Il tasso di sconto della BCE

  Il tasso di sconto della BCE è in pratica un tasso d'interesse fissato in continuo dalla Banca Centrale Europea con la finalità di regolare l'attività economica e finanziaria. Scopriamo qui qual è l'interesse di questo tasso e che influenza ha sul mercato del Forex e sul mercato economico in generale.  

Trattate sul Forex in diretta!
Il tasso di sconto della BCE
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.
Valutazione: 4.22 23 voti

 

Cos'è il tasso di sconto della BCE?

Il tasso di sconto della BCE è uno strumento che ha la finalità di regolare l'inflazione e la concessione dei prestiti nella zona Euro. É utilizzato in particolare quando la BCE vuole alimentare le banche in liquidità, operazione che modifica il barometro del costo del credito.

Le banche possono, se lo desiderano, prendere del denaro in prestito presso la BCE ad un tasso di interesse che corrisponde quindi al tasso di sconto fissato. Più tale tasso d'interesse è basso, più le banche possono a loro volta proporre dei prestiti a tassi interessanti e viceversa.

Un aumento del tasso di sconto viene applicato se la BCE desidera rallentare le domanda di prestiti ed evitare quindi una crescita eccessiva dell'inflazione.

 

Le conseguenze dei cambiamenti di tasso di sconto della BCE sul Forex

Come detto in precedenza, i cambiamenti del tasso di sconto della BCE permettono d'influire sull'economia attraverso le banche. Più le banche sono disposte a finanziare, infatti, più le aziende investono e quindi ci si può aspettare una maggiore crescita economica.

Ma un cambiamento del tasso di sconto può anche influenzare l'evoluzione della valuta della zona Euro cioè dell'euro stesso. Il valore di una valuta è infatti direttamente connesso al livello d’inflazione cioè al volume delle liquidità disponibili.

É infatti logico che una maggiore quantità di moneta in circolazione comporti una riduzione del suo valore. Di conseguenza un aumento del tasso d'interesse dell'euro conduce ad un aumento del valore di questa valuta e viceversa. Ciò è dovuto anche al fatto che dei tassi elevati attirano i capitali verso l'acquisto di obbligazioni di stato o aziendali. Poiché questi titoli sono emessi in euro, la domanda per tale moneta aumenta quindi in maniera sensibile. Anche in questo caso, un calo del tasso di sconto della BCE condurrà al contrario ad un calo del valore della valuta euro.

Sul mercato dei cambi ciò si traduce ovviamente in dei cambiamenti sui cross di valute che comprendono l'euro ma è bene essere prudenti prima di prendere posizione in funzione di una modifica del tasso di sconto. Infatti, se la valuta concorrente subisce anch'essa una modifica del tasso di sconto, la tendenza prevista può risultare ridotta o aumentata. Nel caso, per esempio, del cross EUR/USD, bisognerà quindi seguire le notizie relative al tasso di sconto fissato dalla Federal Reserve (FED).

Utilizzare il tasso di sconto della BCE sul Forex

Volete cominciare ad utilizzare il tasso di sconto della BCE nell'ambito delle strategie sul Forex? Raggiungete subito una buona piattaforma di trading e trattate l'euro in diretta sul mercato dei cambi.

Trattate sul Forex in diretta!*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.