Thales firma un nuovo contratto dopo la pubblicazione dei suoi deludenti risultati per il 2020

  •   Le 05/03/2021 à 08h07
  •   HARMANT Adeline

Questa mattina, il gruppo Thales ha presentato i suoi risultati per il 2020, con una forte flessione, pur rimanendo relativamente ottimista sulla ripresa delle sue attività e la redditività nel 2021. Infatti, è stato annunciato poche ore fa che Thales ha vinto un nuovo importante contratto con l'Agenzia spaziale europea attraverso la sua filiale Alenia Space in Italia.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500
Thales firma un nuovo contratto dopo la pubblicazione dei suoi deludenti risultati per il 2020

I risultati dovrebbero essere in netto calo nel 2020:

Prima di tutto, i risultati del gruppo Thales sono stati seguiti dagli investitori questa mattina presto. Questi ultimi sono, senza sorpresa, in forte calo perché sono stati colpiti dalla crisi sanitaria. Tuttavia, Thales prevede una ripresa di queste attività per il 2021.

In dettaglio, il gruppo specializzato in aerospazio, difesa e sicurezza ha registrato un utile operativo di 1.35 miliardi di euro, in calo del 33% e del 34% organicamente, con entrate in calo del 7,7% o del 10,4% organicamente a 16,98 miliardi di euro.

Queste cifre rimangono in linea con le aspettative degli analisti. Inoltre, l'utile netto consolidato attribuibile agli azionisti della casa madre è stato di 483 milioni di euro, in calo del 57%, mentre il free cash flow operativo ha raggiunto 1.057 miliardi di euro. Il tasso di conversione dell'utile netto rettificato attribuibile agli azionisti della casa madre in free cash flow operativo è stato del 113%, rispetto al 98% del 2019. Questa performance dimostra l'efficacia delle azioni attuate dal 2019 nell'ambito dell'iniziativa Sah e l'impatto di cassa del piano di adattamento alla crisi globale.

C'è stato anche un calo del 3% degli ordini a 18,47 miliardi di euro e un rapporto book-to-bill superiore a 1 a 1,09, che supporta l'accelerazione della crescita nel 2022.

Per il 2021, il gruppo prevede un fatturato tra 17,1 e 17,9 miliardi di euro e un margine Ebit tra il 9,5% e il 10% contro l'8% del 2020.

Il consiglio di amministrazione ha proposto un dividendo di 1,76 euro per azione, che rappresenta un payout ratio del 40% dell'utile netto di gruppo rettificato.

 

Un contratto importante per Thales Alenia Space:

Allo stesso tempo, la filiale italiana del gruppo, Thales Alenia Space, che è una joint venture tra Thales e Leonardo, ha firmato un contratto da 772 milioni di euro con l'Agenzia Spaziale Europea per fornire 6 satelliti come parte della seconda generazione della costellazione Galileo.

I primi satelliti di questa seconda generazione saranno messi in orbita prima della fine del 2024. Questi satelliti miglioreranno così la precisione del sistema Galileo, la sua robustezza contro le interferenze e le interferenze e la resilienza del suo segnale.

Questa nuova generazione di satelliti è quindi basata su una soluzione più robusta e affidabile che è protetta contro gli attacchi informatici per una maggiore disponibilità del servizio.