Comprare azioni BPER Banca e quotazione

Valutazione: 4.80 5 voti
 

A partire da una piattaforma di trading online è ormai possibile trattare con molta semplicità sulla quotazione delle azioni del gruppo BPER ma, prima di lanciarvi in una tale impresa, vi consigliamo di leggere le numerose informazioni fornite in questo articolo che vi aiuteranno a mettere in opera una strategia efficace. Troverete in particolare i dati borsistici globali a proposito di questo titolo nonché delle informazioni sulla società emettitrice, le sue attività, i suoi concorrenti e i suoi partner. Vi segnaleremo infine come fare per realizzare un’analisi fondamentale coerente di questo titolo per individuare al meglio le future tendenze grafiche.  

 

Le azioni BPER in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 1.890 milioni di euro
  • Numero di titoli: 490.830
  • Piazza di quotazione: Borsa Italiana
  • Mercato: Mercato Telematico Azionario
  • Indice: FTSE MIB
  • Settore di attività: Bancario

 

L’attività della società BPER

Il gruppo BPER è un gruppo bancario italiano che fa parte delle principali banche del paese. Conosciuto anche sotto il suo vecchio nome di Banco Popolare, questo gruppo bancario svolge diverse attività che possono essere raggruppate in 5 poli principali di cui eccone la lista ordinata in base al volume d’affari generato.

  • Per cominciare, il più importante polo di attività del gruppo BPER è quello della banca d’affari. Questo polo genera infatti da solo il 39,6% del prodotto netto bancario della società.
  • Molto prossime sono le attività di retail bank che generano da parte loro il 38,3% del prodotto bancario netto.
  • Vengono poi le attività di banca di finanziamento e d’investimento con il 18,8% del prodotto bancario netto.
  • In quarta posizione si ritrovano le attività di banca privata con appena lo 0,5% del prodotto bancario netto.
  • Per concludere, il rimanente del prodotto bancario netto, ovvero il 2,8%, viene generato dalle altre attività del gruppo.

Da un punto di vista finanziario, il gruppo BPER detiene attualmente circa 38,9 miliardi di euro di effetti di deposito e 45,5 miliardi di euro di effetti di credito.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni BPER

Il gruppo BPER fa attualmente parte delle più grandi banche italiane ma non è ovviamente il solo gruppo bancario del paese e deve quindi fronteggiare una forte concorrenza da parte degli altri attori del settore. Di conseguenza, se si vuole realizzare un’analisi fondamentale completa di questo titolo è ovviamente necessario conoscere perfettamente i principali concorrenti di questa società rappresentati dalla classifica dei più grandi gruppi bancari italiani che vi presentiamo a seguire.

  • Unicredit è attualmente il leader del settore bancario italiano in termini di attivi.
  • Il secondo posto della classifica è occupato dal gruppo bancario Intesa Sanpaolo.
  • Viene poi in terza posizione il gruppo bancario BPER, frutto della fusione tra Banco Popolare e gruppo BPM.
  • Il quarto posto è occupato dal gruppo bancario Cassa Depositi e Prestiti.
  • Il gruppo bancario Monte dei Paschi di Siena è attualmente quinto in classifica.
  • In sesta posizione si trova il gruppo UBI Banca.
  • Il settimo posto è occupato dal gruppo bancario Banca Nazionale del Lavoro.
  • All’ottavo posto si trova Mediobanca.
  • Al nono posto si classifica il gruppo Crédit Agricole Cariparma.
  • Al decimo posto ritroviamo infine il Gruppo Bancario Iccrea.

Guardando questa classifica potete notare facilmente che i concorrenti in Italia della banca BPER sono numerosi. Non prendiamo qui in considerazione le banche europee e internazionali dato che la loro influenza sulla quotazione delle azioni BPER resta limitata, visto che questo gruppo è prima di tutto una banca nazionale ed è poco rappresentato nel resto del mondo.

 

Le alleanze strategiche strette dal gruppo BPER

Per via della sua recente creazione, il gruppo BPER non ha ancora stretto dei partenariati strategici che di certo non tarderanno a venire. In questa sezione trattiamo comunque un’alleanza di grande rilievo che ha cambiato l’aspetto di questa banca e il suo posizionamento nel settore bancario italiano. Si tratta ovviamente della fusione tra il gruppo Banco Popolare e il gruppo BPM che ha per l’appunto permesso di dare origine al nuovo gruppo BPER che si piazza come terzo più grande gruppo in Italia.

Tale fusione è avvenuta nel 2017 quando le due entità sono finalmente state in grado di rispondere alle esigenze della Banca Centrale Europea necessarie per la messa in opera di questa importante operazione che ha comportato al tempo stesso un forte aumento di capitale. La fusione è quindi il risultato di diversi mesi di negoziazioni tra i consigli di amministrazione delle due banche cooperative.

Il nuovo gruppo bancario ha dovuto prendere delle decisioni per rafforzare il proprio capitale e i propri attivi e per rispondere positivamente alle condizioni poste dalla BCE.

Di certo il nuovo gruppo BPER continuerà a far parlare di sé nei mesi e anni a venire stringendo nuovi partenariati e alleanze strategiche. Va da sé che questa entità diventata di grande importanza in Italia saprà sedurre moltissime aziende che la contatteranno per delle alleanze. Vi consigliamo quindi di seguire da vicino le notizie relative a questo gruppo, in particolare per quanto riguarda i partenariati e le alleanze strategiche in considerazione dell’influenza che tali eventi potrebbero avere sulla quotazione di queste azioni.

 

Storico economico e finanziario del gruppo BPER

Passiamo ora in rivista i grandi avvenimenti che hanno contraddistinto la storia del gruppo BPR e che hanno avuto un grande impatto sul comportamento del suo titolo sul mercato borsistico.

  • 1867: è la data di costituzione del gruppo BPER, Banca Popolare dell’Emilia-Romagna, operata dalla Società di Mutuo Soccorso.
  • 1973: il gruppo BPER avvia una strategia di sviluppo delle proprie attività in Italia procedendo a numerosi acquisti regionali.
  • 1992: il gruppo BPER diventa una banca di dimensione regionale e prende il nome di BPER Banca. È nel 1994 che BPER Banca diventa BPER con la finalità di diventare ancora più grande e sviluppata che una semplice banca regionale.
  • Tra il 1994 e il 2000: BPER continua la propria espansione con l’acquisto di oltre 15 banche in Italia.
  • 2007: è durante quest’anno che BPER annuncia l’intenzione di operare una fusione tra le proprie attività e quelle del gruppo Banca Popolare di Milano (BPM). Sarebbe così diventata la sesta banca del paese ma sfortunatamente la fusione finisce per fallire e viene riportata al 2017.
  • Nel 2017 la BPER annuncia l’acquisizione della società CariFerrara per l’importo di un euro simbolico. Per ottenere il diritto di recuperare queste attività, BPER si impegna ad acquisire anche il fondo Atlante con oltre 380 milioni di crediti controversi e un aumento di capitale di CariFerrara dell’ordine di 240 milioni prima ancora di questa operazione che resta comunque interessante per la BPER che acquista al tempo stesso un centinaio di agenzie.

Vi consigliamo ovviamente di seguire con attenzione tutte le future notizie sul gruppo BPER per servirvene come punto di ingresso o di uscita sul mercato.

 

Vantaggi e punti di forza delle azioni BPER come attivo di Borsa

Il gruppo BPER dispone ormai dei punti di forza combinati dei gruppi bancari Banco Popolare e BPM e questo lo rende uno dei principali attori del mercato borsistico. Gli investitori che intendono prendere una posizione all’acquisto su questo titolo con una strategia a medio o lungo termine devono prima di tutto capire quali siano questi atout nonché quali siano le debolezze che possono avere un impatto al ribasso sulla quotazione di queste azioni. Cominciamo col passare in rivista i punti di forza del gruppo BPER.

Per prima cosa, va ricordato che il gruppo BPER gode di un’ottima posizione sul mercato italiano grazie alla fusione delle due entità da cui trae origine. In termini di attivi il gruppo si posiziona attualmente come terzo più grande gruppo bancario in Italia.

Sempre grazie alla combinazione dei punti di forza delle due aziende, BPER può ormai contare su una forza lavoro impressionante. Il gruppo impiega infatti attualmente oltre 26.000 dipendenti, principalmente in Italia. Tali dipendenti profittano tra l’altro di una formazione solida e continua che gli permette di rispondere alle esigenze dei clienti.

Le due banche che hanno formato questo gruppo bancario hanno inoltre ben reagito alla crisi economica e finanziaria che ha colpito la zona euro alcuni anni fa. Banco Popolare è stata una delle prime banche del paese ad aver ricevuto in questa occasione un aiuto da parte dello Stato.

Il gruppo bancario BPER presenta inoltre dei vantaggi considerevoli per quanto riguarda le sue attività, essenzialmente centrate sul segmento dei privati. La sensibilizzazione popolare del gruppo in Italia su questo punto è interessante con in particolare un servizio clienti di qualità ed una grande visibilità del marchio presso i clienti del paese. In seguito a tale operazione di fusione, di grande rilievo, il numero di clienti con depositi di questo istituto si è sostanzialmente mantenuto dai due versanti addizionandosi con poche perdite.

Ovviamente, la banca BPER si posiziona piuttosto bene anche sul segmento della banca online offrendo ai propri clienti la possibilità di effettuare numerose operazioni tramite l’interfaccia del sito Internet che permette a diversi milioni di utenti di realizzare le proprie operazioni correnti senza doversi recare in agenzia.

 

Svantaggi e punti deboli delle azioni BPER come attivo di Borsa

Sebbene sia importante conoscere i vantaggi delle azioni BPER e i punti di forza di questa azienda del settore bancario, prima di prendere una qualsiasi posizione su questo titolo è ovviamente necessario conoscere anche i suoi punti deboli. Vi proponiamo quindi ora di passare in rassegna i punti deboli del gruppo bancario BPER.

Prima di tutto, sebbene le due aziende che costituiscono attualmente il gruppo BPER abbiano potuto unificare i propri dipendenti creando così una grande forza lavoro, va ricordato che quello che era il Banco Popolare soffriva fortemente di un tasso di abbandono molto elevato e che questa tendenza si conferma ancora oggi per il gruppo BPER. Di conseguenza sono molti i dipendenti esperti che lasciano l’azienda anche se la tendenza si è ridotta dopo la fusione.

Ci si rammarica inoltre del fatto che le attività del gruppo BPER siano ancora concentrate unicamente sul territorio italiano. Rispetto agli altri grandi gruppi bancari del paese come Unicredit, BPER non riesce a posizionarsi efficacemente in altri paesi, né in Europa, né a livello mondiale. L’esposizione al rischio di crisi finanziaria in Italia resta quindi elevato con poche vie d’uscita. Gli specialisti e gli analisti del settore temono infatti gli effetti di una prossima crisi economica italiana su questo tipo di banca troppo incentrata sulle attività nazionali. Ciò spiega perché molti investitori esitino ad acquistare dei titoli BPER o a trattarli sul lungo termine.

Come potete constatare i vantaggi e gli svantaggi di questo titolo nonché le forze e debolezze dell’azienda sono numerosi e dovete quindi prestarvi grande attenzione prima di prendere posizione sulle azioni BPER con i CFD.

 

Come realizzare una buona analisi fondamentale della quotazione delle azioni BPER?

Adesso che conoscete le forze e le debolezze del gruppo BPER dovreste essere maggiormente in grado di prevedere il suo avvenire finanziario ed economico ma, perché la vostra strategia di investimento sia realmente efficace e coerente, dovete ovviamente realizzare anche la vostra analisi fondamentale del titolo. A tal fine, vi proponiamo di scoprire qui quali sono gli elementi da seguire prioritariamente. Si tratta soprattutto degli eventi connessi alle opportunità e alle minacce che si presenteranno alla società BPER negli anni a venire.

  • La nuova organizzazione del gruppo BPER e la scommessa che essa rappresenta per la sua futura redditività devono essere ovviamente seguiti con attenzione. Poiché la fusione è ancora recente sono comunque da prevedere degli aggiustamenti ed è quindi interessante analizzare tutte le comunicazioni al riguardo da parte della direzione del gruppo.
  • Andranno ovviamente analizzate con cura anche le strategie messe in opera dal gruppo per migliorare i risultati negli anni a venire. Gli obiettivi fissati annualmente da BPER dovranno quindi essere confrontati ai risultati reali realizzati dal gruppo nel corso dell’anno.
  • Bisogna tenere d’occhio con attenzione le operazioni di acquisto di istituti bancari in difficoltà che sono spesso delle occasioni di sviluppo su nuovi segmenti e di conquista di nuova clientela.
  • Il nuovo gruppo BPER potrebbe inoltre siglare degli accordi a livello mondiale e stringere dei partenariati internazionali per sviluppare le proprie attività in Italia. Va da sé che tali notizie avrebbero un impatto concreto sulla quotazione delle azioni.
  • Analogamente, andranno anche seguite le operazioni di cessione di rami della BPER ritenuti poco redditizi, soprattutto per quanto riguarda il settore assicurativo che per il momento lascia a desiderare.
  • Il livello dell’economia italiana resta per il momento sfavorevole per via delle tensioni ancora ben presenti sul mercato del debito sovrano che comporta la debolezza dei prestiti delle banche. Bisognerà quindi seguire con la più grande attenzione l’evoluzione della situazione finanziaria ed economica del paese. Allo stesso modo andrà presa in considerazione nelle analisi la soluzione dei problemi della crisi della zona euro.
  • Prima della loro fusione le banche Banco Popolare e BPM subivano una forte perdita di clienti soprattutto a causa del rallentamento dell’economia mondiale e della riduzione di liquidità dell’economia ma tale perdita era dovuta anche a delle offerte finanziarie più interessanti da parte della concorrenza. Bisognerà quindi fare anche attenzione agli eventi connessi alla salute economica mondiale e soprattutto ai principali gruppi bancari concorrenti in Italia e alle loro soluzioni finanziarie confrontandole a quelle proposte da BPER.

Seguendo con attenzione le notizie connesse ai punti sopracitati potrete determinare quali siano i segnali di acquisto o di vendita più probanti per l’evoluzione futura della quotazione delle azioni BPER ma, prima di prendere una qualsiasi decisione circa le vostre future posizioni su questo titolo, dovete anche prendervi il tempo di realizzare un’analisi tecnica completa utilizzando i grafici personalizzabili della vostra piattaforma di trading e i differenti indicatori che vi si trovano.

Come cominciare a trattare le azioni BPER?

Per prendere posizione al rialzo o al ribasso sulla quotazione delle azioni BPER potete raggiungere oggi stesso una piattaforma di trading di qualità che riunisce tutti gli strumenti di analisi di cui avete bisogno.

Trattare online le azioni BPER!*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.