodi.

eToro è una piattaforma multi-asset che offre sia investimenti azionari e cripto-asset, sia il trading di attività sotto forma di CFD.

Si prega di notare che i CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di rapida perdita di fondi a causa del loro effetto leva. Il 71% dei conti dei trader al dettaglio perde fondi quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti chiederti se capisci come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio significativo di perdere i tuoi soldi.

Il contenuto in questione è fornito solo a scopo informativo e non deve essere considerato come consulenza in materia di investimenti. I risultati passati non sono garanzia di risultati futuri. La storia commerciale ha meno di 5 anni e potrebbe non essere sufficiente a servire da base per una decisione di investimento.

I criptoattivi sono strumenti volatili che possono fluttuare notevolmente in un periodo di tempo molto breve e non sono quindi adatti a tutti gli investitori. Al di fuori dei CFD, la negoziazione criptata non è regolamentata da alcun quadro normativo comunitario e non è pertanto soggetta a vigilanza.