Michelin: crescita delle vendite nel primo trimestre 2021

  •   Le 04/05/2021 à 07h19
  •   DEHOUI Lionel

L'attività per l'anno 2021 è iniziata bene alla Michelin. Questo è infatti ciò che emerge dal bilancio presentato dal gruppo francese per il primo trimestre di quest'anno. Durante tutto il periodo, ha ottenuto buone performance, illustrate in particolare da una crescita significativa delle vendite. Inoltre, l'azienda ha ribadito le sue prospettive per l'anno in questione.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500
Michelin: crescita delle vendite nel primo trimestre 2021
Immagine: Manel - Flickr

Crescita delle vendite nel Q1-2021

Nei primi tre mesi dell'anno finanziario 2021, il leader mondiale dei pneumatici ha registrato un aumento delle vendite del 2,3% a 5,45 miliardi di euro. Tuttavia, è ancora al di sotto del livello pre-covo. Come promemoria, prima della crisi sanitaria del coronavirus (precisamente nel Q1-2019), il gruppo francese aveva registrato un fatturato stimato di 5,81 miliardi di euro.

In realtà, le vendite del Q1-2021 sono state penalizzate da effetti valutari sfavorevoli. È stato anche perturbato dal deprezzamento del dollaro USA contro l'euro. Inoltre, il declino del real brasiliano, della lira turca e del rublo (contro la valuta europea) è stato un fattore di impatto di queste entrate.

D'altra parte, per il primo trimestre nel suo insieme (da gennaio a marzo), la società ha ottenuto una crescita delle vendite dell'8,3% a tassi di cambio costanti rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Per quanto riguarda gli autocarri pesanti, le vendite di nuovi pneumatici sono aumentate del 20% nel trimestre. Sono quindi vicini ai livelli visti all'inizio del 2019.

In effetti, questa bella performance è guidata dall'aumento della domanda di trasporto in un contesto in cui la ripresa dell'economia globale è attesa con impazienza. È stato anche spinto dal dinamismo del settore automobilistico, in aumento del 3,7%, e del trasporto stradale, in aumento del 2,1%. Le attività non legate agli pneumatici, invece, hanno registrato un calo dello 0,3% nel primo trimestre di quest'anno. Questo povero dato è dovuto principalmente al declino della gastronomia e dei viaggi.

 

Il settore dei pneumatici rimbalza nel 1° trimestre

Attualmente, il mondo spera in una ripresa economica. Questo dovrebbe aiutare lo sviluppo dell'attività in diversi settori e all'interno di diverse aziende. Questo è il caso di Michelin. Così, il gruppo cita nel suo comunicato stampa un rimbalzo molto forte della domanda in Cina su tutti i mercati.

Questo è vicino al livello pre-pandemico (2019). Inoltre, durante il primo trimestre del 2021, il mercato globale dei pneumatici per "autovetture e camion leggeri" è cresciuto del 9% in unità. Tuttavia, questo rimbalzo del mercato dei pneumatici è stato penalizzato da un fatto importante rispetto al Q1-2020, che è stato influenzato negativamente dalla pandemia.

Questa era la carenza di semiconduttori. Questa situazione ha avuto un effetto negativo su tutta l'industria automobilistica globale.

 

Conferma degli obiettivi annuali per il 2021

Il gruppo francese Michelin ha ribadito il suo outlook per il 2021. Per quest'anno, punta a una crescita del 6-10% nel mercato "Autovetture e camion leggeri" e un aumento dell'8-12% nelle attività speciali. Nel mercato dei camion pesanti, l'aumento dovrebbe essere compreso tra l'8 e il 12%.

L'azienda ha fatto queste previsioni nonostante un ambiente ancora molto incerto a causa dell'evoluzione della crisi sanitaria. Sempre in questo ambiente (escludendo il nuovo effetto sistemico legato alla pandemia), la società ha confermato la sua guida.

Così, il gruppo si aspetta che il reddito operativo annuale dei settori superi i 2,5 miliardi di euro a parità di condizioni. Si aspetta anche di registrare un free cash flow strutturale per l'anno finanziario in corso, stimato a circa un miliardo di euro.