La Borsa di Tokyo continua a salire oltre i 30.000 punti

  •   Le 18/02/2021 à 11h37
  •   DEHOUI Lionel

La Borsa di Tokyo continua a registrare risultati impressionanti martedì. Infatti, gli investitori sperano in una regolarizzazione economica, dopo l'annuncio delle prossime vaccinazioni Covid-19. L'indice Nikkei ha guadagnato l'1,28% a 30 467,75 punti e il Topix allargato ha guadagnato lo 0,57% a 1 965,08 punti.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500

Inizio dei preparativi per le campagne di vaccinazione

Le dichiarazioni del ministro giapponese incaricato di coordinare la distribuzione del vaccino erano attese con ansia nel tardo pomeriggio di martedì a Tokyo. Poi, da 10 000 a 20 000 tecnici sanitari riceveranno il vaccino Covid-19 sviluppato da Pfizer/BioNTech in Giappone a partire da oggi.

Per il momento, l'obiettivo non è quello di vaccinare l'intera popolazione. Inoltre, anche la vaccinazione degli anziani prevista per aprile è rimandata a una data successiva.

Alla Borsa di Hong Kong, l'indice Hang Seng ha approfittato di questa notizia incassando l'1,63% lunedì. Nel frattempo, i mercati della Cina continentale sono rimasti chiusi a causa della festa del Nuovo Anno Lunare.

 

Sul lato stock

Il gigante degli investimenti tecnologici SoftBank Group ha raggiunto nuove vette. È avanzato del 4,14% il 15 febbraio, prima di chiudere a 10 420 yen. Questo rappresenta un livello mai visto dalla sua IPO nel 1994, dato che la sua ultima performance nel febbraio 2000 era di 10 111,09 yen.

Il progresso di SoftBank è stato aiutato dalle cifre di fine anno per i suoi fondi di investimento Vision Fund 1 e 2. Questi ultimi hanno realizzato guadagni record sui loro vari investimenti. Vision Fund 1 deve il suo successo in particolare all'introduzione della grande azienda DoorDash a Wall Street in dicembre. Notiamo anche l'aumento del valore della Uber americana.

 

DENTSU in caduta libera

Il gigante della pubblicità giapponese Dentsu è sceso del 3,55% o 3 665 yen. Ha subito un'enorme perdita netta sui risultati del 2020 alla chiusura di lunedì. Una scarsa performance che potrebbe essere imputata alle svalutazioni causate dalla pandemia.

Inoltre, le ristrutturazioni del gruppo hanno avuto un profondo impatto sulle sue attività internazionali. Ha stimato il suo deficit per l'anno a quasi 159,6 miliardi di yen, o 1,25 miliardi di euro. Tuttavia, quelli registrati nel 2019 ammontano a 80,9 miliardi di yen.

 

Sui cambi e sul petrolio

La valuta giapponese continua a perdere punti contro il dollaro. Lunedì alle 6:40 GMT, il biglietto verde era scambiato a 105,52 yen. Per quanto riguarda la valuta europea, valeva 128,05 yen, in calo rispetto ai 127,19 yen del giorno precedente. Contro il dollaro, l'euro è stato scambiato a 12 129 dollari lunedì alle 21:00 GMT.

Per quanto riguarda il barile di petrolio americano WTI, ha superato i 60 dollari al barile lunedì e continua a salire. Questo, per la prima volta dall'inizio dell'anno 2020. Alle 6:30 GMT circa, è aumentato dell'1,24%, ovvero a 60,21 dollari. Per quanto riguarda un barile di Brent del Mare del Nord, è salito dello 0,41% a 63,56 dollari.