Proposta di acquisizione di Alexion: AstraZeneca fa marcia indietro sul mercato azionario

  •   Le 18/12/2020 à 08h40
  •   DEHOUI Lionel

AstraZeneca è precipitata quasi al 5% il lunedì mattina a Londra. Gli investitori hanno infatti reagito male al suo annuncio sulla proposta di acquisizione del laboratorio americano Alexion Pharmaceuticals. Questa acquisizione è una delle più importanti concluse nel 2020.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Proposta di acquisizione di Alexion: AstraZeneca fa marcia indietro sul mercato azionario
Immagine: Gwan Kho - Flickr

Un progetto troppo prétenzioso?

Secondo Pascal Soriot, CEO di AstraZeneca, l'acquisizione di Alexion permetterà al gruppo di aumentare il suo sviluppo nel campo delle malattie rare e dell'immunologia. L'accordo sarebbe stato concluso dopo discussioni esclusive sull'argomento.

Inoltre, l'acquisizione è stata una delle più grandi acquisizioni effettuate quest'anno. A 39 miliardi di dollari, gli investitori hanno ritenuto che il prezzo fosse troppo alto. Di conseguenza, hanno deciso di sanzionare il gruppo. Di conseguenza, lunedì, alle 10.00GMT, le azioni AstraZeneca hanno già perso il 4,95% a 7.760 pence.

Si tratta di uno dei maggiori cali registrati dall'indice europeo Stoxx 600, che è aumentato dello 0,88%. Inoltre, il calo della capitalizzazione di mercato di AstraZeneca è stato di circa 5,52 miliardi di sterline.

Attualmente il valore di mercato del gruppo farmaceutico è diminuito di quasi il 23% rispetto al forte incremento di luglio. Questo declino è giustificato dai progressi dei suoi concorrenti, Moderna e Pfizer, nello sviluppo dei vaccini Covid.

 

Le diverse opinioni su questa acquisizione

Gli analisti del Credit Suisse hanno ritenuto che il prezzo di acquisto annunciato da AstraZeneca sembra ragionevole. D'altro canto, temono che altri candidati possano essere interessati all'azienda biotecnologica e aumentare l'offerta.

I broker Liberum e Cowen, da parte loro, hanno trovato rispettivamente il prezzo di acquisto "pesante" e "considerevole". Tuttavia, essi riconoscono e sottolineano il peso del patrimonio di Alexion.

Per il CEO di AstraZeneca, Pascal Soriot, Alexion ha dato prova di essere leader nel campo della biologia immunitaria. In effetti, il laboratorio ha apportato miglioramenti significativi ai pazienti affetti da malattie rare. Inoltre, per finanziare questa importante operazione, il gruppo beneficerà di un prestito di 17,5 miliardi di euro concesso da diverse banche americane.

 

Un accordo tempestivo

Già da tempo Alexion era nel mirino di diversi potenziali acquirenti. In effetti, il suo prezzo delle azioni è sceso solo a più di 200 dollari dal suo picco nel 2015. Per una buona ragione, gli investitori si chiedevano se la società sarebbe stata in grado di trovare i fondi necessari per rinnovare il proprio portafoglio di trattamenti.

Nel frattempo, il fondo Eliot Management, che è uno degli azionisti di Alexion, aveva proposto ad Alexion di cercare un acquirente. Il Consiglio di Amministrazione aveva ritenuto inopportuno un buyout e aveva quindi respinto la proposta. Alla fine è stata AstraZeneca a prendere in mano la situazione, investendo una grande fortuna in questa operazione.

Come promemoria, il laboratorio britannico è uno dei protagonisti della ricerca di un vaccino contro Covid-19. Il suo vaccino è stato uno dei primi ad essere convalidato prima che venissero sollevati dubbi e critiche sulla sua efficacia.