ETHEREUM

Analisi dell’Ethereum prima di fare trading con i CFD

--- Pubblicità ---
76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

Alcune cripto-monete come il Bitcoin non hanno ovviamente più bisogna di essere presentate ma l’Ethereum non tutti lo conoscono. Anche chiamata “Ether”, questa nuova cripto-moneta potrebbe fare una forte concorrenza al Bitcoin in considerazione del successo che incontra fin dalla sua prima quotazione e del forte rialzo del suo corso che ne fanno infatti uno dei valori attualmente più popolari di questo settore. È ovviamente possibile speculare online sulla quotazione dell’Ethereum ma bisogna comunque essere in grado di prevederne le variazioni. In questo articolo completo spieghiamo in cosa consiste questa moneta virtuale e quali sono le sue specificità come attivo di Borsa fornendo anche delle indicazioni per aiutare ad analizzare la sua quotazione online.  

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

Uno degli elementi da analizzare per fare trading sull’Ethereum è ovviamente la quotazione del Bitcoin perché questa cripto-moneta è usata ancora oggi da molti investitori come referenza del settore. Ci si può anche interessare alle altre cripto-monete più popolari come il Ripple o il Litecoin.

Analisi n. 2

Bisogna tenere d’occhio con attenzione i media e il modo in cui parlano dell’Ethereum e delle cripto-monete in generale perché possono spingere verso una buona o una cattiva immagine di questi attivi sul mercato. Le cripto-monete profittano infatti in genere di una grande pubblicità e sono piuttosto sensibili all’immagine trasmessa dai media.

Analisi n. 3

Le notizie di attualità e le preoccupazioni circa l’affidabilità e la sicurezza delle cripto-monete in generale hanno un’innegabile influenza sulla quotazione dell’Ethereum e devono quindi essere incluse nell’analisi fondamentale.

Analisi n. 4

È necessario tenersi al corrente delle imprese e delle banche che utilizzano le cripto-monete.

Analisi n. 5

Bisogna seguire con la massima attenzione l’evoluzione della salute dell’economia mondiale e la sua crescita, che determina una gran parte della domanda e influenza quindi la quotazione di questo attivo, e le crisi finanziarie, che possono conferirgli uno statuto di valore rifugio per gli investitori sul mercato dei cambi.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.

Cos’è l’Ethereum? Come funziona?

In origine, Ethereum era il nome dato ad una piattaforma basata sulla tecnologia detta “blockchain” tramite la quale utilizzatori in tutto il mondo possono sviluppare delle applicazioni online. Ovviamente, tramite questa piattaforma è possibile creare delle applicazioni sia gratuite che a pagamento.  Era quindi necessario creare una moneta utilizzabile su questa piattaforma ed è così che è nato l’Ether, moneta ufficiale dell’Ethereum.

 Dalla sua creazione nel 2015, l’Ether ha profittato della recente passione degli investitori per le cripto-monete come il Bitcoin e ciò gli ha permesso di aumentare rapidamente la propria popolarità presso gli investitori interessati al settore.

È comunque importante comprendere che l’Ethereum non è l’unica cripto-moneta ad essere venuta alla luce dopo la creazione, alcuni anni fa, del Bitcoin e che le valute dematerializzate concorrenti sono quindi sempre più numerose. Da notare tuttavia che l’Ether, o Ethereum, è una cripto-moneta ovvero una moneta dematerializzata il cui funzionamento somiglia molto a quello del suo omologo Bitcoin. La tecnologia su cui si basa il funzionamento dell’Ether si chiama Ethereum e si tratta in realtà di un sistema informatico basato su delle catene di blocchi.

Tuttavia, diversamente dal Bitcoin la cui utilità principale è di essere una moneta dematerializzata, l’Ethereum presenta anche altre funzioni e, infatti, la sua piattaforma permette tra l’altro di creare delle applicazioni diversificate e decentralizzate.

Ad ogni modo, il valore accessibile in Borsa sulla cui quotazione è possibile fare trading, l’Ether, riguarda unicamente la sua funzione di cripto-moneta e si tratta quindi di un’alternativa informatizzata alle monete tradizionali la cui quotazione evolve in diretta e in tempo reale rendendola un possibile oggetto di speculazione borsistica. Come si vedrà a seguire, fin dalla sua prima quotazione l’Ether ha mostrato una volatilità relativamente elevata con numerosi movimenti storici che è interessante approfondire.

 

Come prevedere le future variazioni della quotazione dell’Ethereum?

Per speculare nelle migliori condizioni sulla quotazione dell’Ethereum è ovviamente necessario essere capaci di prevedere le future variazioni del suo prezzo e per farlo bisogna conoscere i fattori che ne influenzano la quotazione sul mercato.

Il fattore che attualmente sembra avere maggiore influenza sull’evoluzione del prezzo dell’Ether è la piattaforma Ethereum con la sua evoluzione che la porta a superare regolarmente delle tappe, chiamate “hard forks”, che la rendono più efficace e più stabile. Il superamento di nuove tappe permette in genere alla quotazione dell’Ether di apprezzarsi sul mercato borsistico. Tuttavia, va considerato che anche un incidente durante il superamento di una tappa può influenzare la quotazione dell’Ether come è stato il caso in occasione di un atto di pirateria informatica nel corso di un hard forks che ha causato il crollo della quotazione dell’Ether di circa il 30%. Ovviamente, in seguito a questo incidente la sicurezza della piattaforma è stata rivista e rafforzata per non subire più tali inconvenienti.

Un altro fattore che influenza notevolmente l’evoluzione del prezzo dell’Ether è un fattore esterno ed è il valore del suo concorrente diretto: il Bitcoin. Infatti, dato che il Bitcoin rimane comunque la cripto-moneta di origine e la moneta alternativa più utilizzata al mondo, la sua quotazione è direttamente correlata a quelle delle altre cripto-monete come l’Ether. Quindi, il prezzo del Bitcoin in crescita viene interpretato come un segno di recupero di interesse da parte degli investitori per le monete alternative e ciò favorisce in genere l’acquisto anche dell’Ether, se le condizioni di mercato sono riunite.

È anche stato notato di recente che, in genere, gli investitori che prendono posizione all’acquisto su Ether hanno già delle posizioni sul Bitcoin e cercano quindi di diversificare le proprie posizioni. D’altra parte, è evidente che per fare trading sulla quotazione dell’Ethereum è ovviamente necessario comprendere il funzionamento del mercato delle cripto-monete in generale.

Inoltre, sebbene esistano dei fattori esterni identificati che possono influenzare la quotazione di questo valore bisogna tener presente che l’Ether è anche noto per essere un attivo speculativo e non bisogna quindi trascurare l’analisi tecnica per individuare dei movimenti puramente strategici.

 

Quali sono le specificità e le particolarità dell’Ethereum?

Ci si può chiedere quale sia la differenza tra il Bitcoin, la cripto-moneta che esiste da più tempo, e l’Ether. L’Ether ha delle particolarità e delle specificità rispetto alle altre cripto-monete e, come citato in precedenza, in origine non era stata concepita come moneta virtuale ma come un servizio per permettere agli utenti della piattaforma Ethereum di monetizzare le applicazioni create.

Altra differenza è il fatto che, a differenza dal Bitcoin, l’Ether non ha dei limiti di tempo e di offerta. Inoltre, anche la durata delle transazioni effettuate con le due differenti tecnologie è diversa: l’Ethereum è stato creato in particolare per proporre dei tempi di trattamento inferiori, differenza che spiega la grande volatilità dell’Ether che si osserva attualmente.

Infine, un’altra grande differenza tra Bitcoin ed Ether riguarda i detentori di tali monete virtuali. Infatti, al momento della sua creazione il Bitcoin è stato sfruttato da persone che l’hanno adottato precocemente e che detengono quindi l’insieme delle unità di questa moneta mentre l’Ether è stato creato tramite un’operazione di crowdfunding ed è di conseguenza detenuta dagli investitori che hanno investito del denaro in questa cripto-moneta e che quindi l’hanno acquistata.

Sempre fra le particolarità dell’Ether si può anche citare la sua grande popolarità presso la comunità di trader di cripto-monete con un numero di transazioni in crescita dal suo lancio ad oggi. Di conseguenza, la capitalizzazione borsistica di questa moneta virtuale è anch’essa sempre più elevata e tende a competere con quella del Bitcoin e delle cripto-monete più rappresentate di questo mercato.

Tuttavia, sebbene l’Ethereum differisca molto dal Bitcoin per le sue funzionalità, rimane soprattutto una cripto-moneta che bisogna analizzare e studiare come tale. Una buona conoscenza di questo settore di attività e delle specificità di questo mercato è quindi fondamentale per qualsiasi investimento su questo valore in Borsa.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.