Orari di apertura della Borsa di New York

Valutazione: 4.37 19 voti
 

Quando si decide di speculare personalmente sui mercati borsistici, utilizzando quindi i CFD delle piattaforme di trading CFD, è indispensabile conoscere gli attivi sui quali si investe e in particolare gli orari di apertura di questi mercati. Vi proponiamo di scoprire qui gli orari di apertura della Borsa di New York che è ad oggi una delle più importanti piazze borsistiche al mondo.  

 

Quali sono gli orari della Borsa di New York?

Il New-York Stock Exchange o NYSE segue i seguenti orari :

  • Apre ogni giorno alle 09.30
  • Chiude alle 16.00

Ma attenzione! Si tratta degli orari di apertura e chiusura statunitensi. In Italia ciò significa che l’apertura è alle 15.30 e la chiusura alle 22.00.

 

Perché bisogna conoscere questi orari ?

Gli orari di apertura della Borsa di New York sono molto importanti perché permettono di seguire diretta le quotazioni degli attivi collegati, quali la maggior parte delle azioni statunitensi come Google o Facebook.

 

Memorandum sulla Borsa di New York

Prima di lanciarsi nella speculazione online sulla Borsa di New York ecco alcune informazioni che bisogna assolutamente conoscere su questa piazza finanziaria fondamentale della Borsa internazionale.

La Borsa di New York si chiama NYSE per New York Stock Exchange e si tratta in realtà della piattaforma principale di scambio della Borsa di New York ma anche della più grande piazza borsistica al mondo. La Borsa di New York viene spesso indicata con l’espressione “Wall Street” dagli investitori e dai trader.

Una delle particolarità della Borsa di New York è che non tutti gli scambi vengono effettuati in forma elettronica e vi si trovano ancora dei titoli scambiati all’asta.

Prima degli anni ’90 il NASDAQ contabilizzava il maggior volume di azioni negli Stati Uniti e nel mondo ma da allora il NYSE ha preso il sopravvento con una capitalizzazione borsistica totale di tutte le imprese quotate su questo mercato che rappresenta il triplo del NASDAQ.

È il NYSE Euronext (New York Stock Exchange) che detiene la Borsa di New York, un gruppo creato dalla fusione di Euronext e Archipelago Holdings che funzionava in maniera esclusivamente elettronica.

La Borsa di New York è situata al numero 11 di Wall Street ma è importante notare che la sede del NYSE si trova in realtà al numero 18 di Broad Street, nel quartiere finanziario situato a sud di Manhattan.

 

Capitalizzazione e indici borsistici della Borsa di New York

La Borsa di New York è la più importante al mondo perché vi vengono quotate le azioni di circa 3.000 società con una capitalizzazione borsistica totale che supera i 25.000 miliardi di dollari.

Ovviamente la Borsa di New York è anche associata a diversi indici borsistici come:

  • DIJA o Dow Jones Industrial Average detto comunemente Dow Jones o Dow. Si compone di un numero di valori borsistici quotati sul NYSE che va da 27 a 30 ed è il più antico indice della Borsa di New York e del mondo. Appartiene a Dow Jones Indexes, una società gestita principalmente da CME Group.
  • S&P 500 e SP100 basati rispettivamente sulle 500 e 100 grandi società quotate sulle Borse statunitensi. Sono gestiti da Standard & Poor’s, un’agenzia di notazione finanziaria.

 

Come vengono quotati gli indici borsistici collegati alla Borsa di New York?

Abbiamo appena visto quali sono i due principali indici della Borsa di New York ma è importante indicare che questi due indici presentano delle differenze visto che non vengono quotati nello stesso modo e che la classifica delle imprese che vi vengono rappresentate varia moltissimo a seconda del metodo utilizzato.

L’indice considerato come il principale della Borsa di New York è ovviamente il Dow Jones Industrial Average, detto anche DJ30, nome che gli deriva dal fatto di raggruppare le 30 più importanti imprese degli Stati Uniti. Vi si trovano dunque titoli come Microsoft, Coca Cola o Disney. In questo indice le imprese vengono classificate secondo il valore delle loro azioni in Borsa diversamente da altri indici che utilizzano la capitalizzazione borsistica per redigere la classifica.

Il secondo principale indice della Borsa di New York è lo S&P 500, ovvero lo Standard & Poor’s. Anche se non è il primo indice di questa Borsa in termini d’importanza è comunque considerato come l’indice borsistico più rappresentativo dell’economia statunitense e della sua evoluzione. Viene infatti classificato secondo le capitalizzazioni borsistiche delle imprese e non secondo il valore delle loro azioni come nel caso del DJ. Come il nome stesso indica, lo S&P 500 raggruppa le 500 imprese statunitensi che presentano le maggiori capitalizzazioni borsistiche. Questo indice è di proprietà della società Standard & Poor’s, da cui trae il nome. Con l’occasione vi ricordiamo che questa società è anche una delle maggiori agenzie di rating degli Stati Uniti, come Moody’s e Fitch Ratings e che è anche la società di rating incaricata di gestire questo indice borsistico.

 

Fusione tra la Borsa di New York e Euronext.

Nel quadro della globalizzazione dell’economia, la Borsa di New York, cioè il NYSE, si è fusa nel 2007 con la Borsa europea Euronext che già riunisce numerose piazze borsistiche diverse tra cui Parigi, Lisbona, Bruxelles e Amsterdam oltre al mercato a termine LIFFE di Londra.

Questa fusione tra le due piazze borsistiche principali dell’economia mondiale ha permesso di semplificare gli scambi finanziari e borsistici tra Stati Uniti ed Europa riducendo in particolare i costi delle varie transazioni.

Ciò non modifica tuttavia in nulla il vostro modo di investire sul corso dei principali indici borsistici di questa piazza finanziaria o sulle sue azioni di Borsa.

 

Storia ed evoluzione della Borsa di New York

Per andare oltre nella vostra conoscenza della Borsa di New York, ecco ora alcune date storiche da conoscere.

  • 1792: il NYSE viene creato da 24 agenti di cambio che si riunivano a Wall Street e in quel momento il NYSE contava soltanto 5 titoli pur raggiungendo poi rapidamente le 380.000 azioni nel 1817.
  • 1817: viene redatta la carta di organizzazione della Borsa di New York e il NYSE prende allora il nome New York Stock & Exchange Board.
  • 1830: entra nella Borsa di New York la prima società ferroviaria, la Mohawk and Hudson Railroad.
  • 1836: La Borsa di New York diventa ufficialmente il NYSE.
  • 1884: Nasce l’indice Dow Jones con la pubblicazione, da parte di Charles Dow, di una lista di 11 azioni delle più grandi imprese nazionali. Nel 1896 questo indice integrerà dei valori industriali e diventerà il Dow Jones Industrial Average.
  • 1914: il NYSE viene temporaneamente chiuso all’inizio della Prima Guerra Mondiale per riaprire poi il 28 novembre dello stesso anno con la vendita di buoni del tesoro.
  • 1929: è ovviamente l’anno del crollo borsistico e l’inizio della grande depressione che resterà la più grande crisi economica del XX secolo.
  • 1934: iniziano gli scambi sorvegliati dal SEC.
  • 1967: un gruppo di anarchici condotto da Abbie Hoffman fa irruzione nella Borsa di New York e lancia dei falsi biglietti di banca sul pubblico provocando un grande movimento di folla. A seguito di questo evento è stata rinforzata la sicurezza dell’edificio.
  • 1987: l’indice borsistico Dow Jones conosce il suo più grande crollo nella storia perdendo il 22,6% dando al giorno in cui è avvenuto, il 19 ottobre, la denominazione di secondo lunedì nero.
  • 1997: un nuovo incredibile ribasso del Dow Jones che perde 554,26 punti in un giorno innescando un piano di emergenza con il ricorso ad una disconnessione per far cessare gli scambi. Ovviamente questo evento ha fatto molto scalpore ed ha provocato la messa in opera di regole che mirano ad evitare un nuovo crac tramite una chiusura automatica della Borsa quando l’indice crolla del 10%, 20% o 30%. La durata di questa chiusura può variare da un’ora ad un’intera giornata.
  • 2000: un nuovo movimento di folla incontrollato turba il funzionamento del NYSE quando il gruppo Rage Against the Machine ha suonato un brano davanti alle porte del palazzo per girare un videoclip. Il gruppo non aveva chiesto nessuna autorizzazione per girare e le forze dell’ordine sono dovute intervenire.
  • 2001: a seguito degli attentati dell’11 settembre e fino al 17 settembre il NYSE è rimasto chiuso.
  • 2005: il NYSE informa della sua volontà di procedere all’acquisto della società Achipelago Holdings. Sempre nel 2005, questa fusione viene convalidata dall’ufficio della Borsa di New York. Il NYSE perde così il proprio statuto di società non a scopo di lucro per diventare una società anonima. Nel 2006 diviene quindi il NYSE Group.
  • 2006: è l’inizio della fusione tra il NYSE e Euronext che verrà convalidata nel 2007 formando così il NYSE-Euronext.
  • 2013: il gruppo NYSE-Euronext viene acquistato dal gruppo ICE che introduce in seguito Euronext in Borsa nel 2014.
  • 2018: per la prima volta nella storia una donna, Stacey Cunningham, prende la presidenza del NYSE.

Come trattare sulla Borsa di New York?

I CFD permettono di trattare in tempo reale sulla Borsa di New York, sia speculando sui grandi indici borsistici statunitensi che investendo sulle azioni di Borsa quotate su questa piazza borsistica.

Trattate sulla Borsa di New York!*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.