La piattaforma Metatrader

Quando vi apprestate ad iniziare a trattare sul Forex, dovete in un primo tempo scegliere il broker attraverso il quale opererete. Ora, uno degli elementi più importanti da tenere in conto in occasione di questa scelta è la qualità della piattaforma di trading che il mediatore propone. Anche se alcuni broker propongono delle piattaforme proprietarie, altri utilizzano delle soluzioni dette “open source” e già molto popolari sui mercati finanziari per via dei loro numerosi vantaggi. È il caso della piattaforma di trading Metatrader, disponibile in varie versioni tra cui la versione mobile. Ecco quindi una presentazione completa di questa soluzione tecnica innovativa e in evoluzione.  

Cominciare a trattare con Metatrader
La piattaforma Metatrader
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 69.45% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.
Valutazione: 4.46 13 voti

 

Metatrader in breve

La piattaforma di trading Metatrader è stata sviluppata nel 2002 dalla società russa MetaQuotes Software ed è finalizzata specificamente al trading sul mercato dei cambi anche se alcuni broker permettono di speculare su altri tipi di attivi finanziari attraverso i CFD

L’esperienza di questa società russa in materia di sviluppo informatico deve essere sottolineata visto che in precedenza questa società è stata all’origine della piattaforma FX Charts ancora disponibile presso alcuni mediatori e che era anch’essa dedicata al trading Forex. 

Dalla creazione della prima versione di Metatrader nel 2002 le cose si sono molto evolute soprattutto grazie alla partecipazione di numerosi appassionati. Grazie all’utilizzo di un linguaggio particolare, il MQL II, infatti, Metatrader si è evoluta nel quotazione del tempo e propone ormai 5 versioni diverse.

 

I vantaggi della piattaforma di trading Metatrader

Gli atout della piattaforma di trading Metatrader rispetto alle altre piattaforme di trading meno complesse sono numerosi. Ecco un riassunto completo:

  • Diverse versioni per una maggiore mobilità: nessun problema di compatibilità con Metatrader visto che la piattaforma include delle versioni specifiche per Mac e PC ma propone anche delle versioni per Smartphones indipendentemente dal sistema operativo.
  • Una versione Multiterminal di Metatrader si rivolge in particolare ai grandi investitori che gestiscono numerosi portafogli contemporaneamente. Grazie a questa soluzione, questi ultimi possono infatti consultare più rapidamente e simultaneamente diversi conti. Con l’ultima versione della piattaforma, questa soluzione integra il trading automatico.
  • Infine, l’adattabilità e le possibilità di evoluzione di Metatrader seducono più di tutto gli investitori privati. Tutte le funzionalità di Metatrader, infatti, sono integralmente modificabili e personalizzabili avendo delle conoscenze in materia di linguaggio tecnico informatico. Inoltre questa piattaforma e le sue opzioni di default si evolvono in continuo nel tempo grazie ai numerosi contributori che ne costituiscono la comunità.

 

Perché il linguaggio MQL4 è particolarmente adattato a Metatrader

Semplicemente perché l’editor MetaEditor permette all’utente che possiede delle buone conoscenze di programmazione di editare lui stesso i suoi programmi e le sue funzionalità in funzione delle sue esigenze e delle strategie che desidera applicare. Questo editor è incluso nel software Metatrader, il che lo rende disponibile con un solo download (quello della piattaforma Metatrader). Viene fornito ovviamente con un manuale d’uso e un supporto on line che permette ai programmatori meno esperti di utilizzare al meglio il potenziale di MQL4.

In definitiva il linguaggio MQL4 è specificamente adattato alla piattaforma di trading Metatrader. Inoltre numerosi programmatori appassionati continuano a contribuire ogni giorno alla creazione di nuovi programmi e quindi di nuove funzionalità estremamente pratiche per uno stile di trading completamente personalizzato.

 

Metaeditor con Metatrader

MetaEditor è in qualche modo un editor di testo incluso nella piattaforma Metatrader. Permette di creare dei programmi utilizzando il linguaggio MQL che è specifico di questo software di trading. Questo editor, unico nel suo genere, risponde perfettamente ai criteri della programmazione sotto Metatrader.

Prima di entrare più nel dettaglio di questo editor, è importante sottolineare che la piattaforma Metatrader definisce per default i vari tipi di programma in funzione della loro collocazione nelle directory. Un file che si trovi nella directory “experts” verrà perciò denominato EA e “indicatore” un file collocato nella directory “indicators”.

È aprendo MetaEditor che si può verificare questa struttura complessa delle directory. In questa directory si trovano diversi livelli la cui radice è la directory “experts”. Gli altri sono i seguenti:

  • Gli experts: sono gli EA come per esempio il MACD Sample
  • Gli indicators raggruppano tutti gli indicatori
  • La directory “scripts” raggruppa gli scripts
  • La directory “include” comprende tutti i files includes
  • Infine la directory “libraries” contiene tutti i file dll

Tra i file generati da MetaEditor si trovano: dei file MQ che contengono il codice sorgente e vengono creati direttamente tramite Metaeditor l’editor di Metatrader, dei file EX, che corrispondono ai file eseguibili e che provengono dalla compilazione dei file MQ, e dei file MQH che corrispondono ai file “Include”. Questi ultimi comportano i prototipi di funzione importati oltre alle dichiarazioni di variabili e le costanti comuni. Sono in realtà parti di codice di uno dei file MQL.

Quando si vuole modificare un programma bisogna preventivamente modificare il codice sorgente e ricompilarlo in seguito. Segnaliamo inoltre che i file EX contengono delle compilazioni di file MQ oltre a delle compilazioni di file MQH associati ai file MQL.

Per creare un programma per mezzo di MetaEditor basta consultare la guida per l’utente. Questa guida sfortunatamente è disponibile solo in inglese e si apre in maniera automatica quando si apre un file radice di Metatrader che contiene MetaEditor.

Quando si apre MetaEditor, si aprono 3 differenti finestre: la finestra principale, che serve ad editare il codice sorgente, un navigatore, che permette di navigare nelle directory e nel dizionario del linguaggio MQL, ed infine uno spazio di servizio, che funge anche da finestra di visualizzazione dei risultati. È in quest’ultima finestra che si trovano le funzioni MQL e i rapporti di compilazione del codice sorgente.

 

Fare un backtest con Metatrader

Viene chiamato Backtest l’azione di testare quali sarebbero stati i risultati di una strategia applicata ad un periodo di tempo passato. Si tratta quindi di realizzare automaticamente una simulazione di trading con l’aiuto di dati precedenti. Questo tipo di operazione può rivelarsi molto utile quando si esordisce nel mondo del Forex.

Per realizzare un buon backtest bisogna tuttavia fare attenzione a che le condizioni siano il più vicino possibile alla realtà. In pratica, gli intervalli di tempo tra ogni dato devono essere ridotti al massimo e il costo della transazione deve essere calcolato come in occasione di un trade reale, tenendo conto degli spread e delle eventuali commissioni. Inoltre gli ordini e la loro esecuzione devono essere realistici e la strategia non deve tenere conto dei dati futuri.

Infine un buon backtest viene realizzato in varie fasi e movimenti del mercato, indipendentemente dal fatto che sia al rialzo o al ribasso.

I risultati provenienti da un backtest possono essere raggruppati in due parti. Da una parte si hanno i risultati dettagliati, che permettono tra l’altro di comprendere come la strategia sia stata efficace o abbia fallito, e dall’altra parte si ottiene un riassunto della strategia nella sua globalità.

Quando si esordisce è fondamentale imparare ad interpretare correttamente i risultati di un backtest. Per farlo, è inutile concentrarsi unicamente sul saldo del conto. Bisogna fare altrettanta attenzione ad altri dati come la caduta massima, che non deve superare il 20 – 30 % del saldo totale, o i fattori di profitto, che devono essere i più alti possibile, per determinare se la strategia è interessante oppure no.

In conclusione, il backtest proposto da Metatrader è un alleato importante per stabilire la propria strategia di trading.

Se realizzato a regola d’arte, infatti, aiuta i trader a migliorare i loro metodi di trading nascondendo le cattive strategie e conservando soltanto le migliori. Attenzione però a non prendere troppi rischi perché, anche se un backtest è estremamente utile, i suoi risultati non devono essere presi come delle verità assolute ma piuttosto come delle tracce che offrono alcuni elementi di risposta a delle domande che ci si possono porre sui nostri errori passati. Attenzione anche a non fondare le vostre future strategie di trading soltanto sul risultato di un backtest.

Il fatto che una strategia abbia funzionato a più riprese nel passato, infatti, non implica che funzionerà nello stesso modo nel futuro.

Pensate quindi a rinnovare regolarmente i vostri backtest utilizzando dei periodi di tempo più recenti.

Cominciare a trattare con Metatrader*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 69.45% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.