Comprare azioni Saipem e quotazione

Valutazione: 4.25 20 voti
 

Nel mondo della borsa alcuni settori di attività, quali il settore industriale e quello delle energie, sono particolarmente apprezzati dalla maggior parte degli investitori. Ma avete già pensato di speculare direttamente su delle azioni provenienti contemporaneamente da entrambi questi settori come i titoli del gruppo Saipem, specializzato in ingegneria petrolifera? Per farlo vi proponiamo di scoprire qui alcune informazioni pratiche per un'analisi tecnica del loro corso.  

 

A proposito del gruppo Saipem

Il gruppo Saipem è specializzato in servizi di ingegneria e costruzione per le industrie del petrolio e del gas. Il suo volume d'affari deriva da varie attività, tra le quali principalmente i servizi di ingegneria, di costruzione e di installazione e, secondariamente, i servizi di trivellazione.

Questo gruppo genera il suo fatturato nel mondo intero.

 

Storia del gruppo Saipem

Saipem, Società Anonima Italiana Perforazioni e Montaggi, è una società per azioni, facente parte del gruppo Eni, nata nel 1956, operante nel settore petrolifero, in particolare è specializzata nella realizzazione di infrastrutture finalizzate alla ricerca di giacimenti di idrocarburi, perforazione e posa in opera di pozzi petroliferi e oleodotti e gasdotti.

Per estendere la propia competenza anche ai progetti su terra, Saipem ha acquisito nel 2006 la Snamprogetti, specializzata nei progetti onshore del settore.

Il gruppo Saipem ha suddiviso le sue attività in tre differenti settori di business: onshore, offshore e drilling. Tutti i progetti realizzati dal gruppo hanno un alto livello dal punto di vista tecnologico, caratteristica che permette al gruppo di operare in aree remote o in acque profonde e più in generale in condizioni di difficoltà.

Saipem SpA comprende circa 90 società e consorzi, con oltre 30.000 dipendenti in tutto il mondo.

La società opera nei cinque continenti e vanta la presenza in aree strategiche e emergenti come l'Africa, l'ex Unione Sovietica, l'Asia, il Medio Oriente.

 

I principali concorrenti di Saipem

Saipem è una filiale del gruppo ENI ed è specializzata nella ricerca e nelle trivellazioni petrolifere. Nel suo ambito di azione è uno degli attori principali del settore petrolifero in Europa ed ovviamente deve confrontarsi con la significativa concorrenza in Europa da parte di imprese più o meno importanti. Ecco i principali concorrenti di Saipem ad oggi:

  • SONATRACH (Algeri – Algeria) è la compagnia algerina di ricerca, sfruttamento, trasporto per canalizzazione, trasformazione e commercializzazione di idrocarburi e derivati.
  • TechnipFMC (Parigi – La Défense – Francia) è leader mondiale dei progetti subsea, onshore/offshore et surface.
  • Total (Parigi – La Défense – Francia) è un gruppo mondiale e globale dell’energia, una delle prime compagnie petrolifere e di gas al mondo nonché il numero due dell’energia solare con SunPower.
  • Perenco (Parigi – Francia) è una compagnia petrolifera che opera nel Gabon, Camerun, Congo, Repubblica Democratica del Congo, Colombia, Guatemala, Ecuador, Tunisia, Egitto, Turchia, Venezuela, Regno Unito.
  • FLOWSERVE (Arnage – Francia) fornisce nel mondo delle pompe che rispettano lo standard API 610 e possono operare in un’ampia gamma di pressioni, flussi e temperature.

 

I principali partner di Saipem

Ecco i principali partenariati messi in opera dal gruppo Saipem.

Nel 2004, per mezzo di una joint-venture, Sofregaz e Saipem hanno ottenuto l’appalto del terminal di ricevimento del gas GNL di FosCavaou, vicino Marsiglia.

Nel 2014 il gruppo italiano Saipem e il giapponese Chiyoda Corporation si sono alleati con il consulente in energia Xodus Group per lanciare una nuova compagnia di ingegneria sottomarina dedicata al mondo del petrolio e del gas.

Infine nel 2017 Enel e Saipem starebbero per firmare un accordo per la costruzione di centrali termiche nel mondo, come si apprende da due fonti vicine al dossier.

 

Analisi della quotazione dell'azione Saipem

L'azione Saipem è attualmente quotata sul mercato della Borsa Italiana MTA. Questo gruppo fa anche parte del calcolo dell'indice borsistico FTSE MIB.

I grafici storici mostrano inoltre dal 2013 una buona progressione che, secondo gli specialisti, dovrebbe proseguire nel 2015 e certamente anche nel corso dei prossimi anni.

 

Dati borsistici importanti a proposito delle azioni Saipem

Per analizzare e capire bene l’evoluzione in Borsa delle azioni Saipem e, di conseguenza, effettuare un maggior numero di operazioni redditizie con i propri investimenti, le informazioni tecniche storiche ed il dettaglio delle attività di questo gruppo hanno ovviamente tutta la loro importanza. È però anche essenziale conoscere i dati più generali relativi a questo titolo ed al suo posizionamento sul mercato borsistico. Ecco quindi alcuni dati di cui non si può fare a meno per le proprie strategie:

  • Nel 2017 il gruppo Saipem contabilizza una capitalizzazione borsistica totale di 4.067,56 milioni di euro.
  • Il numero di titoli emessi dalla società Saipem attualmente in circolazione sul mercato è di 92.297.524.
  • Il corso delle azioni Saipem viene attualmente quotato in Italia sul Mercato Telematico Azionario della Borsa Italiana MTA.
  • La società Saipem integra anche la composizione dell’indice borsistico nazionale italiano FTSE MIB e fa quindi parte delle più grandi capitalizzazioni del paese.

L’azionariato di questa società è composto per il 42,91% da quote dell’azionista investitore ENI. Il resto delle sue azioni è principalmente ripartito tra gli azionisti investitori individuali ed alcuni azionisti istituzionali e fondi di investimento.

 

Storico economico e finanziario della società Saipem

Per essere capaci di capire il meglio possibile il grafico storico della quotazione delle azioni Saipem è indispensabile associare i dati provenienti dall’analisi tecnica a quelli forniti dall’analisi fondamentale. Ecco quindi, per aiutarvi, alcuni dati storici economici e finanziari di questa società relativi agli ultimi decenni.

  • La società Saipem comincia ad operare negli anni 1950 con attività quali la posa di condotti onshore, la costruzione di impianti di trasformazione del gas e del petrolio e delle trivellazioni per conto dell’ENI, che all’epoca era proprietaria della società.
  • Dal 1969 Saipem comincia a svilupparsi a livello internazionale con degli interventi offshore nel Mediterraneo e nel Mare del Nord.
  • Nel 1984 il corso delle azioni Saipem viene quotato per la prima volta alla Borsa di Milano. A partire da questa data ENI, che era l’azionista unico del gruppo, si limita a controllare il 43% delle quote.
  • Nel 2002 Saipem rafforza le proprie strutture di ingegneria e di project management acquistando diversi concorrenti come Bouygues Offshore e diventando così molto più presente nel settore dei grandi progetti EPIC.
  • Nel 2006 il gruppo Saipem acquista Snamprogetti, una filiale del gruppo ENI specializzata nei grandi progetti offshore EPC e, in particolare, quelli relativi alla valorizzazione delle risorse in gas naturale. Questa società è stata integrata in Saipem nel 2008.
  • Nel 2015 il gruppo Saipem annuncia la propria volontà di sopprimere oltre 8.800 posti di lavoro nell’arco di 3 anni. Lo stesso anno il gruppo annuncia anche un’apertura del capitale nell’ordine di 3,5 miliardi di dollari per inizio 2016. Questa apertura viene poi sottoscritta da ENI che rimane il suo principale azionista con il 43% delle quote. Sempre nel 2016 ENI annuncia la rivendita del 12,5% della sua partecipazione nel gruppo Saipem al fondo d’investimento Fondo Strategico Italiano.

 

Dettaglio delle attività della società Saipem da un punto di vista tecnico

Il gruppo Saipem svolge la sua attività principale nel settore dell’EPIC (Engineering, Procurement, Installation and Commissionning) e in quello dell’EPC (Engineering, Procurement and Construction) per le industrie petrolifere onshore e offshore e, più in particolare, nell’ambito di progetti complessi come le attività in settori desertici, in acque profonde o aree difficilmente accessibili, il tutto grazie alla possibilità che ha il gruppo di effettuare delle trivellazioni complesse sfruttando delle sinergie  con le attività onshore e offshore del gruppo ENI.

Saipem è anche un contractor presente in tutti i continenti: opera infatti in Africa occidentale, Russia, Asia Centrale, Medio Oriente, Nord Africa, e sud est asiatico. Grazie a questa presenta internazionale il gruppo conta oltre 30.000 dipendenti in 100 paesi differenti e possiede la sua propria flotta di navi e il proprio materiale da trivellazione, il che gli consente di aumentare ulteriormente la propria capacità di generare utili.

Da notare anche che la società Saipem distribuisce la propria attività in due grandi poli che sono l’Engineering and Construction, onshore e offshore, e il Drilling, anch’esso onshore et offshore.

 

Andamento del titolo Saipem

Con la chiusura del bilancio del 2015 il Gruppo Saipem ha subito una riduzione del fatturato pari a 11,5 miliardi di euro, con un reddito operativo che scende di 452 milioni di euro e un utile netto a meno 806 milioni di euro.

Il ribasso del prezzo del petrolio ha certamente influito negativamente sull’intero settore petrolifero.

Grazie alla ricapitalizzazione avvenuta nel febbraio del 2016, il debito consolidato della Saipem SpA è pari a 2 miliardi di euro, in netta riduzione rispetto al debito consolidato del 2014 pari a 5,4 miliardi di euro.

Il 2016 si è chiuso con ricavi per 10,5 miliardi di euro (-13%), il margine operativo lordo è stato di 909 milioni (+78,9%), un Ebit adjusted di 600 milioni ed un risultato netto adjusted di circa 250 milioni, con una spesa complessiva per gli investimenti tecnici di 400 milioni di euro e un debito ancora in discesa che si ferma a 1,5 miliardi di euro.

Nel 2016 Saipem SpA ha registrato un aumento degli ordini rispetto al 2015, 6627 milioni contro i 5357 dell’anno precedente.

Il primo trimestre del 2017 vede il gruppo Saipem in perdita rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

I ricavi infatti ammontano a 2263 milioni di euro (-20,3%), l'Ebitda adjusted scende a 256 milioni mentre l'utile operativo adjusted passa da 142 a 122 milioni.

L’utile netto adjusted scende a 54 milioni, rispetto ai 61 milioni nel primo trimestre dell’anno precedente, il risultato netto contabile è pari a 47 milioni di euro.

Saipem SpA ha acquisito solo 509 milioni di nuovi ordini, cifra dimezzata rispetto al primo trimestre 2016.

 

Previsioni sull’evoluzione delle azioni Saipem

Le previsioni per il 2017 prevedono per Saipem ricavi pari a 10 miliardi di euro, con un Ebitda di circa 1 miliardo di euro e un risultato netto di 200 milioni (che dovrebbe superare i 300 milioni di euro nel 2018), con un debito ancora in calo pari a 1,4 miliardi di euro.

Gli analisti, a parte i referenti di Raymond James che hanno espresso il loro underperform e il target price a 0,35 euro sul titolo Saipem, mantengono quasi tutti un giudizio positivo, invitando gli azionisti a mantenere le azioni. Kepler Cheuvreux fissa il rezzo obiettivo a 0,45 e mantiene il suo hold, così come Banca Imi che però fissa il target price relativo all’azione a 0,43 euro.

Più ottimisti gli analisti di Goldman Sachs che credono fortemente in un rialzo della quotazione del titolo Saipem e dunque ne consigliano l’acquisto. Confermano dunque il rating buy con un prezzo obiettivo da 0,55 euro a 0,53 euro.

Effettivamente nell’ultimo periodo il titolo Saipem è stato al centro di un fiducioso rialzo, chiaramente le previsioni sull’andamento della quotazione dipendono anche da come evolverà, nei prossimi mesi, lo scenario macro economico a livello mondiale.

Saipem SpA ha presentato il piano strategico 2017 – 2020 che prevede l’obiettivo di riorganizzare il business, contenendo il rischio delle attività ottimizzando costi e risorse impiegate, individuando nuovi modelli organizzativi per ogni business unit.

La recente notizia della partecipazione di Saipem SpA alla gara per la costruzione della linea ferroviaria ad alta velocità Mosca-Kazan, ha influenzato il trend rialzista per il titolo Saipem.

È stato infatti firmato “un memorandum of understanding” con Ferrovie dello Stato al fine di istituire un raggruppamento temporaneo di impresa finalizzato alla partecipazione in oggetto.

A seguito dei rumors diffusi sulla partecipazione alla gara il titolo ha registrato a Piazza Affari un rialzo del 2,07% a 0,4097 euro per azione.

L’acquisizione della gara d’appalto permetterebbe a Saipem e Ferrovie dello Stato di costruire 770 chilometri di strada ferrata con investimenti per 28 miliardi di dollari, un progetto che dovrebbe essere chiuso per l’avvio dei Mondiali di calcio nel 2018.

Saipem è già impegnata nella costruzione di una linea ferroviaria ad alta velocità in Italia.

Un appalto che potrebbe ovviare alla diminuzione dei contratti nello specifico settore petrolifero.

Speculate subito sulle azioni Saipem

È oggi possibile avere accesso al trading delle azioni di gruppi come Saipem aprendo un conto di trading presso un broker online. Potrete quindi speculare direttamente sulla quotazione di queste azioni a partire dalle vostre analisi.

Investiti sulle azioni Saipem!*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.