Il profitto di Uber diminuisce ma il suo prezzo delle azioni aumenta

  •   Le 11/05/2020 à 11h14
  •   HARMANT Adeline

Lo scorso fine settimana, il Gruppo Uber ha pubblicato i risultati del primo trimestre del 2020 con una perdita netta di 2,94 miliardi di dollari, pari a 7,1 dollari per azione. Tale perdita è dovuta in gran parte ad una svalutazione di 2,1 miliardi di dollari a seguito di acquisizioni in Asia come la società cinese Didi e la società di Singapore Grab. Nel 2019, Uber ha registrato una perdita di 1,01 miliardi di dollari per lo stesso periodo.

Inizia a fare trading su Uber!
80.5% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Altri dati interessanti e un aumento del prezzo del titolo Uber:

Sempre nell'ambito di questa pubblicazione dei risultati, apprendiamo che le vendite di Uber sono aumentate del 14% per questo primo trimestre, pari a 3,54 miliardi di dollari in totale. Tuttavia, questo risultato è inferiore alle aspettative degli analisti.

Nonostante questi risultati negativi, il prezzo dell'azione Uber ha continuato a salire del 6% durante la sessione di trading di venerdì, chiudendo a 32,76 dollari. Va ricordato che il giorno prima il titolo aveva guadagnato l'11,2% a seguito della pubblicazione dei risultati di Lyft, suo diretto concorrente. Tale incremento si spiega in gran parte con un'anticipazione positiva della ripresa del settore VTC con l'avanzare del deconfinamento.

 

Uber sta mostrando segni reali di ripresa:

E' chiaro che la pandemia di Covid-19 ha avuto un impatto sul settore VTC con un significativo calo del numero di gare -80% in aprile. Tuttavia, il gruppo ha visto una recente ripresa in alcune delle principali città statunitensi.

Uber sta anche beneficiando del suo business dei pasti su ruote, Uber Eats, che ha registrato un aumento del 52% delle prenotazioni e dei guadagni del primo trimestre di 4,7 miliardi di dollari. Il fatturato di questa filiale ha così guadagnato il 50% e si attesta a 819 milioni di dollari in questo periodo contro i soli 536 milioni dell'anno scorso.

Il gruppo sostiene di aver gestito bene questa crisi aumentando le risorse di Uber Eats e si sta preparando a tutti i possibili scenari di ripresa.

 

Il concorrente di Uber, Lyft, mostra risultati ottimistici:

Dal canto suo, il maggiore concorrente di Uber, Lyft, sta registrando un fatturato superiore a 1 miliardo di dollari dopo una riduzione del personale. Di conseguenza, le perdite del gruppo sono scese a 398,1 milioni di euro rispetto a 1,14 miliardi di euro nel 2019.

Il gruppo ha inoltre indicato che entro il quarto trimestre del 2020 ridurrà i costi annuali di 300 milioni di dollari per far fronte alla crisi attuale. Va notato che a fine marzo Lyft deteneva 2,7 miliardi di dollari in contanti.

Si ricorderà anche che Lyft e Uber sono stati oggetto di una nuova denuncia in California la scorsa settimana e tre città di questo stato desiderano che i conducenti della VTC siano d'ora in poi considerati come dipendenti e non più come semplici lavoratori indipendenti.