Ryanair, British Airways e easyJet per denunciare la quarantena imposta in Inghilterra

  •   Le 10/06/2020 à 11h28
  •   DEHOUI Lionel

Quando diventa imperativo realizzare un profitto quando il settore economico riprende, le alleanze si formano rapidamente. È il caso di compagnie aeree come Ryanair, British Airways e easyJet che hanno unito le loro forze per fare una denuncia. È attraverso una lettera congiunta che si sono rivolti al governo britannico per esprimere la loro insoddisfazione. Hanno protestato contro le misure di quarantena che entreranno presto in vigore. Secondo le tre società, queste misure non solo sono sproporzionate, ma anche del tutto ingiustificate. Va ricordato che le regole riguarderanno gran parte dei passeggeri dei voli internazionali con destinazione la Gran Bretagna. Le tre società ritengono che questa disposizione rallenterà la ripresa del settore del trasporto aereo. Sottolineano che quest'ultimo è stato quasi paralizzato dalle misure di contenimento adottate dagli Stati.

Inizia a fare trading su Ryanair
80.5% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Ryanair, British Airways e easyJet per denunciare la quarantena imposta in Inghilterra
Immagine: Flickr

I dettagli e la reazione del trio

Non è più necessario ricordare che il mondo ha dovuto ricorrere a dispositivi di contenimento sicuri per contrastare il nuovo coronavirus. Infatti, secondo il governo britannico, ogni viaggiatore che atterra sulla sua terra dovrà essere isolato per 14 giorni. La presente decisione avrà effetto a partire dall'8 giugno. Durante questo periodo, l'interessato dovrà informare le autorità del suo luogo di residenza.

La lettera delle tre società potrebbe servire come avvertimento e portare ad un procedimento legale. Insieme, le tre società firmatarie della lettera accusano il governo britannico di non giustificare queste misure. Il trio analizza questa decisione e scopre che servirà semplicemente a ridurre in modo significativo il numero totale di passeggeri (in entrata e in uscita dall'Inghilterra). Per il governo del Regno Unito, tutto il suo territorio osserverà questa quarantena.

Nota: il provvedimento prevede anche alcune specificità per quanto riguarda la sua attuazione. Il governo sottolinea che l'applicazione di questo regolamento è di competenza dei dirigenti, che sono autonomi. Ha inoltre chiarito che ciò vale anche per le sanzioni ad esso associate.

 

Gli attori del settore hanno messo da parte

Inoltre, il Direttore Generale del Gruppo IAG ha fornito alcuni dettagli in una dichiarazione ufficiale. IAG è la società madre di British Airways e Willie Walsh ne è l'amministratore delegato. A suo parere, l'industria aerea non è stata coinvolta nel processo che ha portato all'adozione di questo provvedimento. Detto questo, la DG ha osservato che si sta già considerando un rimedio legale.

 

Ryanair davanti a Bruno Le Maire

Va ricordato, tuttavia, che le tensioni tra compagnie aeree e paesi europei non fanno che aumentare. Lunedì giugno, Ryanair ha minacciato di licenziare 27 dipendenti in Francia se il sindacato di maggioranza del settore (SNPNC-FO) non accettasse alcune condizioni. Ryanair ha quindi chiesto al sindacato il suo rapido impegno a optare per i tagli salariali. Queste informazioni sono state divulgate da Stéphane Salmon, un sostenitore del sindacato.

Il sindacalista ha finito per chiamare l'azione della compagnia aerea "ricatto". Il giorno dopo queste dichiarazioni, il ministro dell'Economia francese ha ritenuto che il ricatto non potesse essere utilizzato come soluzione nel contesto attuale. Il Ministro (Bruno le Maire) ha invece esortato le imprese a trovare accordi a lungo termine per preservare i posti di lavoro. Li invita a usare la loro immaginazione per farlo.