Industria petrolifera statunitense: Pioneer acquisisce il concorrente DoublePoint Energy

  •   Le 06/04/2021 à 07h29
  •   DEHOUI Lionel

Un forte rimbalzo dei prezzi del greggio è atteso nei prossimi mesi nel settore petrolifero statunitense. Questo dovrebbe essere aiutato dalle numerose fusioni e acquisizioni concluse recentemente da diverse aziende del settore. Quella che ha attirato l'attenzione negli ultimi giorni è l'acquisizione di DoublePoint Energy da parte del suo concorrente Pioneer Natural Resources.

Industria petrolifera statunitense: Pioneer acquisisce il concorrente DoublePoint Energy

I dettagli della transazione

Il gruppo americano Pioneer Natural Resources ha finalmente deciso di comprare il suo concorrente DoublePoint Energy. Le due società hanno negoziato per qualche tempo e hanno raggiunto un accordo per completare la transazione. L'importo totale della transazione è stimato in circa 6,4 miliardi di dollari, o 5,43 miliardi di euro.

La transazione sarà effettuata in azioni e contanti. Va anche notato che l'acquisizione di DoublePoint Energy da parte di Pioneer è il più grande acquisto da parte di un produttore privato di petrolio degli Stati Uniti in circa 10 anni. Bisogna tornare al 2011 per trovare un accordo di questa portata.

Il produttore di petrolio e gas di scisto Pioneer Natural Resources prevede di chiudere l ' affare entro giugno 2021

 

Gli obiettivi di Pioneer attraverso questa acquisizione

Con l'acquisizione della rivale DoublePoint Energy, il gruppo petrolifero statunitense Pioneer continua il suo piano di acquisizione in corso da tempo. Come promemoria, la società aveva annunciato l'acquisizione di Parsley Energy lo scorso gennaio. All'epoca, l'importo della transazione era stimato in 4,5 miliardi di dollari.

Inoltre, la transazione è stata fatta interamente in azioni. Inoltre, Pioneer Natural Resources ha obiettivi molto specifici nell'acquisizione del suo concorrente DoublePoint Energy. Infatti, attraverso questa acquisizione, il gruppo prevede di far crescere i suoi guadagni e il flusso di cassa per azione.

Questo obiettivo dovrebbe essere raggiunto a partire da quest'anno. Inoltre, questa acquisizione dovrebbe permettere al produttore di petrolio e gas di scisto di rafforzare la sua presenza nel bacino di Permian. Questo è il campo petrolifero più promettente degli Stati Uniti. Così, la presenza del gruppo in questo bacino dovrebbe estendersi a più di 4.000 km2.

 

Crescita di M&A nel settore petrolifero statunitense

La transazione tra Pioneer e DoublePoint Energy espande la lista delle fusioni e acquisizioni nel settore petrolifero statunitense. Infatti, negli ultimi mesi, c'è stato un aumento delle fusioni e delle acquisizioni in questo settore. Questi permetteranno in particolare un rimbalzo dei prezzi del greggio. Bisogna ricordare che il prezzo del greggio era sceso bruscamente a causa dell'impatto negativo della crisi sanitaria sul settore.

Infatti, molte operazioni di fusione e acquisizione sono state finalizzate negli ultimi mesi. È il caso di ConocoPhillips, che ha acquisito Concho Resources lo scorso gennaio. L'importo della transazione è stato stimato in circa 9,7 miliardi di dollari. Notiamo anche l'acquisizione di WPX Energy da parte di Devon Energy.

Anche questo accordo è stato completato nel gennaio 2021 per 5,8 miliardi di dollari. Inoltre, nel 2020, Chevron Corp ha completato l'acquisizione di Noble Energy. L'affare si è chiuso per circa 12,1 miliardi di dollari. È stato fatto in equity e debito.