Verso un piano di austerità per Volkswagen per affrontare la crisi attuale

  •   Le 10/06/2020 à 10h01
  •   HARMANT Adeline

Il gruppo Volkswagen potrebbe mettere in atto un vero e proprio piano di austerità per far fronte alle attuali conseguenze della crisi Covid-19 e sta comunque valutando una nuova politica di riduzione dei costi per contrastare gli effetti di questa pandemia sulla sua attività. Questo è in ogni caso l'annuncio che è stato fatto dal gruppo questo fine settimana e sul quale ci proponiamo di tornare qui più dettagliatamente.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le dichiarazioni di Volkswagen di questo fine settimana:

È stato quindi questo fine settimana che il portavoce del Gruppo Volkswagen ha parlato della situazione attuale del costruttore e delle sue possibilità di fronte alla crisi attuale. Ha detto: "Ci sono state deliberazioni generali su quali misure di costo aggiuntivo potrebbero essere adottate in risposta alla pandemia".

Ha anche aggiunto: "Non ci sono ancora decisioni concrete".

Va ricordato che la produzione complessiva delle case automobilistiche in Germania è già diminuita di oltre il 66% a maggio e ha perso il 44% nei primi 5 mesi del 2020. Questo rappresenta il suo livello di produzione più basso dal 1975, come dichiarato dalla VDA, che è la federazione del settore automobilistico.

Per quanto riguarda il gruppo Volkswagen, in particolare, è stato costretto a sospendere la produzione su alcune linee di montaggio appena riaperte da diversi giorni a causa della bassissima domanda di automobili. I modelli Golf e Tiguan sono stati direttamente colpiti da questo arresto. Questo tipo di evento, che non è un evento isolato, è la prova che il settore ha attualmente grandi difficoltà a riprendersi dalle restrizioni dovute a Covid-19, che hanno già causato un calo storico delle vendite di auto in Europa nei mesi di marzo e aprile. Volkswagen aveva già dichiarato alla fine di aprile che i clienti non sono interessati all'acquisto di automobili e che i depositi in cui sono stoccati i veicoli prodotti stanno raggiungendo i loro limiti.

 

Le soluzioni a disposizione di queste aziende per uscire dalla crisi :

Volkswagen ha così indicato che deve ridurre significativamente le spese. Va notato che i produttori tedeschi di attrezzature e veicoli di questo settore stanno attualmente cercando di ottenere ulteriori aiuti finanziari dal governo sotto forma di premi all'acquisto.

La politica di riduzione dei costi di Volkswagen comporterà una riduzione delle spese di ricerca e sviluppo, degli investimenti e dei costi fissi. Il gruppo sottolinea che non tutti i suoi marchi raggiungeranno un risultato positivo nel 2020.

Notiamo inoltre che Moody's aveva già abbassato le previsioni per il mercato automobilistico globale a maggio, prevedendo un calo del 20% delle vendite per il 2020 e, tra l'altro, un calo del 30% per l'Europa e del 25% negli USA. Il mercato cinese è previsto in calo solo del 10% nello stesso periodo.