TERNA

Analisi della quotazione delle azioni Terna

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

Le azioni Terna – Rete Elettrica Nazionale possono essere trattate molto facilmente tramite la maggioranza delle attuali grandi piattaforme di CFD ma speculare sulla quotazione di questo titolo richiede una buona conoscenza del valore e quindi dell’impresa. Per venire in aiuto, attraverso questo articolo spiegheremo quali sono le forze e le debolezze di questo gruppo, i settori in cui svolge la sua attività, quali sono i suoi principali partner e quali i suoi concorrenti europei.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

Ovviamente, l’espansione internazionale del gruppo Terna – Rete Elettrica Nazionale è una delle principali sfide di questo gruppo. Bisogna quindi seguire con attenzione le operazioni condotte per svilupparsi soprattutto al di fuori dell’Europa come in certi paesi dell’Asia, dell’Africa o in altre regioni del mondo.

Analisi n. 2

È molto importante prendere in considerazione tutti gli investimenti destinati alla creazione o all’acquisto di unità di produzione dell’energia che renderebbero Terna un’impresa più forte nel settore e, soprattutto, un’impresa con una migliore integrazione verticale.

Analisi n. 3

Ovviamente, il livello di domanda di elettricità proveniente soprattutto dall’Italia, ma anche dall’Europa, sarà un indicatore molto interessante per trattare sulla quotazione di queste azioni in quanto determinerà il livello di prestazioni fornite da Terna in futuro.

Analisi n. 4

Bisognerà seguire l’evoluzione del prezzo dell’elettricità perché un eventuale calo può avere un impatto negativo sui margini di profitto di Terna – Rete Elettrica Nazionale e pesare quindi sui risultati globali.

Analisi n. 5

In termini più generali, la salute economica europea e la situazione economica italiana agiscono sul livello dei consumi di elettricità e quindi sulla domanda di trasporto della stessa nonché sul budget dello stato dedicato alla costruzione della rete di trasporto e alla sua espansione.

Analisi n. 6

Ultimo punto da analizzare per prevedere le future variazioni di questo attivo sono le politiche governative praticate in Italia e negli altri paesi d’Europa che potrebbe in certi casi rappresentare un freno per Terna e per il suo sviluppo.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione della società Terna

Per cominciare, prendiamoci qualche momento per capire meglio quali siano le attività del gruppo italiano Terna – Rete Elettrica Nazionale. È infatti importante analizzare bene il settore di attività principale e i settori connessi in cui Terna opera.

Prima di tutto, va ricordato che il gruppo Terna – Rete Elettrica Nazionale è un’azienda specializzata nella gestione e manutenzione della maggior parte della rete elettrica italiana ad alta e altissima tensione. Si può tuttavia andare oltre in questa analisi suddividendo le attività di Terna in diverse categorie a seconda del volume d’affari generato:

  • Le attività di gestione della rete elettrica italiana rappresentano l’82,6% del volume d’affari globale dell’azienda. Attualmente, il gruppo Terna – Rete Elettrica Nazionale è alla testa di una rete di 72.881 km di linee elettriche, di 6.253 cabine elettriche e di 871 trasformatori.
  • Il resto del volume d’affari di Terna, ovvero il 17,4%, proviene da prestazioni di manutenzione delle linee ad alta tensione, di proprietà del gruppo Enel e della sua filiale Enel Distribuzione, e della rete di fibra ottica di Enel.net, altra filiale di Enel. Terna – Rete Elettrica Nazionale propone inoltre delle prestazioni di ingegneria per delle centrali e degli operatori di telecomunicazione.
Analisi della quotazione delle azioni Terna
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Concorrenza

Per poter effettuare delle buone analisi della quotazione delle azioni Terna, è necessario conoscere perfettamente il settore di attività in cui opera l’azienda ma anche, e soprattutto, i suoi principali concorrenti. Proponiamo quindi una rapida presentazione dei principali operatori del settore:

Red Eléctrica de España (REE)

 Questa società spagnola è specializzata nel settore dell’energia ed è il gestore della rete di trasmissione dell’elettricità ad alta tensione in Spagna. La società è quotata in Borsa e fa parte dell’indice azionario IBEX 35. È responsabile di una rete di trasmissione elettrica in Spagna e dei sistemi elettrici autonomi delle isole spagnole ovvero di oltre 44.000 km di linee ad alta tensione con una capacità di trasformazione di 92.000 MVA.

Elia

 Questo gestore della rete di trasmissione di energia elettrica ad alta tensione da 30.000 a 380.000 volt in Belgio gestisce il trasporto di energia elettrica dai produttori ai gestori della rete di distribuzione che alimentano successivamente le PMI e i privati. Elia ha inoltre contratti con diversi grandi utenti industriali direttamente collegati alla rete ad alta tensione.

State Grid Corporation of China

 Infine, questa società cinese è il più grande gestore di rete, vettore e distributore di elettricità nel mondo in termini di numero di dipendenti, più di 1.564.000. È responsabile del trasporto dell’elettricità tramite filiali situate in tutte le province del nord, dell’est e del centro della Cina, ossia 26 province che rappresentano l’88% del territorio cinese. Attualmente si tratta inoltre della terza impresa mondiale, in termini di numero di dipendenti, dopo Walmart e China National Petroleum Corporation.


Alleanze strategiche

Passiamo ora ad un altro aspetto interessante della situazione del gruppo Terna – Rete Elettrica Nazionale che riguarda i partenariati e le alleanze strategiche che il gruppo ha stretto in passato e che hanno avuto un’influenza sulla sua quotazione in Borsa. Gli esempi che forniamo dovrebbero aiutare a prevedere i movimenti futuri in occasione di avvenimenti simili.

GDF SUEZ

Nel 2008 Terna ha concluso un partenariato strategico con il gruppo francese GDF SUEZ, successivamente divenuto Engie. Questo partenariato prevedeva una partecipazione a parti uguali dei due gruppi nelle due prime centrali elettriche del gruppo GEK Terna, ovvero le centrali Heron I e Heron II. Si tratta di due centrali elettriche a gas naturale costruite a Viotia in Grecia che utilizzano una tecnologia rispettosa dell’ambiente e ad alto rendimento grazie ad una componentistica moderna. Sono le prime centrali elettriche private del paese.

Alstom

Nel 2011 Terna – Rete Elettrica Nazionale conclude un partenariato strategico con un’altra azienda francese, Alstom e la sua filiale Alstom Grid, nel quadro della fornitura da parte di Alstom a Terna della soluzione Smart Dispatch Market Management. Questa applicazione, messa online a gennaio 2011, è stata configurata secondo le nuove regole del mercato dell’elettricità in Italia. Si tratta di una soluzione basata su un sistema molto flessibile che permette a Terna di adattarsi rapidamente e mettersi in conformità con i cambiamenti di regolamentazione locale sull’elettricità. Include una tecnologia di punta e delle applicazioni destinate alle reti intelligenti Smart Grids per ottimizzare la gestione delle grandi reti elettriche apportando al tempo stesso i benefici di un mercato energetico efficiente ai clienti finali.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Per avere il massimo di probabilità di capire bene in che modo la quotazione delle azioni Terna – Rete Elettrica Nazionale possano comportarsi negli anni a venire, è necessario interessarsi da vicino alle forze ed alle debolezze del gruppo, ovvero alla sua capacità di mantenersi sul mercato o di sviluppare le proprie attività. Offriamo il nostro supporto in questa operazione complessa rivelando le principali forze di questo gruppo e, quindi, i vantaggi delle sue azioni.

Prima di tutto, la dimensione stessa dell’impresa è senza alcun dubbio uno dei suoi principali vantaggi sul mercato. Terna – Rete Elettrica Nazionale impiega infatti oltre 3.500 dipendenti, principalmente in Italia, e ciò costituisce una prova della sua grandezza nel settore. Va inoltre sottolineato come punto di forza del gruppo anche il suo posizionamento sul mercato europeo del trasporto di elettricità. È infatti uno dei primi operatori di rete di trasporto in Europa nonché una delle aziende più potenti al mondo nel settore. Il gruppo possiede infatti ad oggi 22 linee di connessione con altri paesi e gestisce oltre 63.500 km di linee di trasmissione. Ovviamente, Terna ha anche la gestione esclusiva della rete elettrica italiana.

Il fatto che il gruppo Terna – Rete Elettrica Nazionale faccia parte dell’indice borsistico italiano FTSE MIB rende ovviamente interessanti le sue azioni per i trader.

Un altro vantaggio del gruppo Terna – Rete Elettrica Nazionale riguarda la sua grande reputazione e la sua immagine di marca molto positiva. Infatti, la società Terna è stata, in particolare, eletta miglior fornitore d’energia europeo. Ciò permette ovviamente di rassicurare gli investitori in Borsa e gli azionisti dell’azienda.

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Abbiamo appena visto che il gruppo Terna – Rete Elettrica Nazionale dispone di numerosi punti di forza che dovrebbero permettere un’evoluzione al rialzo delle sue azioni in Borsa negli anni a venire. Tuttavia, sebbene questi vantaggi siano effettivamente interessanti, non bisogna comunque trascurare gli elementi che possono influenzare negativamente questo titolo. Quindi, nel quadro dell’analisi di questo attivo, è necessario anche tener conto dei punti deboli di queste azioni prendendo in considerazione i principali argomenti che potrebbero avere un’incidenza sul valore di questo titolo innescando una tendenza ribassista o un rallentamento della tendenza rialzista. Ecco gli elementi più sfavorevoli che si possono osservare attualmente su Terna.

Prima di tutto, sebbene il gruppo sia riuscito a posizionarsi come unico attore del suo settore di attività in Italia e come leader in Europa, va notato che le sue capacità di sviluppo e di espansione internazionali rimangono relativamente limitate. Infatti, le attività di Terna si mantengono ad oggi molto concentrate sul settore europeo e le sue quote di mercato a livello internazionale sono poco interessanti. Ciò è ovviamente un rischio per il gruppo che si trova così fortemente esposto ai rischi geo economici e ad un’eventuale crisi settoriale europea. Inoltre, la maggior parte delle attività svolte da Terna si sviluppa sul territorio italiano e non nel resto dell’Europa, il che aumenta ulteriormente i rischi.

Un altro inconveniente di rilievo per il gruppo Terna – Rete Elettrica Nazionale riguarda il fatto che il gruppo non dispone di unità di produzione di energia di sua proprietà esclusiva e non è quindi veramente presente in tutta la catena di valore. Ciò costituisce un reale svantaggio per Terna rispetto alla concorrenza che è spesso alla testa di tali unità e comporta inoltre una forte dipendenza dalle imprese produttrici di elettricità, in quanto Terna, in definitiva, agisce unicamente come fornitore di servizi e intermediario per la consegna dell’elettricità salvo contare su delle joint-venture per possedere delle quote di alcune unità di produzione.

Come si può constatare, il gruppo Terna presenta attualmente solo due difetti importanti. Tuttavia, questi inconvenienti devono essere presi seriamente in considerazione perché possono avere un’influenza non irrilevante sulla quotazione delle sue azioni in Borsa motivo per cui bisogna tenere più in conto il loro peso che non il loro numero.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.

Domande frequenti

Quando e come è stata creata la società Terna?

Il gruppo Terna è nato nel 1999 a seguito della scissione delle attività di trasporto dell’elettricità del gruppo Enel. A seguito della sua introduzione in Borsa nel 2004, Enel conservava ancora il 50% del capitale di Terna fino ad aprile 2015 quando ne ha rivenduto il 13,65%. Enel ha poi venduto il rimanente della sua partecipazione, il 30%, alla Cassa Depositi e Prestiti che è ancora oggi azionista della società.

Qual è stato l’ultimo bilancio finanziario della società Terna?

Per quanto riguarda l’analisi finanziaria della società Terna, che come si sa è indispensabile prima di qualunque presa di posizione sul valore, ecco gli ultimi risultati pubblicati dal gruppo. Per l’esercizio contabile 2019, il gruppo ha realizzato un fatturato di 2.448 milioni di euro con un utile netto di 765 milioni di euro. Il gruppo prevede per il 2020 un volume d’affari di 2.508 milioni e un risultato netto di 774 milioni di euro.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com