Analisi della quotazione delle azioni Fincantieri

Se si ha intenzione di cominciare a speculare online sulla quotazione delle azioni Fincantieri e si desidera sapere come farlo, ecco tutti i dati importanti relativi a questo titolo. In questo articolo si trovano anche altre informazioni a proposito dell’azienda come le sue attività nel dettaglio, i suoi principali concorrenti e partner nonché i suoi attuali punti forti e deboli. Forniamo inoltre delle indicazioni per la messa in opera dell’analisi fondamentale di questo attivo svelando gli elementi dell’attualità da prendere in considerazione prioritariamente. Ovviamente, in questa pagina è anche disponibile un grafico in diretta e in tempo reale della quotazione di queste azioni per seguirne l’evoluzione.  

Il 71% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

La nuova razionalizzazione dell’impronta di produzione e gli sforzi fatti da Fincantieri per rispondere alle nuove rigidissime regole, soprattutto per quanto riguarda l’Italia, devono essere seguiti con cura.

Analisi n. 2

Lo sviluppo delle attività di servizio post-vendita ha la sua importanza perché offre un livello di margine molto elevato.

Analisi n. 3

Va seguito l’aumento delle attività nel settore dei mega-yacht che si mantengono su livelli relativamente bassi ma che potrebbero conoscere un forte sviluppo nei prossimi anni.

Analisi n. 4

Ovviamente, tutti i cantieri navali su cui Fincantieri opererà al di fuori del mercato italiano saranno altrettanti segnali di buona espansione internazionale e quindi degli interessanti segnali di crescita.

Analisi n. 5

Il livello dei budget assegnati al settore della difesa in Italia e negli Stati Uniti sarà un importante indicatore per i futuri ordini del gruppo Fincantieri.

Analisi n. 6

Vanno ovviamente seguiti i principali concorrenti di questo gruppo e in particolare le imprese che propongono dei prezzi più interessanti e che sono sempre più numerose sul mercato.

Analisi n. 7

La pressione esercitata sui prezzi all’importazione e all’esportazione avrà ovviamente un’innegabile influenza sull’evoluzione della quotazione delle azioni Fincantieri. Lo stesso vale per il mercato dei cambi e le sue variazioni, soprattutto per quanto riguarda il cross EUR/USD.

Analisi n. 8

Dopo ogni stipula di contratto da parte di Fincantieri, è bene prendere in considerazione i relativi differenti rischi di esecuzione sia in termini di tempi di consegna che di esigenze di budget e finanziamento.

Il 71% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.

Le attività della società Fincantieri

Per aiutare a capire meglio l’ambiente in cui evolvono le azioni Fincantieri, proponiamo, per cominciare, di saperne un po’ di più sulle attività svolte da questa azienda italiana.

Il gruppo Fincantieri è una società che possiede e gestisce dei cantieri navali. Opera sia nella progettazione che nella realizzazione di navi da crociera, navi militari, sottomarini ausiliari e speciali nonché imbarcazioni da supporto offshore. I tre grandi settori di attività in cui opera il gruppo sono quindi:

  • La costruzione navale: in questo settore si ritrovano le attività di produzione, riparazione, manutenzione e trasformazione di imbarcazioni da crociera, traghetti, navi da guerra e mega yacht.
  • La costruzione in mare e offshore: questo settore include la progettazione e la fabbricazione di imbarcazioni di supporto destinate al mercato della ricerca e dell’estrazione di petrolio e gas naturale nonché dei servizi e della produzione di vari sistemi elettronici, soluzioni elettriche e automatizzate, sistemi di canalizzazione, installazioni elettriche e installazione di alloggi per le navi di questa industria.
  • Gli allestimenti, i sistemi e i servizi: infine, questo settore di attività comprende le specializzazioni nella fabbricazione di prodotti meccanici e nella fornitura di servizi post-vendita alle navi consegnate dal gruppo.

Come si può constatare, Fincantieri è un’azienda che opera in diversi settori connessi all’industria navale. Svolge le proprie attività principalmente in Italia ma opera anche nel resto del mondo. D’altra parte, Fincantieri è attualmente alla guida di diverse filiali di cui ecco il dettaglio:

  • Isotta Fraschini Motori, nel settore della fabbricazione di motori marini di grande potenza.
  • Fincantieri Marine Systems North America, nella vendita e manutenzione in America.
  • Fincantieri Holding B.V, nella gestione delle partecipazioni estere.
  • Fincantieri India Pte.
  • Fincantieri Do Brasil.
  • ELNAV, negli armamenti e nel noleggio di navi.
  • CETENA, negli studi navali e nella ricerca e sviluppo.
  • SEAF, nel settore del finanziamento.
  • DELFI.
  • Manitowoc Marine Groupe, nella costruzione navale americana.
  • VARD, gruppo nel settore dei cantieri navali per grandi imbarcazioni, rompighiaccio, navi specializzate, transatlantici e piattaforme offshore.

 

Conoscere la concorrenza di Fincantieri

Ovviamente, il gruppo Fincantieri non è l’unico attore del settore di attività dell’industria navale e deve fronteggiare alcuni grandi concorrenti che proponiamo di scoprire qui più in dettaglio per semplificare lo studio di questi avversari nel quadro delle analisi del suo titolo.

  • Il gruppo sud-coreano Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering che fa parte dei leader mondiali della costruzione navale.
  • Il gruppo sud-coreano Hyundai Heavy Industries che è attualmente il leader di questo settore di attività e che è, come suggerito dal nome, una filiale del gruppo Hyundai conosciuto anche per i suoi veicoli.
  • Il gruppo sud-coreano Samsung Heavy Industries, di cui il gruppo Samsung detiene una partecipazione del 17,5%, specializzato, oltre che nella costruzione navale in senso proprio, nella fabbricazione di portici di manutenzione, turbine eoliche e sistemi di controllo. Questa azienda è la terza mondiale del settore.
  • Il gruppo giapponese Mitsubishi Heavy Industries è il quarto nella classifica mondiale di questo settore di attività. Dipende ovviamente da Mitsubishi.
  • Al quinto posto della classifica si trova un altro giapponese, Mitsui Engineering & Shipbuilding.
  • Viene poi il gruppo tedesco Meyer Werft, specializzato in navi da crociera di lusso ma che costruisce anche navi da trasporto, metaniere e taxi d’acqua.
  • Infine, l’ultimo concorrente di Fincantieri è l’olandese Damen-Group.

Quando si analizzano le azioni Fincantieri, è molto importante realizzare un’analisi completa di questo settore di attività e della concorrenza per capire meglio quali possano essere gli effetti potenziali sulla quotazione del titolo di ogni cambiamento di situazione. Andranno ovviamente seguiti i posizionamenti di ciascuno degli attori nonché le pubblicazioni importanti come i risultati, la firma di contratti, le operazioni di fusione/acquisizione e le partnership strategiche.

 

Le alleanze strategiche strette dal gruppo Fincantieri

Interessiamoci ora alla strategia di partnership e alleanze messa in opera da molti anni dal gruppo Fincantieri. L’impresa italiana ha infatti fatto spesso appello a delle aziende terze per potenziare la propria redditività o la propria espansione oppure per ottenere dei nuovi grossi contratti e tali partnership producono spesso degli effetti rapidi e forti sulla quotazione in Borsa del valore. È quindi interessante prenderli in considerazione quando si realizza un’analisi e per questo proponiamo qui un richiamo alle ultime alleanze strategiche del gruppo.

Per cominciare, nel 2017 il gruppo Fincantieri si è avvicinato alla società francese STX France con un accordo concluso in occasione del summit franco-italiano tenutosi a Lione. In seguito alla trattativa la società italiana ottiene una partecipazione del 51% in quella francese.

Più recentemente, a novembre 2018, Fincantieri ha stretto con l’impresa cinese China State Shipbuilding Corporation un’alleanza che permette di estendere la collaborazione già esistente tra i due fabbricanti. Nel quadro di questo accordo le due aziende metteranno a punto un gruppo di lavoro comune composto di sei membri che deciderà entro fine anno le opportunità di collaborazione sulla base di studi di mercato e di un’analisi delle partnership tra le filiali dei due gruppi e i loro principali fornitori.

Infine, sempre nel novembre 2018, il gruppo Fincantieri si è avvicinato alla società Naval Group nel quadro di un accordo che dovrebbe essere concluso non prima di fine anno. Si tratterebbe in questo caso di studiare la possibilità di una convergenza strategica di queste due entità al fine di creare un gigante europeo nel settore delle navi militari.

Da notare inoltre che questi due ultimi partenariati sono strettamente legati. Infatti, Naval Group detiene attualmente il 10% dei cantieri navali di STX France e l’accordo sulla partecipazione di Fincantieri in questa filiale ha quindi previsto un azionariato a parti uguali tra Italia e Francia.

Gli esempi di partnership che abbiamo citato possono dare un’idea della possibile portata di questi annunci sulla quotazione delle azioni Fincantieri ma bisogna ovviamente seguire con attenzione le notizie su questo gruppo per utilizzare i futuri annunci di questo tipo per prendere delle posizioni strategiche sul suo titolo. Per farlo, la cosa migliore è abbonarsi a un flusso di notizie personalizzato o seguire le comunicazioni ufficiali del gruppo sul suo sito web.

 

Vantaggi e punti di forza delle azioni Fincantieri come attivo di Borsa

Qualsiasi previsione sulle tendenze future della quotazione delle azioni Fincantieri deve basarsi in parte sulle sue capacità di sviluppo negli anni a venire. Qualsiasi buon trader deve quindi assolutamente conoscere il meglio possibile le forze e le debolezze del gruppo per sapere se le sue attività si svilupperanno o meno e, quindi, in che modo gli investitori potrebbero prendere posizione su questo valore a lungo termine. Per aiutare in questa operazione, ecco per cominciare i principali vantaggi di cui dispone Fincantieri.

Prima di tutto, si può annoverare tra le più grandi forze del gruppo Fincantieri il fatto che questa società dispone di grandissime capacità ingegneristiche. È quindi in grado di adattare la propria produzione ai cambiamenti della domanda e di rispondere efficacemente e rapidamente alle diverse esigenze dei suoi clienti acquisiti o potenziali.

Fincantieri è anche conosciuta per essere un’azienda fortemente innovativa con un profilo tecnico importante. Il gruppo investe infatti regolarmente in ricerca e sviluppo per conservare il proprio posizionamento tra i leader del settore in Europa e nel mondo e per proporre dei prodotti sempre più performanti e innovativi, tanto nel settore civile che in quello militare.

Sempre per quanto riguarda i vantaggi di questo valore e di questa azienda, è inoltre apprezzabile il fatto che Fincantieri intrattenga delle buone relazioni a lungo termine con i suoi più grandi clienti. La fidelizzazione gli permette infatti di garantirsi degli introiti futuri sia tramite dei contratti spesso ricondotti nel tempo che tramite i servizi post-vendita ad essi legati.

Gli investitori e gli azionisti che speculano sul titolo Fincantieri apprezzano poi il fatto che il gruppo detenga un’elevatissima quota di mercato su dei mercati considerati monopolistici. Ciò riguarda in particolare l’Italia ma anche gli Stati Uniti in cui Fincantieri genera una gran parte dei propri introiti ed è ben posizionata rispetto alla concorrenza.

Infine, come ultimo dato a favore del gruppo Fincantieri, citiamo la riconosciuta qualità della direzione del gruppo. I risultati finanziari dell’azienda sono la prova incontestata della buona gestione visto che il bilancio del gruppo è abbondantemente in positivo.

 

Svantaggi e punti deboli delle azioni Fincantieri come attivo di Borsa

Fincantieri, sebbene sembri godere di numerosi vantaggi e punti di forza suscettibili di sostenere le sue attività e quindi la quotazione del suo titolo in Borsa negli anni a venire, presenta anche alcune debolezze che bisogna ugualmente prendere in considerazione per capire in che modo possa comportarsi questo titolo a lungo termine. Passiamo quindi ora ai difetti di questo valore elencando le principali debolezze di Fincantieri.

Per prima cosa, uno dei più grandi limiti del gruppo Fincantieri riguarda il capitale circolante accumulato dal gruppo nei periodi di ritardo. Questo dato pesa ovviamente sulla tesoreria globale dell’azienda e può quindi frenare le posizioni all’acquisto sul suo titolo.

Da notare inoltre che il gruppo Fincantieri presenta un’intensità di capitale relativamente elevata e ciò può ovviamente suscitare dei dubbi negli investitori che quindi esitano a investire su questo valore a lungo termine.

Infine, ed è certamente uno dei più grandi difetti di questa azienda, Fincantieri utilizza molto poco le sue capacità di produzione. Come abbiamo visto in precedenza tra i vantaggi di questo valore, Fincantieri dispone delle capacità produttive e dell’ingegneria necessarie a rispondere ad un’eventuale crescita della domanda. Tuttavia, non si può non constatare che ad oggi solo il 70% di tale capacità viene realmente sfruttata dal gruppo. Ciò rappresenta quindi un 30% di capacità inutilizzata ovvero una perdita relativamente importante in relazione ai costi generati da tali installazioni e dalle risorse umane necessarie.

Si tratta di solamente tre argomenti negativi sul gruppo Fincantieri ma bisogna dargli una grande importanza perché questi elementi possono avere un peso relativamente elevato sulle decisioni che gli investitori prenderanno su questo valore.

Domande frequenti

Quali sono le filiali del gruppo Fincantieri?

Il gruppo Fincantieri possiede e gestisce diverse filiali che listiamo qui nel dettaglio: Isotta Fraschini Motori SpA, Fincantieri Marine Systems North America Inc, Fincantieri Holding BV, Fincantieri Marine Systems, Lloyd Werft, Fincantieri India Pte, Fincantieri Brasile, ELNAV SpA, CETENA SpA, SEAF SpA, DELFI srl, Manitowoc Marine Group e Vard Group AS. Queste filiali sono distribuite un po’ in tutto il mondo.

Quali sono stati gli ultimi risultati finanziari di Fincantieri?

Nel quadro delle analisi della quotazione delle azioni Fincantieri, per mettere a punto delle strategie di investimento su questo valore bisogna essere in grado di analizzare i risultati finanziari dell’impresa e la loro evoluzione nel tempo. Gli ultimi risultati pubblicati sono quelli relativi all’esercizio 2019 in cui il gruppo comunica un fatturato di 5,85 miliardi di euro e un utile netto di 153 milioni di euro. Questi dati sono in crescita rispetto al 2018.

Come sapere quali saranno le future tendenze delle azioni Fincantieri?

Per prevedere i prossimi movimenti della quotazione delle azioni Fincantieri e prendere delle posizioni strategiche su questo valore, l’ideale è basarsi su diversi tipi di analisi. In questo caso vanno privilegiate l’analisi fondamentale, che utilizza le notizie di attualità e le pubblicazioni più importanti, e l’analisi tecnica, che utilizza i grafici borsistici e gli indici di tendenza e di volatilità.

eToro è una piattaforma multi-asset che offre sia investimenti azionari e cripto-asset, sia il trading di attività sotto forma di CFD.

Si prega di notare che i CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di rapida perdita di fondi a causa del loro effetto leva. Il 71% dei conti dei trader al dettaglio perde fondi quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti chiederti se capisci come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio significativo di perdere i tuoi soldi.

Il contenuto in questione è fornito solo a scopo informativo e non deve essere considerato come consulenza in materia di investimenti. I risultati passati non sono garanzia di risultati futuri. La storia commerciale ha meno di 5 anni e potrebbe non essere sufficiente a servire da base per una decisione di investimento.

I criptoattivi sono strumenti volatili che possono fluttuare notevolmente in un periodo di tempo molto breve e non sono quindi adatti a tutti gli investitori. Al di fuori dei CFD, la negoziazione criptata non è regolamentata da alcun quadro normativo comunitario e non è pertanto soggetta a vigilanza.