Le previsioni della BCE per il 2021 sono state mantenute nonostante le misure restrittive

  •   Le 14/01/2021 à 13h07
  •   DEHOUI Lionel

L'economia dell'area dell'euro è stata scossa l'anno scorso dalla crisi sanitaria legata alla pandemia di coronavirus. Con l'obiettivo di consentire all'economia europea di tornare a una migliore crescita, la BCE ha elaborato nuove previsioni per il 2021. Mentre queste proiezioni potrebbero essere minacciate dalla recrudescenza dell'epidemia, Christine Lagarde ha annunciato mercoledì che gli obiettivi dell'istituzione per quest'anno saranno mantenuti.

Le previsioni della BCE per il 2021 sono state mantenute nonostante le misure restrittive

Un auspicato rimbalzo dell'economia europea quest'anno

Nel 2020, la pandemia di coronavirus ha perturbato in larga misura le attività economiche in Europa. Questo ha portato a un tuffo nell'economia della zona euro. Per quest'anno si prevede una ripresa dell'economia europea. Questo è quanto emerge dalle ultime previsioni della Banca Centrale Europea (BCE).

Lo scorso 10 dicembre, le proiezioni dell'istituzione per l'anno 2021 prevedevano una crescita del PIL della zona euro del 3,9%. Nel presentare le sue nuove previsioni, la BCE aveva accennato al fatto che si presumeva che avrebbero raggiunto livelli sufficienti di immunità collettiva prima della fine di quest'anno.

Tuttavia, la realizzazione effettiva di queste previsioni non è ancora certa. La recrudescenza della pandemia in Europa ha portato a una recrudescenza di casi di infezione in diversi paesi. Per far fronte a questa situazione, questi paesi hanno dovuto inasprire le misure restrittive messe in atto.

Inoltre, la campagna di vaccinazione è stata lenta in alcuni paesi europei. Pertanto, questi vari eventi rischiano di compromettere gli obiettivi della Banca centrale europea. Nonostante ciò, l'istituzione mantiene comunque le sue previsioni come precedentemente annunciato. Questo è quanto ha detto mercoledì Christine Lagarde, presidente della BCE.

 

Le condizioni necessarie per realizzare le previsioni della BCE

Riferendosi al mantenimento delle previsioni della BCE, nonostante la situazione sanitaria, Christine Lagarde non ha mancato di specificare le condizioni necessarie a tal fine. Secondo lei, infatti, un rimbalzo dell'economia europea nel 2021 è condizionato dall'abolizione delle misure restrittive volte a contenere la pandemia di Covid 19 entro la fine di marzo.

Inoltre, il presidente della BCE ha affermato che l'accelerazione della distribuzione dei vaccini potrebbe contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell'istituzione per il 2021. Inoltre, la signora Lagarde rimane ottimista sul fatto che le previsioni della banca saranno rispettate, nonostante lo stato attuale della pandemia in Europa.

Infatti, durante la conferenza tenuta alla Reuters, Christine Lagarde ha ritenuto che le nuove proiezioni fatte lo scorso dicembre siano ancora molto chiaramente plausibili. Ha inoltre sottolineato che le previsioni sono state elaborate sulla base di misure di contenimento fino alla fine del primo trimestre del 2021.

 

La BCE non esclude i fattori di rischio

Se da un lato ci sono grandi speranze sulla possibilità che le previsioni della BCE si avverino, dall'altro ci sono anche fattori di rischio da tenere in considerazione. A questo proposito, Christine Lagarde ha ricordato che il fatto che l'inizio delle campagne di vaccinazione sia stato laborioso è un fattore di rischio da tenere d'occhio con interesse.

Inoltre, ha spiegato che un altro motivo di preoccupazione sarebbe il fatto che gli Stati membri dell'UE hanno ancora espresso la necessità di adottare misure di contenimento dopo la fine di marzo. A questo, il Presidente della BCE ha aggiunto la possibilità che i programmi di vaccinazione avanzata possano essere rallentati.