Italia: Credit Agricole Italia intende acquisire azioni Creval

  •   Le 25/11/2020 à 08h50
  •   DEHOUI Lionel

In un comunicato stampa pubblicato all'inizio di questa settimana, la banca francese Credit Agricole ha annunciato l'acquisizione del Credito Valtellinese da parte della controllata Credit Agricole Italia. Il completamento di questa operazione è in linea con gli obiettivi del gruppo mutualista francese, che intende rafforzare la propria posizione nel settore bancario in Italia.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500
Italia: Credit Agricole Italia intende acquisire azioni Creval
Immagine: CA SAfr

La banca francese annuncia l'acquisizione di Creval da parte del Credit Agricole Italia

La controllata della banca francese Credit Agricole SA, Credit Agricole Italia, di cui detiene il 75,6% del capitale, sta gradualmente realizzando la sua ambizione di diventare uno dei principali istituti bancari in Italia. La controllata italiana del gruppo mutualista desidera acquisire le azioni della banca regionale del nord Italia, il Credito Valtellinese (Creval).

È in questo contesto che il Crédit Agricole Italia ha annunciato un'offerta pubblica di acquisto volontaria che ha lanciato per l'acquisizione del capitale di Creval. L'annuncio di questa operazione è stato dato dalla banca francese in un comunicato stampa pubblicato lunedì. L'offerta è interamente in contanti e riguarda le azioni ordinarie della banca italiana.

La partnership che presto collegherà le due banche arriva al momento giusto per ottimizzare le attività della filiale italiana del gruppo mutualista francese. "L'unione del Credit Agricole Italia e del Credito Valtellinese, due banche con la stessa cultura radicata nei territori, permette di consolidare il 6° gruppo bancario in Italia", ha dichiarato la banca francese nel suo comunicato stampa.

 

I dettagli dell'operazione

Nell'ambito dell'offerta pubblica di acquisto, il Credit Agricole Italia offre 10,50 euro per azione. Questo importo corrisponde a un premio del 21,4% rispetto all 'ultimo prezzo ufficiale della banca del Nord. Pertanto, per acquisire tutte le azioni della suddetta banca, la controllata della mutua francese dovrà investire 737 milioni di euro. Questo è il costo totale dell'operazione.

Nel suo comunicato stampa, la banca francese annuncia un aumento della sua quota di mercato in Lombardia. Si tratta di una regione italiana riconosciuta come la più ricca del paese. Tale quota dovrebbe passare dal 3% al 6%, a seconda della banca. Inoltre, l'annuncio dell'OPA ha avuto un impatto favorevole sulle azioni del gruppo francese sui mercati azionari all'inizio della sessione di lunedì. Il prezzo del titolo Credit Agricole è infatti salito del 2,3% alla Borsa di Parigi.

Nel dettaglio di questa operazione, il Credit Agricole Italia riceverà dal Credit Agricole Assurance la sua partecipazione del 9,8% nel Credito Valtellinese. D'altra parte, la società di gestione Algebris dovrà contribuire con il suo 5,4% nel quadro dell'operazione. Si noti che Algebris è uno degli azionisti di Creval.

Per maggiori dettagli sull'OPA, la banca francese dichiara: "L'offerta è subordinata all'ottenimento da parte del Credit Agricole Italia di almeno il 66,67 % del capitale sociale con diritto di voto del Credito Valtellinese".

 

Rafforzamento della posizione del Credit Agricole nella penisola

Il Credit Agricole vuole rafforzare la sua posizione nel settore bancario in Italia. A tal fine, la banca francese intende intraprendere una serie di operazioni che potrebbero consentirle di raggiungere il suo obiettivo. Prevede, infatti, di entrare in partnership con alcuni istituti bancari presenti in Italia.

In realtà, Creval non è l'unica banca che era nel mirino del gruppo mutualista francese. Quest'ultimo aveva anche inserito nel suo elenco degli altri istituti bancari che stava seguendo. Così il Credit Agricole ha collaborato con il gruppo Banco BPM lo scorso ottobre. Questa collaborazione ha portato alla firma di un accordo di riservatezza tra le due società. Questo contratto permetterà quindi uno studio per un possibile riavvicinamento dei due gruppi.