BANCO BPM

Analisi della quotazione delle azioni Banco BPM

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

Ultimi notizie

Possibile fusione tra Crédit Agricole e Banco BPM

19/10/2020 - 09h50

È in corso una possibile fusione tra la banca verde Crédit Agricole SA (CASA) e la banca italiana Banco BPM. Entrambe le parti confermano che una tale fusione sarà vantaggiosa per entrambe.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

Occorre ovviamente esaminare la strategia messa in atto da questo gruppo bancario allo scopo di diversificare le proprie attività con la creazione di nuovi prodotti e servizi ma anche con cessioni di attività meno redditizie per favorire le attività a forte margine.

Analisi n. 2

Bisogna vigilare sulla ripartizione degli attivi detenuti e gestiti dal gruppo interessandosi ai vari rischi che possono comportare e, soprattutto, all'adeguatezza di tali attivi e al loro posizionamento rispetto alle norme bancarie europee.

Analisi n. 3

Una parte dell’analisi deve naturalmente basarsi sulle notizie della Banca Centrale Europea e, in particolare, sull’andamento dei tassi d’interesse nella zona euro che possono influire sul settore del credito e del risparmio.

Analisi n. 4

Vanno attentamente sorvegliate le operazioni volte a internazionalizzare ulteriormente le attività di questo gruppo con acquisizioni di banche o operazioni specifiche all'estero o con l'attuazione di partnership strategiche con imprese nel resto del mondo.

Analisi n. 5

La concorrenza in questo settore deve essere attentamente sorvegliata consultando la ripartizione delle quote di mercato tra i vari operatori del settore e le notizie principali che possono modificarle.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione della società Banco BPM

Il gruppo Banco BPM proviene dalla fusione avvenuta nel 2017 tra Banco Popolare e Banca Popolare di Milano e diviene così il numero 3 del settore bancario italiano. Propone delle prestazioni di banca retail, banca d’affari, banca di mercato, finanziamento e investimento, banca privata e di gestione di attivi.

Banco BPM possiede oltre 2.500 agenzie in Italia.

Il gruppo Banco BPM nasce a seguito della firma del protocollo di intesa, nel marzo 2016, tra il Banco Popolare con sede a Verona e la Banca Popolare di Milano, con sede a Milano, che segna l’unione tra le due banche cooperative.

A giugno 2016 per volere delle due assemblee dei soci congiunte è stata approvata la fusione e le attività del nuovo gruppo Banco BPM sono ufficialmente iniziate lo scorso primo gennaio 2017, con la costituzione della nuova società bancaria Banco BPM S.p.A.

Nella nuova società gli ex azionisti Banco Popolare rappresentavano il 54,6% del capitale e gli ex Banco Popolare di Milano il 45,4%.

Oggi il gruppo bancario Banco BPM opera nel settore finanziario in Italia e all’estero (con filiali e società controllate) e può contare su 4 milioni di clienti, 25mila dipendenti, 13 miliardi di patrimonio netto e un radicamento sul territorio italiano.

Analisi della quotazione delle azioni Banco BPM
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Concorrenza

Ci interessiamo ora al contesto settoriale del gruppo Banco BPM e, più precisamente, ai suoi principali concorrenti sul mercato, con una presentazione più dettagliata di questi ultimi:

Unicredit

Il gruppo Unicredit è un gruppo bancario italiano che esiste dal 1998 e che ha sede a Milano. Si tratta anche di uno dei leader del settore bancario in Italia, in particolare in termini di attivi, ma anche di una delle più importanti capitalizzazioni di Borsa del settore nell’area euro dopo l’acquisizione di HypoVereinsbank nel 2005. Attualmente, il gruppo gestisce 8.954 agenzie ed impiega oltre 148.000 dipendenti.

Intesa Sanpaolo

È la prima banca italiana in ordine d’importanza e conta oltre 12 milioni di clienti. Domina quindi il mercato italiano ed è anche fortemente radicata a livello internazionale, in particolare nell’Europa centrale, nell’Europa orientale e nel bacino mediterraneo.

Banca Monte dei Paschi di Siena - MPS

È la più antica banca al mondo ancora in attività ed è stata creata nel 1472 a Siena. Da allora è stata sempre operativa ed è una delle principali banche italiane in termini di attivi.

UBI Banca

Infine, bisogna anche tener conto della concorrenza del gruppo UBI Banca, creato nel 2007 dalla fusione tra Banche Popolari Unite e Banca Lombarda e Piemontese.


Alleanze strategiche

Passiamo ora agli alleati strategici di Banco BPM con la presentazione di due esempi concreti di partnership recentemente strette dall'impresa:

Crédit Agricole

 La prima partnership che citiamo è stata firmata nel 2020 tra Banco BPM e Crédit Agricole con un accordo che rafforza la loro partnership globale nel credito al consumo in Italia attraverso la joint venture Agos Ducato detenuta al 61% da CACF e al 39% da Banco BPM. L’accordo aggiunge alcuni sviluppi agli accordi firmati nel 2018 fornendo capacità supplementari a Agos Ducato che consentiranno di ampliare ulteriormente la sua base commerciale e di migliorare il suo costo di rifinanziamento. L’accordo prevede inoltre la proroga fino al 2023 del termine ultimo per l’esercizio di un’opzione relativa ad una partecipazione del 10% del Banco BPM in Agos Ducato al prezzo di esercizio inizialmente convenuto di 150 milioni di euro.

Cattolica Assicurazioni

In precedenza, il gruppo aveva deciso di porre fine a una joint venture creata con Cattolica Assicurazioni in seguito alla decisione del direttore generale del gruppo di esercitare la sua opzione di acquisto sulle due joint venture bancassicurazione con Cattolica, articolata attorno alla clausola di cambiamento di controllo. Il titolo Banco BPM è diventato così più popolare dopo l'operazione, in quanto nel 2021 gli è stata data maggiore libertà nel settore della bancassicurazione.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Grazie ai CFD delle piattaforme di trading online è possibile investire su un attivo sia al rialzo che al ribasso. Per scegliere la direzione in cui prendere posizione sulle azioni della banca Banco BPM, bisogna basare la propria strategia su un’analisi completa di questo gruppo. Per farlo, l’ideale è conoscere bene le sue forze e le sue debolezze per determinare al meglio in che modo possano svilupparsi le sue attività e la sua redditività a più o meno lungo termine. Veniamo in aiuto nello svolgimento di questa operazione fornendo il riepilogo di vantaggi e svantaggi di questa azienda. Cominciamo in un primo tempo ad affrontare i punti di forza per poi ritornare sui punti deboli.

  • Per prima cosa va ricordato che questa banca è considerata una banca di prossimità perché dispone di oltre 600 agenzie che rappresentano altrettanti punti di contatto privilegiati per i clienti di questa rete bancaria. La banca Banco BPM dispone inoltre in Italia di una quindicina di centri Private Banking. In totale, per il solo segmento dei clienti privati, il gruppo Banco BPM dispone di oltre 30.000 clienti con depositi ma in totale sono oltre 1,4 milioni le persone che utilizzano i servizi del Banco BPM.
  • Banco BPM è anche abilmente riuscito a districarsi dalla concorrenza italiana grazie allo sviluppo dei suoi servizi di banca online. Infatti, i clienti che hanno un conto presso questa banca possono ormai gestirli per via informatica e questo è un vero e proprio plus per fidelizzare i clienti nonché per conquistarne di nuovi, soprattutto fra i giovani.
  • Il gruppo Banco BPM può ovviamente contare anche sulla sua forza lavoro per garantire la propria redditività e le sue attività future. La banca impiega infatti attualmente oltre 6.000 dipendenti nelle sue differenti agenzie. Mette inoltre l’accento sulla formazione dei dipendenti che sono così in grado di rispondere coerentemente alle domande di tutti i clienti e rendere quindi più forte la loro relazione con i consulenti.
Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Abbiamo appena passato in rivista tutti i punti di forza di cui dispone il gruppo Banco BPM e che dovrebbero permettergli di mantenere la sua posizione forte negli anni a venire ma, sebbene siano numerosi e possano influenzare le strategie rialziste su queste azioni in Borsa, è ovviamente preferibile stemperare questa valutazione troppo frettolosa prendendo in considerazione in un secondo tempo gli eventuali freni a tale crescita. Banco BPM ha infatti anche alcune debolezze e bisogna quindi conoscere gli elementi che potrebbero avere un’influenza negativa sulla quotazione delle sue azioni nei mesi e anni a venire. Eccoli in dettaglio.

  • Per prima cosa, uno dei principali punti deboli di questo gruppo bancario è il suo elevato tasso di abbandono. Infatti, nel corso degli ultimi anni molti dipendenti altamente qualificati hanno lasciato il gruppo, soprattutto per via del livello di remunerazione inferiore rispetto a quello della concorrenza. Questo fenomeno potrebbe pesare sulla qualità dei servizi e della strategia marketing dell’azienda intaccando la redditività del gruppo a lungo termine.
  • Ovviamente, ci si rammarica anche del posizionamento geografico del gruppo che resta attualmente concentrato in Italia mentre le banche italiane concorrenti riescono a poco a poco ad estendere le loro attività ad altri paesi europei se non a livello internazionale. Per il momento sembrerebbe che Banco BPM non metta in opera nessuna strategia di espansione al di fuori del territorio nazionale e ciò lo espone ovviamente ad un rischio più elevato. Si sa infatti che l’Italia subisce ancora molto le conseguenze della crisi economica e che la situazione generale stenta a riassestarsi. Banco BPM non dispone quindi di un mercato di soccorso per garantirsi utili e volume d’affari. Per un istituto bancario che dispone di tutto il necessario per tentare un tale sviluppo non è mai una buona cosa restare posizionato su un solo ed unico settore geografico.
Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.

Domande frequenti

Qual è il posizionamento sul mercato italiano del gruppo Banco BPM?

Il gruppo Banco BPM svolge le proprie attività principalmente in Italia, anche se va segnalato che non è presente nel Trentino-Alto Adige. Questo gruppo bancario è il più importante della Lombardia con il 15% delle quote di mercato e sul piano nazionale detiene l’8,2% delle quote di mercato e annovera 4 milioni di clienti. Gestisce 2.300 agenzie ed impiega circa 23.000 dipendenti.

Quali sono i dati finanziari da analizzare per le azioni Banco BPM?

Se si intende fare trading sulla quotazione delle azioni Banco BPM è necessario conoscere gli ultimi dati finanziari del gruppo. Bisogna privilegiare in particolare il prodotto netto bancario, che è stato di 4.161.700€ nel 2019, le spese generali di gestione, che sono salite a 2.335.097€ per lo stesso esercizio contabile, e il risultato operativo lordo, che, sempre nel 2019, è stato di 1.557.654€. Questi dati possono ovviamente essere consultati direttamente nel sito della banca.

A quando risale la fusione tra Banco BPM e Banco Popolare?

Dopo lunghe negoziazioni, Banco Popolare e Banca Popolare di Milano hanno effettuato la loro fusione nel 2016 creando la terza più grande banca italiana, Banco BPM. Il nuovo gruppo così creato ha sede a Milano e Verona e il suo capitale è ripartito fra le due imprese nella misura del 54% per Banco Popolare e del 46% per BPM.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com