Trading sulla quotazione delle materie prime in Borsa

È oggi possibile investire online nelle materie prime. Scoprite le nostre informazioni per aiutarvi ad analizzare questi valori.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Trading sulla quotazione delle materie prime in Borsa

Le quotazioni delle principali materie prime

Aggiungi questo widget al tuo sito

Tra i beni sui quali al giorno d’oggi è possibile investire vi sono, oltre ad azioni e altre valute, materie prime quali metalli preziosi, materie prime energetiche, nonché materie prime agricole. In questa categoria del nostro sito, potrai acquisire le informazioni essenziali per questo tipo di investimento, con una panoramica di questo mercato e dei suoi beni, nonché gli elementi da prendere in considerazione per l’analisi del prezzo.

 

Funzionamento del mercato delle materie prime:

Il mercato delle materie prime raggruppa due tipi principali di attori:

  • i produttori
  • gli istituti finanziari, le società di investimento e i privati

Da qualche decennio, la maggior parte degli scambi di materie prime in questo mercato si è svolta per mezzo di prodotti derivati come forward, futures, opzioni, warrant o swap. Le transazioni sono effettuate sui mercati organizzati o sul mercato OTC, noto anche come “mercato fuori borsa”.

I mercati organizzati sono i mercati azionari e i mercati a termine. Le transazioni sono quindi standardizzate in base a criteri diversi, quali la quantità, la qualità o il termine dei prodotti derivati. Una camera di compensazione incaricata di verificare la solvibilità di acquirenti e venditori con richieste di margini impedisce il rischio di inadempimento della controparte in questi mercati.

Il mercato fuori borsa, invece, è un mercato in cui le transazioni sono concluse direttamente tra acquirenti e venditori, senza intervento esterno. Non vi è quindi alcuna standardizzazione delle operazioni, ma questo mercato offre maggiore flessibilità ai vari attori. 

 

Quali materie prime posso acquistare online?

Quasi tutte le materie prime negoziate sui mercati finanziari possono essere oggetto di investimento o posizionamento. Ma per saperne di più, ecco i dettagli dei beni che si trovano più comunemente su questo mercato:

  • le materie prime energetiche: petrolio, gas naturale, etanolo, uranio o carbone.
  • i metalli e i metalli preziosi: oro, argento, nichel, alluminio, palladio, platino, rame, acciaio, ferro, piombo o zinco.
  • le materie prime agricole: caffè, zucchero, grano, mais, cacao, riso, soia, avena o cotone. 

 

Quotazione delle materie prime sul mercato:

Le operazioni alla grida praticamente non esistono più nel mercato delle materie prime, che al giorno d’oggi è quasi interamente dematerializzato ed elettronico.

La maggior parte degli scambi avviene ora con l’intermediazione del gruppo CME, che integra il CBOT (Chicago Board of Trade), il NYMEX (New York Mercantile Exchange) e il COMEX (New York Commodity Exchange).

Si tratta della più grande borsa di scambio di contratti a termine che offre la più ampia scelta di contratti sulle materie prime.

Ma vi sono anche altri due mercati sui quali vengono quotate le materie prime, anche se di minore importanza. Si tratta del LME (London Metal Exchange) e dell’ICE (Intercontinental Exchange), precedentemente NYSE.

 

A chi è rivolto il trading delle materie prime:

Il trading di materie prime, precedentemente riservato agli investitori istituzionali, è ora di interesse per molti investitori privati. Ma prima di lanciarsi in questo tipo di speculazione, è ovviamente essenziale avere conoscenze sufficienti e in generale una certa esperienza negli investimenti in borsa.

Gli investitori che scelgono di negoziare materie prime possono farlo per motivi diversi a seconda della strategia messa in atto. Ad esempio, alcuni favoriranno posizioni a lungo termine su determinati beni considerati come investimenti sicuri, come ad esempio l’oro, con l’obiettivo di coprire eventualmente altre posizioni su altri tipi di beni.

Altri ancora, più esperti, utilizzeranno la notevole volatilità di alcuni di questi beni per speculare con una strategia a più breve termine.

 

Gli orari di apertura dei mercati delle materie prime:

Vediamo innanzitutto gli orari di apertura dei mercati finanziari sui quali sono quotate le principali materie prime. In effetti, è durante queste ore che i prezzi saranno più volatili, dal momento che molti investitori saranno collegati e acquisiranno una posizione. Di seguito sono riportati gli orari di quotazione dei mercati:

  • il mercato delle materie prime energetiche come il gas o il petrolio apre dalle 00:05 alle 22:55.
  • il mercato dei metalli preziosi, tra cui oro, argento, rame e palladio, apre anch’esso dalle 00:05 alle 22:55.
  • il mercato azionario di altri metalli come zinco, alluminio o nichel apre dalle 02:05 alle 18:55.

Si noti che questi mercati sono aperti dal lunedì al venerdì con questi orari, ma sono chiusi la domenica.

 

In che orari possiamo speculare sulle materie prime?

Gli orari di apertura dei mercati sopra menzionati sono solo a titolo informativo, perché è possibile negoziare su queste materie prime continuamente, vale a dire 7 giorni su 7, 24 ore su 24. Infatti, anche se i mercati sono chiusi la domenica o durante le poche ore citate, le piattaforme di trading consentono di acquisire posizioni su questi beni.

Va notato, tuttavia, che il trading durante le ore di chiusura dei mercati delle materie prime richiede una maggiore conoscenza ed esperienza, in quanto può essere ugualmente rischioso.  

 

Anticipare il prezzo delle materie prime con l’analisi tecnica:

Come abbiamo accennato in precedenza, le materie prime sono beni altamente volatili. Questi ultimi sono particolarmente reattivi ai vari effetti di annuncio, alla pubblicazione di determinati indicatori ed eventi o agli impatti psicologici sui mercati.

Mentre l’analisi fondamentale consentirà di analizzare i probabili effetti di una pubblicazione sul prezzo di un bene, l’analisi tecnica consentirà di studiare la forza di una tendenza, la volatilità di un mercato e di dedurre gli scenari più probabili alla luce di quanto è accaduto in passato. È quindi molto importante padroneggiare questo tipo di analisi ed essere in grado di studiare i grafici storici delle materie prime.

Grazie ai grafici azionari innovativi che puoi trovare online, su una piattaforma di trading o su un sito specializzato, avrai effettivamente la possibilità di personalizzare la visualizzazione ed eseguire complesse analisi tecniche. In particolare, è opportuno utilizzare e visualizzare contemporaneamente diversi indicatori su questi grafici. Questi includono gli indicatori di tendenza e volatilità più comuni come le bande di Bollinger, il MACD o le medie mobili, nonché i livelli di supporto e resistenza e i punti pivot. Queste ultime soglie tecniche possono effettivamente essere il punto di partenza di una tendenza al rialzo o al ribasso, il segnale di un’inversione di tendenza o di un’accelerazione di un movimento.

Naturalmente, è ugualmente importante scegliere la periodicità dei grafici utilizzati per l’analisi tecnica delle materie prime. Tale periodicità dovrebbe essere scelta in funzione dell’orizzonte di negoziazione di ciascuno e della strategia prevista, a breve, medio o lungo termine. Ci sono a tal proposito visualizzazioni in minuti, ore, giorni o anche mesi o anni.

Mentre al giorno d’oggi non è più necessario sapere eseguire i calcoli necessari per comprendere i principali indicatori tecnici, poiché questi vengono calcolati automaticamente dal software proposto dai broker, si consiglia vivamente di capire da quali elementi e come vengono calcolati, al fine di comprenderne meglio l’interpretazione.

Infine, tieni presente che una buona analisi tecnica non sarà affidabile se non si tiene conto, parallelamente, dell’analisi fondamentale. È necessario eseguire questi due tipi di analisi contemporaneamente, per tenere conto sia dei movimenti grafici che degli indicatori correnti.

 

Analizzare il prezzo delle materie prime con l’analisi fondamentale:

Come abbiamo appena indicato, l’analisi fondamentale è il secondo tipo di analisi indispensabile per capire come possa evolvere il prezzo di una materia prima. Questa specifica analisi utilizza i differenti dati economici e alcune notizie al fine di anticipare le future fluttuazioni del prezzo di un bene.

Al fine di effettuare un’analisi fondamentale delle materie prime, si studierà il rapporto tra il prezzo di un bene e i fondamentali economici quali i tassi di disoccupazione, dell’inflazione, la crescita o i tassi di interesse. Questi fondamentali economici, che sono in continua evoluzione, sono anche influenzati da eventi geopolitici o dalle decisioni governative. Generalmente hanno un impatto significativo sulla maggior parte delle materie prime. Sapere come interpretare questi dati nel contesto di un’analisi fondamentale è quindi un prerequisito indispensabile per l’analisi dei prezzi di una materia prima.

Naturalmente, i dati fondamentali da utilizzare qui, che possono influenzare il prezzo delle materie prime, sono un po’ più diversificati. Tra gli elementi che devi assolutamente analizzare ritroviamo le pubblicazioni, i dati e le informazioni seguenti:

  • L’inflazione: l’inflazione e le materie prime sono sempre state correlate positivamente. In effetti, quando l’inflazione aumenta, i prezzi delle materie prime tendono ad aumentare in modo uguale e viceversa, poiché alcuni negoziatori utilizzano l’acquisto di materie prime per proteggersi dall’inflazione.
  • La crescita economica: allo stesso modo dell’inflazione, la crescita economica è correlata ai prezzi delle materie prime. Infatti, quando un paese si trova in una fase di crescita economica, consuma più materie prime, il che aumenta la domanda e può far aumentare i prezzi, e viceversa, quando la crescita è debole, i prezzi delle materie prime tendono a diminuire.
  • Il tasso di interesse: un aumento dei prezzi delle materie prime tende ad aumentare i tassi di interesse e ad abbassare i prezzi delle obbligazioni.
  • Il consumo di alcuni settori di attività: a seconda della materia prima che negozi, sarà importante monitorare l’attività economica dei settori che la utilizzano maggiormente e che avrà una grande influenza sull’andamento dei prezzi.
  • Il valore del dollaro americano: è noto che la maggior parte delle materie prime sono quotate in dollari americani. Pertanto, esiste una forma di correlazione inversa tra questa valuta e questi beni. Infatti, quando il dollaro è debole, per gli acquirenti che dispongono di un’altra valuta diventa più interessante acquistare materie prime e viceversa.
  • Le relazioni geopolitiche: per quanto riguarda alcuni prodotti come il petrolio, i conflitti tra alcuni paesi esportatori o importatori possono avere una forte influenza sui prezzi.
  • Le condizioni climatiche: se si tratta di materie prime agricole, sarà ovviamente indispensabile controllare gli effetti di alcune catastrofi climatiche sulla produzione e quindi sul prezzo di questi beni.

Naturalmente, i dati fondamentali da analizzare variano da una materia prima all’altra e vi indicheremo gli elementi da preferire in ciascun articolo dedicato.