Comprendere e analizzare lo Swiss Market Index o SMI

Ultimi notizie

Svizzera: in attesa della più grande recessione economica dal 1975

18/06/2020 - 13h42

Come i numerosi Paesi europei che avevano già annunciato e sperimentato un calo dell'attività economica, anche la Svizzera registrerà quest'anno il suo maggiore calo. Questo è ciò che la SECO prevede.

I nostri consigli per fare trading sul SMI (Swiss Market Index)

Suggerimento n. 1

Bisogna ovviamente seguire la salute economica della Svizzera analizzando le pubblicazioni importanti come il PIL, la bilancia commerciale, le vendite al dettaglio e gli indici di fiducia.

Suggerimento n. 2

È inoltre necessario seguire con attenzione le notizie di attualità e i risultati finanziari delle 20 imprese quotate su di esso assegnandogli un’importanza proporzionale al peso di ciascuna di esse nell’indice.

Suggerimento n. 3

Le decisioni del governo svizzero in ambito economico e normativo hanno ovviamente un’influenza diretta o indiretta su questo indice.

Suggerimento n. 4

Infine, bisogna tenere d’occhio il mercato dei cambi e il valore del franco svizzero rispetto alle altre principali valute del mercato, fattori che determinano la competitività del paese.

Inizia a fare trading sullo SMI!
80.5% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
Se hai intenzione di investire in Borsa su delle azioni svizzere devi ovviamente conoscere l’indice borsistico di riferimento di questo mercato ovvero lo SMI, Swiss Market Index. Questo indice borsistico è infatti un indice del mercato azionario svizzero che raggruppa i 20 valori principali di questo mercato, anche detti “blue chips”. Di norma sono questi i valori su cui è possibile fare trading online nelle piattaforme di trading di CFD o che è possibile aggiungere al proprio portafoglio in Borsa. In questo articolo proponiamo di approfondire le informazioni su questo indice illustrando il modo in cui viene quotato, come analizzarlo e quali imprese lo compongono.  

 

Cos’è lo SMI, Swiss Market Index?

Prendiamoci un attimo per comprendere cosa sia lo SMI, Swiss Market Index, e come funziona. Lo SMI è l’indice di riferimento del mercato borsistico svizzero ed è ovviamente l’indice più importante di questo paese. L’indice, da non confondere con il similare SMI 20, è composto dalle 20 imprese le cui performance e la cui liquidità sono le più elevate, imprese che hanno delle medie o grandi capitalizzazioni.

Come la maggior parte degli indici di prezzi, lo SMI non è un indice di dividendo ma un indice di performance che tiene conto in parte di tali distribuzioni. L’indice è stato creato nel 1988 con un valore di riferimento di 1.500 punti. Per quanto riguarda la sua composizione, questa viene rivalutata ogni anno.

La quotazione dell’indice SMI avviene in tempo reale quindi ad ogni nuova operazione la quotazione dell’indice viene automaticamente aggiornata in seguito a un calcolo in tempo reale.

Le azioni che integrano l’indice SMI rappresentano attualmente l’80% dell’insieme delle capitalizzazioni borsistiche svizzere e raccolgono inoltre più del 90% delle transazioni di tutte le azioni svizzere nonché quelle del Liechtenstein che vengono anch’esse quotate sulla piatta finanziaria del SIX, Swiss Exchange.

Le performance annuali dello Swiss Market Index si sono avvicinate a quelle del Dow Jonesdel DAX 30del CAC 40 e dell’FTSE 100 dato che da una quindicina di anni i grandi mercati borsistici sono sempre più dipendenti gli uni dagli altri.

Per via del suo ruolo di rappresentante dell’insieme del mercato azionario svizzero, l’indice SMI viene anche utilizzato come indice sottostante di numerosi strumenti derivati finanziari come opzioni, contratti a termine e fondi indicizzati quali gli ETF.

 

Come è composto l’indice SMI?

L’indice di riferimento svizzero SMI viene calcolato tramite la ponderazione semplice della capitalizzazione flottante dei valori divisa per un divisore. La capitalizzazione flottante corrisponde alla capitalizzazione totale delle azioni iscritte.

L’indice SMI copre la maggior parte della capitalizzazione borsistica svizzera totale e le tre più grandi capitalizzazioni del mercato SIX, ovvero Nestlé nel settore alimentare, Novartis e Roche nel settore sanitario, rappresentano da sole oltre il 77% dell’indice. Si può quindi comprendere che la preponderanza di queste imprese rispetto al resto delle società quotate su questo indice ponga dei problemi perché di conseguenza lo SMI non riflette veramente l’insieme delle capitalizzazioni di questo mercato ma è al contrario fortemente influenzato da poche entità. Per rispondere a questo problema, nel 2017 il SIX Swiss Exchange ha deciso di modificare il sistema di ponderazione dell’indice facendo in modo che nessuna impresa possa avere un peso superiore al 18% dell’indice.

L’indice SMI viene rivisto annualmente in funzione delle performance delle imprese del mercato ma può succedere che degli eventi eccezionali portino alla revisione della sua composizione nel corso dell’anno, in particolare in seguito a delle grosse acquisizioni o a degli acquisti di imprese da parte di società straniere.

Per quanto riguarda i criteri che devono soddisfare le imprese per entrare nella composizione dell’indice SMI, bisogna tener conto del fatto che è necessario che rispondano a dei requisiti esigenti in materia di liquidità e di capitalizzazione borsistica. Per prima cosa, le imprese devono avere una capitalizzazione che rappresenti almeno il 50% della liquidità media delle emissioni dei componenti SPI e devono avere una capitalizzazione minima variabile pari allo 0,45% o più dell’intera capitalizzazione SPI. Da notare inoltre che il volume di transazioni e la capitalizzazione sono dei fattori determinanti nella classificazione, che cambia ogni trimestre, delle imprese di questo indice. La revisione dell’indice viene effettuata ogni anno il terzo venerdì di settembre.

Va inoltre segnalato che un tempo lo SMI includeva 25 valori contro i 20 di oggi. A settembre 2007 lo Swiss Exchange ha deciso di ritirare dalla propria quotazione alcune imprese, Ciba Specialty Chemicals, Lonza Group, Givaudan, SGS e una delle due categorie di azioni di Swatch Group, lasciando quindi solo 20 titoli nell’indice.

 

Spiegazioni circa il plafond nella ponderazione dell’indice SMI

Come rapidamente accennato in precedenza, il sistema di ponderazione dell’indice SMI è stato modificato nel 2017. Il SIX Swiss Exchange ha deciso di cambiare le regole di calcolo dell’indice SMI introducendo un sistema di ponderazione con plafond in considerazione del fatto che le tre più grandi imprese dell’indice, Nestlé, Roche e Novartis, rappresentavano all’epoca oltre il 70% del valore dell’indice stesso. A partire dalla data di questa modifica, il peso delle imprese che compongono l’indice non può superare la soglia del 18%.

La rivalutazione del peso di ciascuna delle imprese per evitare che superino il 18% e della loro classificazione nello SMI avviene di norma ogni trimestre. Quando il peso di una delle imprese quotate supera il 20% nel corso di un trimestre (ciò che viene chiamato “rottura intra-trimestrale), il suo peso viene automaticamente ricondotto al 18% senza dover attendere la successiva revisione.

Per rendere meno brutale tale passaggio, è previsto un periodo di transizione iniziale nel corso del quale del quale i cambiamenti vengono applicati progressivamente per step non superiori al 3% a trimestre. Da notare che in parallelo è stato creato l’indice SPI 20 per continuare a indicizzare le 20 imprese dello SMI senza utilizzare il plafond.

 

Qual è la composizione attuale dell’indice borsistico SMI:

Ad oggi, maggio 2020, l’indice SMI è composto dalle 20 seguenti imprese:

Ovviamente, questa composizione è suscettibile di cambiare nel tempo a seconda delle revisioni apportate ogni anno.

Domande frequenti

A quale piazza finanziaria è associato l’indice SMI?

L’indice SMI, Swiss Market Index, è ovviamente associato al mercato borsistico svizzero e, per la precisione, tiene conto delle quotazioni delle azioni delle società quotate sul SIX Swiss Exchange. Il SIX è attualmente la principale piazza finanziaria del paese sulla quale vengono quotate tutte le azioni delle imprese svizzere. L’altro indice della Borsa svizzera è l’indice SPI.

Come e dove fare trading sulla quotazione dell’indice SMI?

È possibile speculare sul rialzo o sul ribasso della quotazione dell’indice SMI utilizzando dei contratti specifici, il particolare i CFD, contratti per differenza. Questi contratti, proposti dalle piattaforme di trading messe online da dei broker, consistono nello scommettere sulla direzione in cui evolverà la tendenza di un attivo. Il guadagno o la perdita è la differenza tra la quotazione di apertura e quella di chiusura della posizione presa dal trader.

Quali sono gli altri indici borsistici simili allo SMI?

Gli altri indici borsistici somiglianti allo SMI sono ovviamente gli indici borsistici rappresentativi degli altri paesi come l’indice italiano FTSE MIB, l’indice tedesco DAX 30, l’indice britannico FTSE 100 e l’indice statunitense Dow Jones. In effetti, esistono tanti indici di questo tipo quante sono le economie nel mondo. Nella maggior parte dei casi, questi indici borsistici danno conto dei migliori valori di una piazza finanziaria e funzionano sulla base di un calcolo ponderato sulla base della capitalizzazione borsistica.

Cominciare a speculare sullo SMI, Swiss Market Index

Che tu intenda fare trading sulla quotazione dell’indice SMI stesso o su uno dei valori che lo compongono, hai la possibilità di farlo subito semplicemente iscrivendoti ad una piattaforma di CFD online.

Inizia a fare trading sullo SMI!
80.5% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.