Stellantis muove i primi passi sul mercato azionario con un forte incremento di valore

  •   Le 18/01/2021 à 10h36
  •   HARMANT Adeline

E' stato lunedì 18 gennaio 2021 che il nuovo gruppo Stellantis, nato dalla fusione tra la casa automobilistica francese PSA e l'italiana Fiat Chrysler, ha mosso i primi passi sul mercato azionario. Tuttavia, questo primo giorno di quotazione non passerà inosservato, dato che il titolo ha già guadagnato molti punti alla fine della mattinata sulle borse di Parigi e Milano.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500

Una performance storica per i due ex produttori:

Alle 10.30 circa, il titolo Stellantis ha guadagnato il 6,26% ed è stato scambiato alla Borsa di Parigi a 13,32 euro. Anche in Borsa Italiana ha guadagnato il 6,06% con una quotazione di 13,33 euro alla stessa data. Una terza quotazione, questa volta alla Borsa di Wall Street, inizierà martedì, cioè domani.

Prima di lanciare la prima quotazione di questo titolo in Italia, il presidente del consiglio di amministrazione del nuovo gruppo, John Elkann, ha dichiarato: "Una nuova azienda, un nuovo inizio, è una performance storica per tutti noi". Anche l'amministratore delegato Carlos Tavares ha annunciato: "Oggi è un grande giorno, il giorno in cui è nato Stellantis".

 

Promemoria sul matrimonio tra questi due produttori europei:

Lo scorso fine settimana, e più precisamente sabato, è stato ufficializzato il matrimonio tra PSA e FCA, dando vita al nuovo gruppo Stellantis. Quest'ultimo è oggi il quarto gruppo automobilistico al mondo per dimensioni.

Infatti, riunendo i loro 14 diversi marchi automobilistici, le due entità rappresentano oggi quasi il 9% del mercato automobilistico internazionale. Nel 2019 avranno venduto più di 8 milioni di veicoli.

Il contributo di Fiat Chrysler alla nuova società comprende i marchi italiani e americani Abarth, Alfa Romeo; Chrysler, Dodge, Fiat, Fiat, Jeep, Lancia, Maserati e Ram. Da notare che la Ferrari è stata venduta nel 2016 dalla Fiat e quindi non fa più parte del suo portafoglio marchi.

Da parte sua, il gruppo francese PSA ha contribuito a questa nuova entità attraverso il contributo dei suoi marchi francesi Peugeot, Citroën e DS, ma anche del marchio tedesco Opel e del marchio britannico Vauxhall che ha acquistato dal concorrente General Motors nel 2017.

Nell'ambito della fusione tra i due gruppi, gli azionisti del Gruppo PSA hanno ricevuto 1.742 azioni Stellantis per ogni azione posseduta. Da parte loro, gli azionisti del gruppo italiano FCA hanno ricevuto una quota del futuro gruppo per ogni azione da loro posseduta.

Annunciata diversi mesi fa, la fusione tra queste due grandi case automobilistiche era attesa con impazienza dagli investitori, come dimostrano le tabelle di questa mattina. Resta da vedere se l'attuale tendenza al rialzo continuerà.