Rassegna sulla piattaforma Coinbase e sulle sue spese

I privati che desiderano acquistare criptomonete si orientano naturalmente verso le piattaforme più conosciute come Coinbase, uno dei leader del mercato. Tuttavia, prima di creare un conto su questa piattaforma, vi proponiamo di scoprire un po’ più nel dettaglio la nostra opinione su di essa assieme ad un’analisi delle sue funzionalità, dei diversi tipi di conto e, ovviamente, delle spese applicate alle transazioni. Coinbase fa parte delle piattaforme più popolari al mondo per l’acquisto di criptomonete anche se non dovete comunque basarvi unicamente sulla notorietà di una piattaforma per cominciare ad investire sulle monete digitali ma dovete anche studiare i differenti criteri importanti che vi elencheremo in questo articolo su Coinbase come la sicurezza, l’ergonomia, la semplicità di utilizzo, il tipo di valute proposte, le spese applicate alle transazioni, ovviamente, e quelle che vengono fatturate in relazione a depositi e prestiti.  

 

Presentazione generale della piattaforma Coinbase per acquistare criptomonete

Cominciamo questo articolo dedicato alla piattaforma di criptomonete Coinbase con una sua rapida presentazione.

Come abbiamo accennato nell’introduzione, Coinbase fa oggi parte delle più grandi piattaforme al mondo di acquisto e di vendita di Bitcoin e criptomonete in generale ma si differenzia dai suoi principali concorrenti, che vi presenteremo a seguire, per il fatto che si rivolge soprattutto ai principianti che desiderano semplicemente iniziarsi all’universo delle criptomonete acquistando qualche unità di Bitcoin o di altre monete virtuali.

La società Coinbase è stata creata nel 2012 e, nel corso del tempo, è stata capace di costruirsi una grande notorietà diventando così uno degli attuali leader di questo mercato. Per capire meglio l’importanza di questa piattaforma basta notare che è presente in 33 paesi nel mondo, tra cui l’Italia.

Il suo modello marketing punta soprattutto sull’utilizzo semplicissimo della sua piattaforma per attirare i nuovi investitori in criptomonete che potrebbero esitare a lanciarsi utilizzando una piattaforma più complessa.

 

I principali concorrenti di Coinbase

Essendo Coinbase solo una delle principali piattaforme al mondo di scambio di criptomonete, non è ovviamente l’unica a proporre questo tipo di servizi. Ecco quindi una rapida presentazione dei suoi concorrenti:

 

Quali sono le criptomonete che è possibile acquistare o vendere sulla piattaforma Coinbase?

Prima di decidere se raggiungere o meno la piattaforma Coinbase, vorrete certamente sapere quali siano le criptomonete che potete acquistare o vendere su di essa. In realtà, Coinbase offre una scelta meno importante rispetto ai suoi concorrenti, senza dubbio sempre con la finalità di semplificare al massimo la propria offerta e di risultare accessibile al più grande numero possibile di investitori. È d’altra parte uno dei più grandi difetti della piattaforma.

Ecco la lista delle criptomonete che potrete scambiare su questa piattaforma:

Non è tuttavia da escludere che negli anni a venire Coinbase allarghi la propria offerta proponendo anche altre valute digitali.

 

Quali sono le funzionalità di base proposte dalla piattaforma Coinbase

Entriamo ora un po’ più nel dettaglio fornendovi alcune informazioni circa il funzionamento della piattaforma Coinbase e le sue principali funzionalità di base.

Come accennato nella presentazione, Coinbase si distingue dai suoi concorrenti per la sua interfaccia al tempo stesso semplice ed essenziale particolarmente adatta agli acquirenti principianti di criptomonete. La piattaforma online Coinbase è quindi concepita per offrire un’ergonomia fluida e per rendere più semplice l’accesso alle informazioni più importanti.

La piattaforma è inoltre integralmente disponibile in italiano, cosa rara per una piattaforma di transazioni di criptomonete, la maggior parte delle quali è accessibile unicamente in inglese.

Per quanto riguarda il tipo di conti o di portafogli proposti da Coinbase, se ne trovano due, entrambi con un’offerta semplicissima.

Il portafoglio di primo livello, ovviamente il più semplice, è stato pensato per rispondere alle esigenze dei principianti nel settore delle criptomonete. In questo caso, è Coinbase che si incarica della sicurezza del portafoglio lasciando che gli utenti si concentrino unicamente sulla gestione delle loro criptomonete.

Il portafoglio di secondo livello è un portafoglio multi-firma che è stato denominato Multisig Vault e che permette agli utenti di gestire personalmente la sicurezza del loro portafoglio. È quindi destinato a degli utenti un po’ più esperti in materia.

Da notare inoltre che Coinbase non si limita ad una piattaforma di scambio di criptomonete online ma propone anche un’applicazione mobile, disponibile sia per iOS che per Android, che offre anch’essa un’ergonomia molto elevata e semplicità di utilizzo.

 

Come effettuare depositi e prelievi sulla piattaforma Coinbase?

Interessiamoci ora ad un altro aspetto importante nella scelta di una piattaforma di scambio di criptomonete: quello relativo ai metodi ed alle condizioni di deposito e prelievo di denaro.

Anche in questo caso, Coinbase ha soprattutto puntato sulla semplicità proponendo un numero limitato di scelte tra le modalità di versamento autorizzate. Per effettuare un deposito di denaro nel proprio conto Coinbase è quindi possibile utilizzare delle carte bancarie Visa, Mastercard o Maestro, a condizione che dispongano di un sistema di verifica 3D Secure. È anche possibile alimentare il proprio conto Coinbase tramite bonifico bancario SEPA ma questo secondo metodo richiede tuttavia più tempo rispetto al pagamento tramite carta bancaria e possono essere necessari alcuni giorni prima di poter investire sulle criptomonete di propria scelta. Effettuando il deposito tramite carta bancaria ci si garantisce di poter acquistare immediatamente delle criptomonete e di riceverle istantaneamente dopo l’acquisto nel proprio conto. Al contrario, se si desidera effettuare il deposito tramite bonifico bisognerà pazientare 4 o 5 giorni prima che questo sia accreditato nel proprio conto. Da notare tuttavia che i depositi tramite carta bancaria sono limitati ad un importo di massimo di 750€ mentre tramite bonifico bancario il plafond di deposito è di 15.000€.

Per quanto riguarda i prelievi, possono essere effettuati unicamente tramite bonifico bancario SEPA o Paypal. Di conseguenza, se non si dispone di un conto Paypal, bisogna assicurarsi di registrare correttamente i propri dati bancari nel conto cliente per poter poi prelevare il denaro.

 

Quali sono le spese e le commissioni praticate dalla piattaforma Coinbase?

Passiamo ora a un altro importante aspetto della speculazione sulle criptomonete tramite una piattaforma di scambio come Coinbase: le spese e le commissioni praticate.

Si tratta senza dubbio del più grande punto debole di questa piattaforma che pratica delle tariffe piuttosto elevate per il settore. Ciò riguarda in particolare i depositi, in genere gratuiti o poco onerosi presso i concorrenti di questa piattaforma statunitense, che si elevano al 3,99% per un deposito effettuato per carta bancaria e all’1,49% per un deposito tramite bonifico bancario.

Ovviamente, anche i prelievi sono soggetti a delle spese che sono fisse indipendentemente dall’importo prelevato e dalla frequenza dei prelievi e che ammontano a 0,15€ ad operazione, un importo corretto in relazione alle tariffe abituali del mercato.

Per quanto riguarda le spese applicate alle transazioni effettuate sulla piattaforma Coinbase, sono anch’esse relativamente elevate rispetto al mercato. Queste spese sono variabili e dipendono sia dalla criptomoneta acquistata o venduta che dall’importo della transazione. In termini generali, le spese applicate da Coinbase rendono l’investimento poco interessante al di sotto di un ammontare di 200€.

Di conseguenza, quando investite sulle criptomonete con una piattaforma come Coinbase, per valutare la possibile redditività dell’operazione non dovete prendere in considerazione unicamente il prezzo della criptomoneta ma anche le spese di transazione, di deposito e di prelievo.

 

Vantaggi e svantaggi della piattaforma Coinbase

Per riassumere i vari punti fin qui affrontati, vi proponiamo ora di fare un riepilogo dei vantaggi e degli svantaggi di questa piattaforma di acquisto e di vendita di criptomonete.

Cominciamo dai principali vantaggi di cui dispone Coinbase rispetto ai suoi concorrenti:

La piattaforma Coinbase ha anche alcuni punti deboli che è importante evidenziare e conoscere prima di fare una scelta. Ecco i suoi principali difetti:

 

La nostra opinione concludente e oggettiva circa la piattaforma Coinbase

Passiamo ora alle nostre impressioni e alla nostra opinione oggettiva sulla piattaforma di acquisto e vendita di criptomonete Coinbase.

In termini generali, e dopo aver passato in rivista i differenti punti positivi e negativi nonché le caratteristiche generali e le opinioni dei clienti della piattaforma, Coinbase si rivela essere una piattaforma piuttosto interessante per gli investitori principianti che non conoscono ancora bene l’ambiente delle criptomonete e che desiderano effettuare delle transazioni semplici. Sono infatti apprezzabili la semplicità con cui la si prende in mano e la sua ergonomia.

Tuttavia, gli investitori più avanzati o che dispongano già di una conoscenza di base di questo tipo di investimento saranno rapidamente delusi dalle funzionalità proposte fra cui la limitatissima scelta di criptomonete disponibili sulla piattaforma che non permette di crearsi un portafoglio diversificato.

Un altro importante punto da prendere in considerazione prima di cominciare ad utilizzare la piattaforma di trading di Coinbase sono le spese che stimiamo particolarmente elevate per quanto riguarda le transazioni. Delle spese elevate limitano infatti la possibilità di effettuare un vero e proprio trading quotidiano di criptomonete.

In conclusione, il fatto di scegliere o meno Coinbase per acquistare delle criptomonete online dipende principalmente dal vostro profilo di investitore e dalle vostre esigenze. Per quanto riguarda gli altri aspetti come la sicurezza della piattaforma, tutto sembra essere ben gestito da questa società statunitense che ha già conquistato numerosi utenti in tutto il mondo.

Esistono tuttavia dei metodi più semplici ed efficaci per speculare sulla quotazione delle criptomonete, come vedremo ora con una soluzione alternativa molto interessante.

 

Speculate sulle criptomonete in maniera più semplice ed efficace con eToro

Come appena indicato, esistono anche altri sistemi per speculare sulla quotazione e sulla popolarità delle criptomonete. Uno dei metodi migliori del momento consiste nell’utilizzare la piattaforma di trading di CFD del broker eToro che vi permetterà infatti di puntare sia sul rialzo che sul ribasso della quotazione di una ventina fra le criptomonete più popolari senza doverle acquistare realmente.

I CFD, contratti per differenza, proposti da questo mediatore online presentano infatti un funzionamento più semplice rispetto alle piattaforme di scambio di criptomonete e basta infatti determinare quale sia la direzione verso la quale la moneta di proprio interesse ha più probabilità di evolvere e prendere posizione in questa direzione. I guadagni e le perdite su queste operazioni corrisponderanno alla differenza di quotazione tra il momento di apertura della posizione e quello di chiusura.

Passare per eToro per le criptomonete presenta svariati vantaggi. Eccoli nel dettaglio:

Cominciare a fare trading online sulle criptomonete

Volete fare trading sulla quotazione del Bitcoin, dell’Ethereum o di un’altra fra le criptomonete più popolari? Raggiungete senza attendere oltre una piattaforma di trading efficace e di grande qualità.

Fare trading con eToro!
L’alternativa a Coinbase
80.5% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.