Wall Street: Il Nasdaq sta terminando la sua settimana peggiore da marzo

  •   Le 14/09/2020 à 11h41
  •   DEHOUI Lionel

Venerdì scorso, l'indice del Nasdaq statunitense è sceso a causa del declino dei grandi titoli tecnologici della Borsa di New York. Non è la prima volta che queste azioni lo influenzano. Questa volta il Nasdaq ha registrato il maggior calo settimanale dalla fine di marzo. In questo modo rinuncia a più del 4% per tutta la settimana. Ma è sceso dello 0,60% a 10.853,55 punti solo nella sessione di venerdì.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Wall Street: Il Nasdaq sta terminando la sua settimana peggiore da marzo
Immagine: krispdk - Flickr

Gli altri indici del mercato americano

Per quanto riguarda gli altri indici, vediamo l'indice di punta di Wall Street, il Dow Jones Industrial Average, che invece si è apprezzato dello 0,48% a 27.665,64 punti. Ma è sceso dell'1,66% per l'intera settimana. Un calo settimanale più accentuato sul versante dell'indice ampio S&P 500 (-2,51%). Tuttavia, ha afferrato lo 0,05% a 3.340,97 punti e così finisce vicino al pareggio per l'ultima sessione della settimana.

 

Analisi di Maris Ogg

Questi diversi livelli registrati dagli indici di mercato statunitensi hanno ispirato Maris Ogg di Tower Bridge Advisors, che ha detto che la correzione probabilmente continuerà. Maris Ogg è arrivata a questa stima sulla base del forte calo del Nasdaq iniziato alla fine della settimana scorsa. Va notato, tuttavia, che l'indice si era aperto più in alto, proprio come il giorno prima, prima di cancellare i guadagni poco dopo la metà della sessione. Logicamente, in seguito è caduto in rosso.

Infatti, la signora Ogg ha dichiarato nella sua analisi che i venditori tornano e riducono il mercato non appena questo sale. E' ovvio che il settore Tech è di nuovo in difficoltà questo venerdì, mentre rimane il principale interessato da queste prese di profitto. In effetti, aveva fatto un'ascesa quasi ininterrotta dai primi giorni di aprile fino alla fine di agosto. È così che ha messo in ginocchio il mercato.

Nota: La conseguenza è stata immediata per il sottoindice "Tecnologia dell'informazione" dell'S&P 500, che ha semplicemente perso lo 0,75%, riflettendo lo stato individuale di ciascuno dei suoi valori. Alphabet, la società madre di Google, Apple e Amazon, è scesa rispettivamente dello 0,67%, dell'1,31% e dell'1,85%. Per quanto riguarda Facebook, il titolo è sceso dello 0,55%. Ogg dice che il declino è un segno di un mercato sano e non è allarmante. È giustificato dai riaggiustamenti dopo una lunga progressione.

 

Altri valori di Wall Street

D'altra parte, i membri economicamente sensibili del Dow Jones sono aumentati notevolmente. Ad esempio, Home Depot, 3M, Caterpillar e Nike sono cresciute rispettivamente dell'1,33%, 1,85%, 2,65% e 2,80%. Inoltre, come gli indicatori del mercato statunitense, anche i prezzi al consumo sono avanzati dello 0,4% rispetto ad agosto. Si tratta di un ritmo leggermente più lento rispetto al mese precedente, anche se è superiore alle aspettative secondo l'indice dell'IPC.

Secondo le stime dell'indice CPI pubblicato venerdì scorso dal Dipartimento del Lavoro, gli analisti si aspettavano un aumento dello 0,3%. Nikola, un produttore statunitense di autocarri elettrici e a idrogeno, ha registrato un calo di circa il 15%. Questo è stato il terzo calo consecutivo del settore. Si nota un calo del 4,23% dalla parte di Peloton, mentre il gigante del software Oracle ha ceduto lo 0,58%.