Ryanair: perdita annuale record per l'anno fiscale 2020/21

  •   Le 01/06/2021 à 07h19
  •   DEHOUI Lionel

La crisi sanitaria legata alla pandemia di coronavirus continua a imperversare in diversi paesi del mondo. Sta influenzando il buon funzionamento dell'attività economica in diverse aziende. Molte compagnie aeree come Ryanair hanno ceduto a questa crisi. Così, il gruppo ha subito una perdita annuale record per tutto il suo esercizio 2020/21.

Il 67% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con eToro
Ryanair: perdita annuale record per l'anno fiscale 2020/21
Immagine: Flickr

Enorme perdita annuale per l'esercizio 2020/21

Ryanair, la principale compagnia aerea low-cost d'Europa, ha appena avuto il suo anno più difficile da quando esiste. Per il suo anno finanziario 2020/21 (che termina a marzo), il gruppo ha registrato una perdita annuale record di 815 milioni di euro (esclusi gli elementi eccezionali), rispetto a un profitto di oltre 1 miliardo di euro un anno prima.

Tenendo conto delle voci eccezionali e delle perdite sulle posizioni di copertura del carburante, la perdita annuale della società ammonta a 1 miliardo di euro. Inoltre, la compagnia aerea irlandese ha visto il suo fatturato diminuire nel periodo di un anno. Il fatturato della compagnia aerea irlandese è sceso dell'81% a 1,64 miliardi di euro per tutto l'anno.

Infatti, questa grande perdita subita da Ryanair nell'ultimo anno è dovuta principalmente alla crisi sanitaria di Covid-19. Quest'ultimo ha fortemente influenzato l'attività del gruppo durante l'anno 2020/21.

 

Calo del traffico aereo e tagli di posti di lavoro a causa della pandemia

L'epidemia di coronavirus ha portato a un calo del traffico aereo. I divieti o le restrizioni di volo in diversi paesi hanno avuto un impatto significativo sul settore dell'aviazione dall'inizio della pandemia.

Di conseguenza, Ryanair ha visto il suo numero di passeggeri diminuire significativamente nell'anno finanziario 2020/21. Il numero di passeggeri trasportati è sceso da 149 milioni l'anno scorso a 27,5 milioni nell'anno fino alla fine di marzo 2021.

Inoltre, di fronte alle difficoltà della crisi sanitaria, il vettore low-cost ha dovuto prendere misure per ridurre i suoi costi. Come risultato, l'azienda ha tagliato circa 3.000 posti di lavoro. Questo corrisponde a un tasso del 15 % della sua forza lavoro totale.

Oltre a Ryanair, anche altre compagnie aeree sono state colpite dalla crisi economica causata dall'epidemia. Questo è particolarmente vero per la compagnia aerea tedesca Germanwings, il gruppo spagnolo Level e la compagnia aerea britannica Flybe.

 

Sulle previsioni per il prossimo anno finanziario

Il gruppo irlandese Ryanair dice che sta vedendo segni promettenti di ripresa economica. In quest'ottica, ha confermato ancora una volta i suoi obiettivi per l'esercizio 2021/22. Per questo anno fiscale, la compagnia si aspetta che il numero di passeggeri aumenti fino agli anni 80, da un milione a 120 milioni.

Nel periodo aprile-giugno, la compagnia aerea si aspetta di trasportare tra 5 e 6 milioni di passeggeri. D'altra parte, ha ritenuto che non è opportuno fare una previsione di profitto per l'intero anno 2021/22. Tuttavia, essendo prudente, il gruppo punta a un risultato approssimativamente in pareggio per il nuovo anno finanziario.

Questo è subordinato al successo della continuazione del roll-out della vaccinazione nell'Unione Europea.