GBP/USD

Analisi della quotazione della coppia di valute GBP/USD

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

La coppia di valute GBP/USD ovvero sterlina/dollaro è attualmente una delle più scambiate sul mercato dei cambi. Si tratta infatti di una delle più importanti coppie di valute del mercato Forex in termini di liquidità poco al disotto dell’EUR/USD. Ma che cosa rappresenta realmente questa coppia di valute? E, soprattutto, come funziona il suo tasso di cambio? Come se ne possono effettuare delle analisi valide? È quello che proponiamo di scoprire qui in un articolo interamente dedicato a questo valore del mercato delle valute.  

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

La salute economica dei due paesi. Ovviamente, la forza della domanda in sterline o in dollari statunitensi dipende in gran parte dall’attrattiva delle rispettive economie. Una crescita o una crisi economica negli Stati Uniti o nel Regno Unito possono quindi provocare movimenti al rialzo o al ribasso di questa coppia di valute, favorendo o svantaggiando la GBP o l’USD.

Analisi n. 2

Le politiche monetarie di queste due aree sono, ovviamente, elementi importanti da prendere in considerazione nella realizzazione dell’analisi fondamentale. Per quanto riguarda il Regno Unito, è la Banca centrale d’Inghilterra, la BoE, che si riunisce una volta al mese pubblicando poi una relazione di sintesi sulla politica monetaria da seguire che permette di conoscere i dettagli delle decisioni prese. Per gli Stati Uniti, la Banca centrale responsabile di questa politica monetaria è la FED, Federal Reserve. Tali organismi possono influenzare il tasso di interesse della sterlina o del dollaro aumentandolo, lasciandolo invariato o abbassandolo, il che nella maggior parte dei casi ha un effetto sulle prese di posizione degli investitori sulle rispettive valute.

Analisi n. 3

Le politiche economiche generali dei due paesi devono essere attentamente seguite, in quanto gli eventi politici possono talvolta provocare notevoli fluttuazioni sul mercato dei cambi. Ciò si è verificato in particolare nelle varie fasi della Brexit ma può avvenire anche in occasione di elezioni presidenziali o governative, di un cambiamento di partito politico o di altri eventi di questo tipo.

Analisi n. 4

Bisogna seguire i dati e le cifre economiche generali relativi a queste economie. Gli annunci economici sono frequenti e vengono scrutati dagli investitori sul GBP/USD alla ricerca di un annuncio che influenzerà tale cross. Alcuni dati vengono pubblicati regolarmente, come le vendite al dettaglio, i dati relativi all'occupazione o ancora i dati relativi all'inflazione.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione generale della coppia GBP/USD

Si chiama GBP/USD la parità del Forex tra la sterlina e il dollaro statunitense. In parole povere, questo cross rappresenta il tasso di cambio di una sterlina in dollari. Più in generale, questa parità è chiamata Cable o Sterling.

La quotazione del cross GBP/USD viene espressa, come per le altre valute, in pips o, presso alcuni broker, in decimi di pip. Storicamente, si constata che il Cable si è evoluto da una ventina d’anni in un canale di fluttuazione stretto compreso tra 1.40 e 2.10 pips.  Il suo risultato più elevato è stato raggiunto nel 2007 ma il cross ha perso molto rapidamente il suo valore a causa dell'attuale crisi economica iniziata nel 2008. È quindi in questo periodo, a causa della crisi finanziaria, che il cross ha raggiunto il suo livello più basso a 1,40 pips.

Molti trader utilizzano il Cable per fare trading sul Forex perché gli indicatori che permettono di prevederne l'evoluzione sono molto numerosi grazie alla popolarità del dollaro statunitense ed alla particolarità della sterlina britannica.

 

Cosa rappresenta la coppia di valute GBP/USD

La GBP/USD è una coppia di valute o cross sul mercato dei cambi che rappresenta il tasso di cambio della sterlina espresso in dollari statunitensi. La valuta di base di questa coppia di valute è quindi la moneta britannica, la sterlina, e la moneta di contropartita è la valuta degli Stati Uniti, il dollaro statunitense.

In sintesi, si può quindi affermare che la coppia di valute GBP/USD rappresenta e indica la quantità di dollari necessaria per acquistare una sterlina. Ricordiamo infatti che la valuta di base di una coppia di valute è sempre situata a sinistra del cross e che la valuta di contropartita si trova invece a destra.

A titolo di esempio, per comprendere meglio cosa rappresenti il cross GBP/USD, immaginiamo che il valore di questa parità sia di 1,25 pips. Ciò significa che per acquistare una sterlina occorrono 1,25 dollari e, viceversa, vendendo una sterlina si ricevono 1,25 dollari statunitensi.

Come vedremo a seguire, il tasso di cambio di una coppia di valute come la sterlina/dollaro varia costantemente in funzione dell’offerta e della domanda sul mercato dei cambi motivo per cui per molti investitori il GBP/USD è anche un attivo speculativo.

 

Funzionamento e quotazione della coppia di valute GBP/USD

Dopo aver presentato il cross GBP/USD, passiamo a un po' di tecnica, interessandoci questa volta alla quotazione di questa coppia di valute e al suo funzionamento sul mercato dei cambi.

Come molti avranno già notato e come avviene anche per gli altri attivi su cui è possibile fare trading online, nelle piattaforme dei broker la quotazione del cross GBP/USD presenta due valori e non uno solo. Queste due quotazioni di Borsa per il tasso di cambio vengono denominate “ask” e “bid”, che corrispondono alla quotazione per l'acquirente e a quella per il venditore. I livelli di questi due valori sono in continua evoluzione.

Si noti inoltre che la quotazione di una coppia di valute presenta un’unità di misura specifica denominata “pip”. Un pip rappresenta lo 0,0001 del prezzo quotato. Ad esempio, quando il prezzo della parità GBP/USD passa da 1,25100 a 1,25101, si dice che il movimento osservato è di 1 pip.

Ma perché questa doppia quotazione? In realtà, l’ask e il bid presentano una differenza di quotazione che è denominata “spread”. Ad esempio, quando la quotazione del GBP/USD è indicata a 1,25100-1,25115, ciò significa che lo spread è di 1,5 pips. Da notare che, nell’esempio che abbiamo appena fatto, l’ultima cifra della quotazione, ossia il quinto decimale, è utilizzata solo dai software di trading per avere una quotazione il più possibile precisa.

Lo spread della coppia di valute sterlina/dollaro statunitense serve principalmente a calcolare la remunerazione del broker. È infatti la differenza nel prezzo d’acquisto, che è leggermente superiore al corso effettivo, e nel prezzo di vendita, che è leggermente inferiore al corso reale, che generano una forma di margine per l’intermediario.

Il concetto di spread è importante da comprendere e da prendere in considerazione in quanto lo spread può essere fisso o variabile a seconda del broker e, se variabile, può cambiare diverse volte nel corso di un’unica seduta, a seconda della volatilità del mercato o in funzione degli orari di negoziazione, con spread spesso bassi nelle ore di apertura del mercato interessato dal GBP/USD, vale a dire l’orario di apertura della seduta statunitense e della seduta europea.

 

Seguire il calendario economico per analizzare GBP/USD

Come abbiamo appena visto, l’analisi fondamentale del cross valutario GBP/USD passa per la conoscenza delle varie pubblicazioni economiche, politiche e monetarie che incidono sull’economia degli Stati Uniti e del Regno Unito. Per seguire tali dati in tempo reale, gli investitori del mercato dei cambi utilizzano regolarmente un calendario economico.

Questo calendario è in pratica un’agenda, disponibile online in numerosi siti specializzati in mercati finanziari e Forex, che consente di conoscere in anticipo le date e gli eventi principali da seguire. Ad esempio, vi figurano le date delle riunioni della Fed e della BoE, le pubblicazioni economiche previste per queste due economie e i principali eventi politici programmati.

Ma non è tutto! Non solo il calendario economico indica le date importanti ma fornisce anche le cifre reali al momento della loro pubblicazione ufficiale. Vi è anche la possibilità di programmare allarmi. Meglio ancora! Alcuni calendari economici Forex indicano anche, prima della pubblicazione effettiva, le aspettative degli analisti per le future pubblicazioni. In tal caso è possibile disporre di un elemento di analisi supplementare con dei dati da confrontare con i risultati, tenendo conto del fenomeno di anticipazione del mercato.

Ovviamente, anche altri eventi che non sono riportati nel calendario economico possono influire sulla quotazione di tale valore, come è avvenuto di recente con la pandemia di Covid-19 che ha avuto ripercussioni sia sull’economia britannica che su quella statunitense.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com