Analisi n. 1

Va seguita con attenzione l’evoluzione della base di tifosi della squadra, fonte di introiti per il club. Ciò riguarda in particolare i sempre più numerosi fans in Cina e in India, due mercati emergenti in cui i tifosi di calcio spendono sempre di più per le loro squadre preferite.

Analisi n. 2

La strategia di comunicazione messa in opera dalla Juventus ha anch’essa, ovviamente, la sua importanza ed è al cuore delle sfide di questo club da un punto di vista finanziario. Inoltre, lo sviluppo di pubblicità e campagne di comunicazione del marchio possono contribuire rapidamente a rafforzare il capitale di questa società e permettere quindi alle sue azioni di guadagnare punti.

Analisi n. 3

Vanno inoltre sorvegliati gli acquisti di giocatori, sia da parte della Juventus che degli altri grandi club di calcio, che potendo influenzare le performance delle squadre vengono seguiti dagli investitori di questo settore di attività.

Analisi n. 4

I frequenti problemi che si manifestano tra i giocatori e la direzione della Juventus hanno anch’essi un’influenza negativa sulla quotazione delle azioni e devono essere oggetto della più grande attenzione quando vengono mediatizzati.

Analisi n. 5

Infine, bisogna tenere d’occhio anche l’indebitamento di questo club che è diventato importante in seguito ai debiti contratti per il trasferimento di giocatori molto costosi.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.

Le azioni Juventus in breve

 

Le azioni della società Juventus

La società Juventus è, all’origine, un club di calcio professionale con sede a Torino.

Il più antico club italiano è il Genoa Cricket and Football Club ma la Juventus è stata comunque fondata tra i primi, nel 1897, come club polisportivo. Il gruppo Juventus è anche strettamente collegato, fin dal 1923, al nome della grande famiglia industriale italiana Agnelli. Ad oggi il club dispone di una base di tifosi tra le più grandi del mondo ed è quindi una delle squadre di calcio più popolari a livello mondiale.

Il club è ovviamente in competizione con altri grandi club quali l’altro torinese, il Torino, o il Milan e l’Inter.

La Juventus è inoltre la squadra di calcio italiana che ha ottenuto più titoli e risulta fra le prime a livello mondiale.

Fin dal 1967, trattandosi di una società per azioni la Juventus è anche un titolo borsistico ma la prima quotazione di questo valore sulla Borsa Italiana è avvenuta nel 2001. Assieme alla Lazio ed alla Roma, è una delle tre sole squadre italiane quotate in Borsa.

Per quanto riguarda la ripartizione dell’azionariato della Juventus, le azioni appartengono per il 60% a Exor NV della famiglia Agnelli, per il 7,5% ad una compagnia di investimento libica e per il 32,5% ad altri tipi di azionisti minoritari.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni Juventus

Per trattare sulla quotazione delle azioni Juventus, dovete ovviamente essere al corrente della maniera in cui la concorrenza del settore possa influenzare questo valore. A tal fine, è una buona idea conoscere i principali concorrenti di questa squadra di calcio ma sarebbe complicato citare la lista di tutti i club concorrenti visto il loro numero.

Che siano o meno quotate in Borsa, infatti, tutte le squadre importanti possono avere un’influenza attraverso i loro risultati e le loro operazioni di trasferimento o di cessione di giocatori che possono incidere in maniera più o meno marcata sulla quotazione delle azioni dei club quotati, come la Juventus.

Piuttosto che analizzare ogni squadra in maniera indipendente, cosa che richiederebbe ovviamente troppo tempo, è quindi preferibile analizzare le relazioni tra la Juventus e gli altri club a livello internazionale. Bisognerà ovviamente seguire l’evoluzione della posizione in classifica della squadra, i trasferimenti di giocatori, i cambiamenti di rilievo nella strategia della squadra stessa e tutti i dati che possono influenzare la sua popolarità in termini di monetizzazione.

Ricordiamo infatti che un club di calcio funziona in realtà come un’azienda con i suoi utili e i suoi costi. Sono quindi questi gli elementi che devono essere presi in considerazione prioritariamente e non la concorrenza diretta degli altri club.

 

Le alleanze strategiche strette dal gruppo Juventus

Esattamente come lo farebbe un’azienda classica, la Juventus stringe regolarmente dei partenariati che le permettono di aumentare i guadagni, di diventare più popolare o di ridurre i costi. I partenariati e le alleanze strategiche strette da questo club giocano in questo caso un ruolo importante perché influiscono in maniera molto diretta sull’evoluzione della quotazione in Borsa di questo valore. Vi proponiamo quindi di scoprire quali siano le ultime alleanze strette dalla Juventus.

Nel 2017 il gruppo Juventus ha in particolare siglato un interessante partenariato con diversi grandi marchi di fama internazionale fra i quali possiamo citare in particolare quello stretto con un altro gruppo italiano, Costa Crociere. Lo specialista italiano delle crociere ha infatti voluto associare il proprio nome al marchio Juventus, che gode di una fortissima notorietà, per guadagnare lui stesso in popolarità e attirare i fans del calcio. Si tratta in questo caso di un contratto di sponsorizzazione rivolto al mercato asiatico sul quale la Juventus è particolarmente popolare e su cui Costa Crociere desidera svilupparsi ulteriormente. Si tratta ovviamente di un partenariato utile a entrambe le parti visto che la Juventus profitterà in controparte di una maggior visibilità sulle navi da crociera di questa compagnia.

Sempre nel 2017, la Juventus ha stretto un’alleanza strategica con M&M’s, marchio statunitense del gruppo Mars. L’obiettivo della Juventus è in questo caso di sfruttare l’aspetto giovane e molto popolare di questo marchio per disporre di nuovi metodi e supporti di comunicazione. Il marchio M&M’s evoca infatti il piacere e la condivisione, due valori che sono alla base stessa del partenariato stretto dalle due aziende.

Infine, la Juventus ha anche saputo migliorare la propria immagine di marca associandosi ad alcuni fabbricanti di automobili. Il marchio Jeep si è infatti associato con il club italiano creando vari modelli di vetture con i colori della squadra. Le due società guadagnano quindi entrambe in notorietà associando le performance dei veicoli di fascia media e alta e le performance sportive della Juventus.

Ovviamente, si raccomanda a tutti i trader di seguire con la massima attenzione tutte le pubblicazioni importanti relative a futuri partenariati ed alleanze strategiche della Juventus con aziende di grandi dimensioni. Questi eventi possono infatti influenzare molto il comportamento in Borsa di queste azioni.

 

Storico economico e finanziario della Juventus

Per analizzare le fluttuazioni borsistiche del titolo della Juventus è ovviamente necessario conoscere gli eventi che ne hanno segnato l’evoluzione. Ecco quindi un riepilogo degli eventi più significativi degli ultimi anni che vi aiuterà in questa operazione.

 

Vantaggi e punti di forza delle azioni Juventus come attivo di Borsa

Per capire in che modo il titolo della Juventus sia capace di attrarre investitori in Borsa dovete ovviamente conoscere perfettamente le forze e le debolezze che lo caratterizzano e che determineranno l’interesse dei trader per questo valore. Cominciamo questa analisi con un riepilogo dei punti di forza di questo attivo e della società emittente.

Per prima cosa, si può ovviamente sottolineare il fatto che il gruppo Juventus gode di un’immagine di marca molto forte sia in Italia che nel resto del mondo. La grandissima comunità di fans di questo club di calcio gli garantisce infatti un’elevata redditività in termini di vendite di prodotti derivati ed altri elementi che generano utili.

La strategia di marketing messa in opera dal club Juventus è anch’essa da segnalare come una forza del gruppo. Questa strategia è infatti estremamente ben concepita e il merchandising è di alta qualità. Anche in questo caso va ricordato che una gran parte degli utili di questa squadra di calcio vengono generati dalla vendita di prodotti derivati. La comunicazione e il marketing hanno quindi tutto il loro posto nella strategia globale del gruppo.

Sempre per quanto riguarda i vantaggi di questo valore, si può evidenziare il fatto che lo stadio di calcio della Juventus, lo Juventus Stadium, è uno dei più grandi stadi d’Italia e riesce a raccogliere oltre 40.000 tifosi ad ogni incontro generando così degli introiti supplementari per il gruppo.

Infine, il gruppo Juventus può anche contare su numerosi contratti di sponsorizzazione per sostenere il proprio sviluppo e la propria crescita finanziaria. Tra gli sponsor più popolari di questo club ritroviamo in particolare Nike, SKY, Tamoil, New Holland del gruppo Fiat, BetClic e Balocco.

 

Svantaggi e punti deboli delle azioni Juventus come attivo di Borsa

Il club Juventus dispone di numerosi atout per permettere alle proprie azioni in Borsa di svilupparsi ulteriormente negli anni a venire ma, ovviamente, ci sono anche dei punti deboli che sono anch’essi da conoscere prima di lanciarsi in una strategia speculativa sulla loro quotazione. Ecco quindi gli elementi che dovete conoscere e che possono influenzare negativamente la quotazione delle azioni Juventus.

Per cominciare, bisogna notare che, sebbene la Juventus faccia parte dei più grandi e più popolari club di calcio del mondo, alcuni club sono ancora più popolari, come per esempio alcuni grandi club spagnoli e inglesi che godono di una notorietà ancora maggiore.

Inoltre, il mercato del calcio è attualmente saturo in Italia e la Juventus ha quindi poche possibilità di svilupparsi ulteriormente e deve puntare tutto sulla sua strategia internazionale.

Ciò ci porta al terzo e ultimo punto debole di questo valore che verte sull’espansione della notorietà di questo club nel mondo. Al di fuori dell’Italia e dell’Europa, la Juventus non gode di una grande visibilità e la sua presenza sui mercati internazionali non è delle migliori, il che costituisce un limite significativo circa le sue capacità di crescita.

Domande frequenti

Come è composto l’azionariato della Juventus?

Il gruppo Juventus ha alcuni azionisti principali ed è interessante sapere come sia ripartito il suo capitale. Attualmente, nel 2020, il 63,8% del capitale appartiene al gruppo Exor NV. Il gruppo Lindsell Train Limited, da parte sua, possiede l’11,3% del capitale della Juventus e, infine, il resto del capitale del gruppo, il 24,9%, è flottante. Questa suddivisione può ovviamente subire dei cambiamenti.

Come si è evoluta la quotazione delle azioni Juventus negli ultimi anni?

Le azioni Juventus sono quotate in Borsa dal 2015. Da principio la loro quotazione si è mantenuta stagnate ma poi, per tre anni, il corso ha seguito un’evoluzione principalmente al rialzo con un valore di partenza a 0,28 euro ed il raggiungimento di un picco storico a quota 1,53 euro ad aprile 2019. Tuttavia, successivamente il titolo ha perso molti punti per ricadere sotto gli 0,8 euro a marzo 2020.

Qual è l’utile netto per azione per il titolo della Juventus?

L’utile netto per azione delle azioni Juventus è stato di -0,04% per l’anno 2019. Per il 2020 è stimato a -0,05 euro e le previsioni per il 2021 sono a -0,03 euro. Attualmente, la quotazione di questo titolo perde quindi dei punti. È anche importante notare che per il momento il gruppo Juventus non ha versato nessun dividendo ai suoi azionisti.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.