Ryanair riprende il 40% dei voli a luglio

  •   Le 15/05/2020 à 10h12
  •   HARMANT Adeline

Il gruppo Ryanair ha annunciato questa mattina che riprenderà il 40% dei voli a partire da luglio e che introdurrà le misure sanitarie necessarie a tal fine, tra cui l'uso di maschere e l'assunzione sistematica della temperatura dei passeggeri e del personale a bordo. Tuttavia, l'azienda non imporrà l'allontanamento sociale. Grazie a queste misure e a questa acquisizione, Ryanair intende operare 1 000 voli al giorno nel 90% degli aeroporti che serve abitualmente.

Inizia a fare trading su Ryanair
80.5% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Ryanair riprende il 40% dei voli a luglio
Immagine: Flickr

Quali misure di sicurezza per i passeggeri?

Come accennato in precedenza e come specificato nel comunicato stampa del gruppo, questo piano di ripresa è subordinato all'eliminazione da parte dei governi delle restrizioni sui voli intraeuropei e all'attuazione di misure sanitarie all'interno degli aeroporti. Di conseguenza, Ryanair ha annunciato diverse importanti decisioni volte a garantire la sicurezza sanitaria dei suoi passeggeri e del suo personale.

Tra queste misure vi sono la presa della temperatura dei passeggeri sia in entrata che in uscita dall'aeroporto, l'obbligo di indossare maschere prima e durante il volo e l'obbligo di indossare una maschera prima e durante il volo.una raccomandazione per il check-in online, per scaricare la carta d'imbarco sul cellulare o per dare la preferenza al bagaglio a mano. Ryanair spiega di aver trovato la sua ispirazione in Asia, dove ritiene che queste misure, e in particolare le misure di misurazione della temperatura e l'uso di maschere, abbiano dimostrato il loro valore sui voli a corto raggio.

 

Una ripresa necessaria per la compagnia aerea e il suo settore:

Dopo quattro mesi di sospensione dell'attività, l'Europa deve rilanciare il settore il più presto possibile con, ove possibile, l'allontanamento sociale in aeroporto o a bordo degli aerei raccomandati. I servizi di bordo saranno naturalmente rivisti anche con l'acquisto di bevande e snack solo con carta di credito. Sarà inoltre vietato fare la fila per i servizi igienici.

L'amministratore delegato di Ryanair ha anche detto: "È ora che l'Europa torni a volare, in modo da poterci riunire con amici e familiari, far tornare le persone al lavoro e rilanciare il settore del turismo, che offre milioni di posti di lavoro.»

Tuttavia, ci vorrà ancora qualche anno prima che il traffico aereo torni a livelli normali. Tuttavia, la ripresa è vitale, soprattutto in questo periodo estivo, per preservare il flusso di cassa rimanente di queste aziende e non minacciare più la loro sopravvivenza. Va ricordato che Ryanair aveva annunciato a maggio che avrebbe tagliato 3.000 posti di lavoro per sopravvivere alla pandemia.

Questo è stato anche il caso di diversi suoi concorrenti nel Regno Unito che hanno annunciato licenziamenti come British Airways e Virgin Atlantic. Il gruppo aveva anche indicato che non si aspettava un ritorno alla normalità fino a dopo l'estate del 2020 con un programma di voli equivalente a quello in vigore prima della crisi, cioè nel 2019.