Quotazione delle azioni della Borsa Italiana in tempo reale

Valutazione: 4.21 24 voti
 

Al giorno d'oggi, grazie ai CFD proposti dai mediatori online, è possibile investire su molte azioni di Borsa europee, tra cui i titoli della Borsa Italiana. Trovate qui alcune informazioni pratiche sulla quotazione delle azioni italiane e sul modo di consultarle in tempo reale.  

 

Le azioni della Borsa Italiana

La Borsa Italiana raggruppa un centinaio di titoli delle più grandi società d'Italia in funzione della loro capitalizzazione borsistica e una parte di esse integra il calcolo dell'indice borsistico FTSE MIB.

Anche se non tutte le quotazioni di tali azioni vi interesseranno direttamente,,parecchi corsi vi saranno utili se progettate di ottenere dei profitti speculando sulle azioni più popolari o sull'indice borsistico FTSE MIB.

 

L’FTSE MIB nel dettaglio

Sebbene la denominazione FTSE MIB somigli molto a quella del Footsie,  ovvero l'indice della Borsa di Londra chiamato "FTSE", si tratta in realtà del principale indice italiano. É nel 2009 che la vecchia denominazione "S&P MIB" è stata sostituita dal nuovo nome.

La quotazione dell’FTSE MIB viene calcolata a partire dalle capitalizzazioni delle 40 società meglio quotate in Borsa sul piano nazionale.

 

Storico della quotazione dell'indice della Borsa di Milano

L’FTSE MIB è stato quotato per la prima volta nel 2005 al valore di 33.073 punti ed ha seguito una tendenza al rialzo fino al 2007 quando ha raggiunto il suo massimo a 44.360 punti.

Nel marzo del 2009 l'indice italiano tocca il suo minimo storico a 12.895 punti.

In seguito a questo periodo, il corso del FTSE MIB riprende progressivamente alcuni punti persi arrivando in alcuni momenti ad alzarsi al di sopra dei 20.000 punti. Questa fase di esitazione continua fino a dicembre 2012.

È infatti all’inizio del 2013 che il corso dell’indice italiano avvia una nuova tendenza generale rialzista. Questa tendenza molto volatile gli permetterà di superare la barra dei 20.000 punti, livello psicologicamente importante, a maggio 2015.

Per quanto riguarda le possibilità di evoluzione future dell’indice FTSE MIB, le previsioni degli analisti rimangono ottimiste nel complesso ma potrebbe presentarsi un momentaneo arretramento dovuto al raggiungimento della resistenza tecnica dei 20.000 punti.

Per i trader a più breve termine, si osservano su questo attivo anche dei micromovimenti frequenti e molto volatili.

 

Dove consultare la quotazione delle azioni della Borsa italiana in tempo reale?

La grande maggioranza delle piattaforme di trading online permette di consultare in tempo reale, tramite la propria interfaccia, la quotazione delle azioni della Borsa Italiana. Ci si potrà quindi accedere in diretta con una semplice iscrizione.

Anche altri siti riportano tali quotazioni in tempo reale senza bisogno di iscriversi e permettono quindi di realizzare delle analisi tecniche a partire dai grafici borsistici.

 

Trattare il FTSE MIB con i CFD

Per effettuare un buon trading sul FTSE MIB bisognerà, come avrete capito, utilizzare i CFD. Ma per anticipare in maniera efficace i futuri movimenti di questo indice, dovrete tener conto dei seguenti indicatori:

  • La salute dell’economia italiana
  • I risultati dei settori più rappresentati
  • Le note attribuite dalle agenzie di rating
  • I tassi di interesse dei prestiti italiani
  • Le condizioni generali del mercato (crisi, periodi di crescita...)

Queste informazioni dovranno essere abbinate alle analisi tecniche dei valori.

Trattate l’indice italiano online

I mediatori online offrono la possibilità di speculare al rialzo o al ribasso sulla quotazione dell’indice della Borsa di Milano. Iscrivetevi subito e prendete posizione sul FTSE MIB da una piattaforma di trading.

Trattate sulla Borsa italiana!*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.