Il metodo dei punti pivot

Sia che realizziate da soli le vostre analisi tecniche, sia che le riceviate regolarmente e in forma dettagliata dal vostro mediatore online, c'è un indicatore tecnico che non si deve trascurare: il punto pivot. Molto semplice e quindi facilmente accessibile ai trader di tutti i livelli, il punto pivot fornisce delle indicazioni sulle possibili inversioni di tendenza e indica, quindi, in quale momento sia preferibile entrare o uscire dal mercato.  

Iniziare a fare trading su Borsa
Il metodo dei punti pivot
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.
Valutazione: 4.32 19 voti

 

Presentazione del punto pivot

Il livello dei punti pivot viene calcolato una volta al giorno. Esiste quindi un punto pivot per ogni seduta di trading. Il punto pivot ha come principale funzione quella di indicare i livelli di supporto e di resistenza di un valore.

Per ottenere questo punto bisogna utilizzare al tempo stesso i dati tecnici e quelli psicologici. É rappresentato da una linea su un grafico.

In definitiva il punto pivot è il punto a partire dal quale la tendenza può cambiare di direzione al rialzo come al ribasso. Quando viene rotto al rialzo, dà un segnale di acquisto e quando viene rotto al ribasso, dà un segnale di vendita. Attenzione: i punti pivot cambiano regolarmente e devono quindi essere utilizzati soltanto per il trading a breve termine.

 

Calcolo e determinazione del punto pivot

Il calcolo del punto pivot è molto complesso da un punto di vista matematico e quindi non ci addentreremo in spiegazioni dettagliate, tanto più che questi punti sono indicati da tutti i broker che forniscono ai loro clienti i dati di analisi tecnica.

Viene calcolato a fine seduta per la seduta successiva e tiene conto dei seguenti elementi:

  • Il livello più alto del giorno precedente
  • Il livello più basso del giorno precedente
  • Il valore di chiusura

 

Utilizzo dei punti pivot nel trading

Generalmente i punti pivot si utilizzano per determinare i migliori punti di ingresso e di uscita del mercato. Quando il valore di un attivo si muove al di sopra di un punto pivot si consiglia di speculare al rialzo. All'inverso, se il corso dell'attivo si muove al di sotto del punto pivot, è preferibile speculare al ribasso.

É anche possibile utilizzare il punto pivot per piazzare ordini stop loss. Tali ordini saranno piazzati esattamente al di sopra o al di sotto del punto pivot in funzione della direzione sulla quale si specula. Ciò permette di proteggersi contro un'inversione di tendenza.

Si può quindi dire che i punti pivot hanno più o meno la stessa funzione dei livelli di supporto e resistenza nel senso che quando il valore è situato al di sopra di questo punto, è considerato come un supporto e quando il valore è al di sotto di questo punto, è considerato come una resistenza. In pratica più un punto pivot resiste più sarà un livello di supporto o di resistenza importante.

É bene essere prudenti nell'utilizzo dei punti pivot in quanto possono essere rotti tanto al rialzo quanto al ribasso. É preferibile evitare di usare questo indicatore quando i valori si muovono unicamente in prossimità diretta di questo punto senza una vera e propria volatilità.

L'ideale è di abbinare l'interpretazione dei punti pivot ad altri indicatori tecnici che possono rivelarsi interessanti per determinare, per esempio, la forza di un movimento o la volatilità di un mercato. Bisogna anche evitare di trascurare gli elementi dell'analisi fondamentale.

Iniziare a fare trading su Borsa*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.