Che cos'è lo slippage nel trading?

Nell'ambito dell’attività di trading online si sente spesso parlare di slippage. Ma che cosa significa questo termine e cos’è esattamente lo slippage? È quello che proponiamo di scoprire qui nel dettaglio grazie a delle spiegazioni precise su questo termine.  

--- Annuncio ---
Inizia a fare trading!
Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500
Che cos'è lo slippage nel trading?

Lo slippage: definizione e funzionamento.

In primo luogo, lo slippage definisce, nel mondo della finanza, il divario di prezzo tra il momento in cui si passa un ordine e il momento della sua esecuzione. Lo slippage può quindi essere negativo o positivo a seconda della direzione in cui evolve l’attivo tra questi due momenti.

Esiste infatti un leggero scarto tra il momento in cui si passa un ordine di Borsa online e quello in cui viene effettivamente eseguito sul mercato e, durante questo periodo, la quotazione continua ad evolvere. In italiano, questo termine può essere tradotto con “slittamento”, termine che rende più comprensibile la sua definizione.

 

L’effetto dello slippage sul trading

Lo slippage deve essere noto a tutti i trader perché può rappresentare un rischio ed incidere sulle prestazioni realizzate. In effetti, l’esecuzione dell’ordine può avvenire in questo caso ad un prezzo distante dalla quotazione desiderata, il che ovviamente riduce i guadagni. Analogamente, se il mercato è molto volatile, una chiusura lontana dallo stop loss a causa dello slippage può determinare perdite maggiori.

Si noti, tuttavia, che su alcune piattaforme è possibile ridurre tali rischi determinando uno scarto massimo oltre il quale l’ordine non viene eseguito. In questo caso, il trader rischia tuttavia di perdere un'opportunità di trading a causa di tale mancata esecuzione.

Ad ogni modo, sebbene lo slippage rappresenti principalmente un rischio per l’investitore, può anche giocare a suo favore. Infatti, tale differenza di prezzo può verificarsi in senso inverso rispetto alla posizione assunta, aumentando così i profitti o riducendo le perdite. In questo caso si parla di slippage positivo. Tuttavia, è preferibile evitare lo slippage, in quanto viene considerato piuttosto un rischio che non un vantaggio.

 

Come ridurre il rischio di slippage?

Se si vogliono ridurre i rischi legati allo slippage, esistono diversi metodi. In primo luogo, bisogna fare attenzione a scegliere con cura il proprio broker, privilegiandone uno con liquidità sufficiente per una rapida esecuzione degli ordini. Alcuni broker mettono a disposizione degli investitori delle statistiche sull’esecuzione degli ordini che consentono di fare questo raffronto.

Bisogna inoltre tenere d’occhio la volatilità del mercato perché più questa è elevata, tanto maggiore è il rischio di slippage. Allo stesso modo, i gap sono spesso associati a degli slippage importanti e vanno quindi evitati i momenti in cui si formano, come le aperture di mercato. Infine, è necessario anche evitare i momenti in cui vengono rilasciate delle pubblicazioni economiche importanti che spesso comportano una volatilità e dei gap e possono quindi aumentare notevolmente il rischio di slippage.

 

Quale differenza tra lo slippage e lo spread?

Il concetto di slippage ricorda quello di spread che è ben noto a chi specula online. Tuttavia, questi due concetti sono molto diversi l’uno dall’altro. In effetti, ricordiamo innanzitutto che lo spread corrisponde alla differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita di un determinato attivo. Lo spread può essere variabile o fisso a seconda del broker o dell'attivo in questione o del momento della giornata. È attraverso questo piccolo divario di quotazione che il broker si remunera e, in definitiva, è il costo della transazione.

Lo spread presenta tuttavia alcune differenze rispetto allo slippage. In particolare, è noto in anticipo, poiché è visualizzato in tempo reale sulla piattaforma di trading, prima dell'apertura e dell’invio dell'ordine da parte del trader. Lo slippage può essere osservato solo dopo che l’ordine è stato eseguito e non è quindi noto in anticipo.

In definitiva, per conoscere il costo reale di una transazione borsistica online, occorre sommare lo spread e lo slippage che non è noto prima del processo decisionale. Diventa quindi più facile comprendere l'interesse di tener conto del rischio di slippage quando si fa trading online e le differenze che presenta rispetto allo spread.

--- Annuncio ---
Inizia a fare trading!
Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500