Comprare azioni STMicroelectronics e quotazione

Valutazione: 4.24 17 voti
 

Il settore informatico non sembra subire la crisi economica come gli altri settori. Per conseguenza le società quotate in Borsa in questo settore attirano sempre più investitori per via della redditività delle loro azioni. Scoprirete qui delle informazioni interessanti e pratiche a proposito di una di queste società, la STMicroelectronics, con delle spiegazioni sulle sue azioni.  

 

A proposito del gruppo STMicroelectronics

Il gruppo STMicroelectronics è attualmente uno dei più grandi progettisti e produttori di circuiti e di semiconduttori al mondo. La sua attività può essere suddivisa in diversi settori distinti tra cui principalmente i circuiti analogici e integrati per applicazioni specifiche nonché i microcontrollori e i circuiti lineari e discreti.

Da un punto di vista geografico STMicroelectronics realizza la maggior parte del suo volume d’affari a Singapore ma è anche ben presente nei Paesi Bassi, negli Stati Uniti, in Giappone, in Francia e in Italia.

 

Storia del gruppo STMicroelectronics

La storia del gruppo STMicroelectronics ha origine nel 1987 dalla fusione tra la Società Generale Semiconduttori (SGS) di Roberto Olivetti e Virgilio Floriani e l’azienda francese Thomson. Ai suoi esordi il nome della società era SGS-Thomson Microelectronics, nel 1998 divenne STMicroelectronics.

Da allora la società italo – francese è leader mondiale per la produzione di semiconduttori finalizzati alla realizzazione di applicazioni elettroniche per le auto, i computer, telefoni cellulari e l’intero comparto industriale. Di STMicroelectronics è per esempio la componente elettronica del Telepass, così come da loro sono prodotti i sistemi di rilevazione di movimento o foto e video al top di gamma.

STMicroelectronics ha le sue sedi operative in Italia, dislocate in diverse città da Nord a Sud: Agrate Brianza, Arzano, Aosta, Cornaredo (Castelletto), Marcianise (Caserta), Catania, Napoli, Lecce.

La strategia di STMicroelectronics per i prossimi anni è interamente dedicata allo sviluppo di soluzioni per lo smart driving e l’internet of things.

 

I principali concorrenti di STMicroelectronics

STMicroelectronics è il primo fabbricante europeo di semiconduttori, settimo a livello mondiale. Ma non è il solo ad innovare in questo settore estremamente tecnico ed a produrre dei componenti informatici destinati a numerose industrie e deve perciò far fronte alla dura concorrenza di alcuni grandi gruppi europei ed internazionali che vi proponiamo di scoprire qui. Ecco dunque la lista dei grandi gruppi produttori di semiconduttori ed altri componenti elettronici che dovete tenere d’occhio prima di effettuare la vostra analisi delle azioni STMicroelectronics. Dovete infatti tener conto delle quote di mercato e del posizionamento di ognuno di questi concorrenti per valutare meglio forze e debolezze di questa società.

  • Analog Devices
  • Linear Technology
  • National Semiconductor
  • ASML Holding

 

I principali partner di STMicroelectronics

Nel 2010 il gruppo giapponese di elettronica Sharp ha creato la joint-venture 3Sun nell’ambito della fabbricazione di pannelli solari associandosi con il produttore italiano di elettricità Enel e con il fabbricante di semiconduttori italo-francese STMicroelectronics.

Nel 2012 STMicroelectronics ed Ericsson hanno firmato un partenariato per lo sviluppo di futuri processori per applicazioni. Secondo il contratto steso, STMicroelectronics assorbe le attività di ricerca e sviluppo di Ericsson per quanto riguarda lo sviluppo dei processori per applicazioni e rivende poi la sua tecnologia sotto licenza ad Ericsson.

Dopo l’accordo di collaborazione concluso con Audi del gruppo Volkswagen nel 2012, la società italo-francese STMicroelectronics è divenuta anche partner di Hyundai nel 2013, rinforzando così il proprio posizionamento nel mercato dell’automobile che costituisce uno dei suoi principali assi di sviluppo nel mondo.

STMicroelectronics potrebbe anche collaborare con Apple per i sensori per la cattura di immagini nei futuri apparecchi dell’azienda di Cupertino da qui alla fine del 2017. Una camera bianca è stata realizzata nei nuovi locali della società situati a Grenoble, in Francia, allo scopo di crearvi un sistema di imaging per telefoni mobili sulla base di una tecnologia ideata da STMicroelectronics.

 

Analisi della quotazione delle azioni STMicroelectronics

Le azioni STMicroelectronics sono attualmente quotate sul mercato francese di Euronext Paris. La loro quotazione integra anche il calcolo dell’indice europeo Euronext 100.

Dal punto di vista dei grafici di Borsa, la quotazione di queste azioni sembra stabile dal 2009 dopo una caduta significativa e mostra inoltre dei micromovimenti molto interessanti per il trading a breve termine.

 

Dati borsistici importanti a proposito delle azioni STMicroElectronics

Siete appena venuti a conoscenza di alcune informazioni che vi aiuteranno a trattare le azioni STMicroElectronics in maniera oculata e semplice quali un’analisi tecnica storica della loro quotazione ed alcune informazioni utili a proposito delle attività reali di questa azienda. Ma, per perfezionare le vostre conoscenze in materia, è anche indispensabile conoscere alcuni dati più generali a proposito di questo titolo. È quanto vi proponiamo di scoprire ora con un richiamo alle cifre chiave relative a queste azioni ed al posizionamento globale della società STMicroElectronics sul mercato borsistico internazionale.

  • Nel 2017 la società STMicroElectronics ha una capitalizzazione borsistica totale di 13.333,88 milioni di euro.
  • Il numero di titoli elessi dalla società STMicroElectronics attualmente in circolazione sul mercato è di 911.095.420.
  • Il corso delle azioni STMicroElectronics viene attualmente quotato in Francia sul compartimento A del mercato Euronext Paris.
  • La società STMicroElectronics fa anche parte della composizione dell’indice borsistico nazionale francese CAC All Shares e figura quindi tra le società francesi dalla più elevata capitalizzazione borsistica.
  • L’azionariato della società STMicroElectronics è composto per il 28.38% da quote detenute in autocontrollo dal gruppo stesso, per il 4.46% da quote detenute dal fondo d’investimento BlackRock, per l’1.68% da quote detenute dal fondo d’investimento Government Pension Fund of Norway Global, per lo 0.43% da quote detenute dalla società Acadian Asset Management e per lo 0.43% da quote detenute dalla società di investimento Arrowstreet Capital Limited Partnership. Il restante delle azioni della società è detenuto da investitori azionari privati o istituzionali e sono quindi in libera circolazione sul mercato borsistico.

Queste informazioni sono ovviamente suscettibili di evolvere nel tempo e devono quindi essere verificate.

 

Andamento del titolo STMicroelectronics

Nella chiusura d’esercizio di bilancio per il 2016 STMicroelectronics ha presentato dei conti finanziari che vedono ricavi netti pari a 6,97 miliardi di dollari, registrando una crescita dell’1,1% rispetto alla chiusura d’esercizio dell’anno precedente (in cui i ricavi netti erano pari a 6,9 miliardi di dollari).

Grazie a questi risultati la marginalità è salita dal 35,2% dal 33,8% dell’anno precedente, grazie a un cambio favorevole e soprattutto a un efficientamento interno dei processi, basato anche su una riduzione dei costi.

L’utile netto è in crescita del 58% attestandosi a 165 milioni di dollari, un dato decisamente positivo a confronto con i 104 milioni di dollari registrati a chiusura del 2015.

Agli azionisti sarà staccata una cedola per il dividendo 2017 pari a 0,24 dollari per azione, suddivisa in 4 rate trimestrali da 0,06 dollari ciascuna.

Il management del gruppo STMicroelectronics ha delineato la strategia industriale dei prossimi anni focalizzandosi su due principali direttive: l’incremento di sistemi operativi per le auto intelligenti, sia per la parte che concerne la digitalizzazione che per quella dedicata al passaggio all’elettrico; l’incremento dei sistemi intelligenti legati alla domotica, alle smart cities e ai dispositivi indossabili. I microcontrollori multiuso e le applicazioni per la sicurezza rappresentano per STMicroelectronics un’importante fonte di guadagno.

 

Previsioni sull’evoluzione delle azioni STMicroelectronics

Gli sviluppi futuri delle applicazioni tecnologiche portano il titolo STMicroelectronics a buone prospettive di crescita nel medio e nel lungo periodo. Anche gli analisti confermano il trend rialzista per le azioni STMicroelectronics.

Gli esperti dell’agenzia di rating Kepler Cheuvreux hanno alzato il prezzo obiettivo sulle azioni STMicroelectronics portando il prezzo obiettivo da 14 a 15 dollari, considerando anche la previsione di un aumento del dividendo per gli azionisti nel periodo 2017/2020. L’indicazione degli analisti è dunque quella di tenere il titolo nel proprio portafoglio azionario.

Dello stesso parere anche gli esperti di Banca Akros che hanno aumentato il target price sulle azioni di STMicroelectronics portandolo da 12,7 euro a 14,8 euro, stessa indicazione da parte di UBS che ha confermato il giudizio neutrale sul titolo STMicroelectronics e ha portato il prezzo obiettivo delle azioni da 14,6 a 14,8 euro.

 

Vantaggi e punti forti delle azioni STMicroelectronics come attivi di Borsa

I CFD dei broker online vi permettono di prendere posizione a lungo termine sulla quotazione delle azioni STMicroelectronics sia al rialzo che al ribasso. Prima di determinare quale sarà la vostra strategia di investimento su questo titolo è necessario essere convinti delle capacità di crescita dell’azienda e, quindi, dell’interesse futuro degli investitori per questo titolo. Per farlo, bisogna conoscere i punti forti e deboli di questa azienda e cominciamo qui dal riepilogo degli elementi a suo vantaggio.

Va sottolineato per prima cosa che il gruppo STMicroelectronics dispone di un vantaggio reale per quanto concerne il suo posizionamento sul mercato. Questa società fa infatti attualmente parte delle dieci più grandi aziende in Europa nel settore di attività della produzione di semiconduttori per telecomunicazioni, prodotti elettronici di consumo e robotizzazione. STMicroelectronics è in particolare il numero uno mondiale nello specifico settore dei microsistemi elettromagnetici, comunemente chiamati MEMS, nonché nel settore dei sensori di movimento, principalmente utilizzati per la fabbricazione di telefoni mobili e tablet. STMicroelectronics detiene infatti ben il 48% delle quote di mercato di questo settore e si posiziona molto avanti ai suoi principali concorrenti.

Gli azionisti e gli investitori che si interessano a questo valore apprezzano inoltre l’organizzazione industriale del gruppo, principalmente orientata verso le offerte relative all’Internet degli oggetti e la guida connessa, due settori attualmente in pieno sviluppo. Più precisamente, il gruppo ha saputo suddividere le proprie attività e i propri introiti in tre grandi poli: i sistemi analogici e digitali, i circuiti digitali integrati (MDG) e i MEMS. Funzionando in questo modo e grazie a tale ripartizione, il gruppo beneficia di una miglior protezione contro i rischi legati all’esposizione ad un unico settore di attività.

È inoltre apprezzabile l’elevatissima capacità di innovazione della società STMicroelectronics che rimane una delle aziende pionieristiche del settore. Il gruppo investe infatti molto in ricerca e sviluppo per sviluppare dei prodotti ad alta tecnologia in particolare nell’ambito dei microcontrollori e dell’elettronica di potenza. È anche l’azienda che dispone del più fornito portafoglio di brevetti del settore.

Per garantirsi il proprio sviluppo futuro STMicroelectronics ha anche messo in opera una strategia di acquisizioni frequenti che gli permette di rafforzare il proprio posizionamento in alcuni settori privilegiati come l’Intenet degli oggetti o i telefoni portatili di nuova generazione. Grazie a questi acquisti strategici il gruppo ha ottenuto dei contratti molto interessanti con dei grandi gruppi come Apple, per la cattura di immagine, e SpaceX, per i componenti spaziali.

Gli analisti che studiano questo valore ricordano inoltre che l’azienda è stata capace di mettere un termine al calo del volume d’affari che è stato registrato per alcuni anni e dovuto in particolare alla saturazione del mercato di smartphone e computer. Dal 2016 i profitti e gli introiti del gruppo conoscono infatti un’interessante ripresa con una previsione di crescita almeno fino al 2019.

Per concludere con i vantaggi di questa azienda notiamo inoltre che la situazione globale del gruppo STMicroelectronics è particolarmente sana e stabile e si prevede di conseguenza anche un rapido miglioramento della notazione del suo debito.

 

Inconvenienti e punti deboli delle azioni STMicroelectronics come attivi di Borsa

Come abbiamo appena visto in dettaglio, gli analisti e gli specialisti del mercato rilevano nel gruppo STMicroelectronics numerosi atout che costituiscono altrettanti punti a favore di un probabile rialzo delle sue azioni in Borsa nel corso dei prossimi anni. Tuttavia, prima di lanciarvi in una presa di posizione all’acquisto a lungo termine, è evidente che dobbiate anche avere coscienza degli eventuali difetti di questo valore. Prendetevi quindi qualche momento per scoprire le debolezze di questa società.

Per prima cosa, si sa che da alcuni anni nel settore di attività dei circuiti integrati destinati al mercato dei telefoni mobili la concorrenza è sempre più forte e per questo motivo il gruppo STMicroelectronics subisce una forte pressione sui prezzi da essa praticati e deve quindi adattarsi ad un mercato sempre più aggressivo.

Tra i concorrenti più rischiosi per l’avvenire del gruppo vanno ovviamente rilevati quelli provenienti dalla Cina, paese che infatti intende moltiplicare per 5 il volume di vendite di semiconduttori entro il 2020. Va da sé che questa concorrenza a basso prezzo rappresenta una vera e propria minaccia per le attività dell’azienda francese.

Si può anche mettere in conto come una delle più grandi debolezze del gruppo il fatto che la sua redditività sia ancora oggi inferiore a quella di altre grandi società dello stesso settore di attività. Questa mancanza di redditività è in gran parte il risultato di costi di produzione più elevati rispetto ai suoi principali concorrenti, visto che la maggior parte della produzione del gruppo viene realizzata in Europa dove i costi di produzione e il costo del lavoro restano relativamente elevati.

Per concludere, va notato che le azioni STMicroelectronics sono un valore considerato come relativamente costoso dagli analisti e ciò può condurre più o meno rapidamente verso una conseguente correzione al ribasso e, al minimo dubbio, espone il titolo al rischio di importanti sanzioni sui grafici.

Come potete constatare, sebbene siano poco numerosi, i difetti di questa azienda vanno seguiti con attenzione prima di qualsiasi presa di posizione.

 

Come realizzare una buona analisi fondamentale della quotazione delle azioni STMicroelectronics

Adesso che siete in grado di prevedere con maggior cognizione di causa l’avvenire della società francese STMicroelectronics, dovete essere in grado di analizzarla correttamente prima di mettere a punto la vostra strategia di trading a medio o lungo termine. Per farlo avrete ovviamente bisogno di realizzare un’analisi fondamentale completa di questo titolo ed è per questo motivo che vi indichiamo qui gli elementi da seguire prioritariamente.

Prima di tutto, ricordiamo che il gruppo STMicroelectronics svolge la propria attività in un settore particolarmente ciclico. Le attività di questa azienda dipendono quindi fortemente dalla salute dei settori automobilistico, informatico, industriale nonché dei prodotti destinati al grande pubblico che rappresentano i target privilegiati del gruppo e le cui esigenze variano in maniera più o meno forte a seconda del periodo.

Si sa inoltre che il livello di volatilità in Borsa di queste azioni è direttamente legato ai dati relativi agli stock mondiali di semiconduttori. Si rileva anche una forte reattività di questo titolo agli annunci ed alle pubblicazioni dei suoi principali concorrenti, in particolare Intel e AMD, ma anche, in maniera generale, a tutte le notizie relative alle fusioni in questo settore di attività.

Il titolo STMicroelectronics ha anche una dipendenza dalla parità euro/dollaro per via del carattere mondiale delle sue vendite e della sua produzione in Europa.

Va ovviamente anche seguita con la più grande attenzione la pubblicazione annuale dei risultati del gruppo verificando che siano in linea con gli obiettivi prefissati, in particolare per quanto riguarda investimenti, fatturazione e margine lordo.

Infine, va ovviamente tenuta d’occhio la concorrenza, e in particolare le aziende cinesi, verificando le quote di mercato di ciascuno degli attori del settore.

Anche se l’analisi fondamentale della quotazione delle azioni STMicroelectronics dovesse fornirvi degli interessanti segnali di acquisto o di vendita, non dimenticate per questo di realizzare una buona analisi tecnica del valore. Questo titolo è infatti considerato un reversal value il che significa che il raggiungimento di un punto pivot, di una resistenza o di un supporto tecnico può annunciare un’inversione strategica della tendenza. Confrontando i segnali ottenuti con questi due metodi anticiperete meglio i futuri movimenti del titolo.

Imparare a trattare su STMicroelectronics

La maggior parte delle piattaforme di trading online permettono di speculare sulla quotazione delle azioni STMicroelectronics al rialzo o al ribasso.

Trattate l’azione STMicroelectronics!*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.