Dettagli delle modifiche apportate a ciascun collaboratore :

Per quanto riguarda la Fiat Chrysler, il dividendo eccezionale è stato ridotto a 2,9 miliardi di euro invece di 5,5 miliardi di euro. Per PSA, c'è una distribuzione della sua partecipazione del 46% nel produttore francese di apparecchiature Faurecia agli azionisti della nuova società, che si chiamerà Stellantis, invece che ai suoi soli azionisti.

Tali modifiche manterranno l'equilibrio originario dell'accordo come menzionato dai due gruppi nel comunicato stampa, indicando nel contempo che tale unione sarà completata entro la fine del primo trimestre del 2021. Questi sono stati infatti approvati dai consigli di amministrazione di entrambe le società.

 

Il saldo del pacchetto finanziario messo in discussione:

Con questa unione, assisteremo alla creazione del quarto gruppo automobilistico al mondo in termini di volume e di fatturato. Ma dopo questo annuncio, alla fine del 2019, erano stati sollevati dubbi sull'equilibrio del pacchetto finanziario.

A maggio, i due gruppi avevano già annunciato che avrebbero rinunciato al pagamento di un dividendo ordinario di 1,1 miliardi di euro ciascuno previsto dal contratto a causa della pandemia di Covid-19. Tuttavia, il dividendo eccezionale di 5,5 miliardi di euro di FCA e la distribuzione di azioni Faurecia hanno continuato a rappresentare un problema, a svantaggio di PSA e dei suoi azionisti.

 

Gli azionisti di riferimento sostengono il caso:

Nel comunicato stampa si legge ora che, dopo queste modifiche, "i rispettivi azionisti di FCA e del Gruppo PSA riceveranno l'equivalente del 23% del capitale di Faurecia (...)), mentre la loro partecipazione al 50% in Stellantis - un gruppo che ora avrà 2,6 miliardi di euro di liquidità aggiuntiva in bilancio - rimarrà invariata. Inoltre, è stato anche concordato che i consigli di amministrazione dei gruppi PSA e FCA potranno prendere in considerazione una distribuzione di 500 milioni di euro agli azionisti di ciascuna società prima della firma definitiva o, in alternativa, una distribuzione di 1 miliardo di euro a tutti gli azionisti di Stellantis dopo la firma definitiva".

I possibili benefici per gli azionisti dipenderanno dalle rispettive performance dei produttori e dalle condizioni di mercato. Le modifiche sono state comunque approvate all'unanimità dai Consigli di Amministrazione di entrambi i gruppi con il forte sostegno dei loro azionisti di riferimento.

La fusione dei due gruppi dovrebbe portare a un risparmio di 5 miliardi di euro all'anno rispetto ai 3,7 miliardi di euro precedenti.

Il portavoce di PSA ha dichiarato: "Le prospettive di sinergie e di creazione di valore a lungo termine riviste al rialzo per Stellantis oggi consentono agli azionisti di riferimento di modificare alcuni termini finanziari per rafforzare ulteriormente il bilancio di Stellantis al suo avvio, il tutto in un contesto Covid".