Perché gli investitori si interessano alla 5G? E in che termini?

Cominciamo con lo spiegare come e perché la 5G sia divenuta una tematica di investimento di attualità. Recentemente, dei dibattiti hanno messo in luce l’indubbia capacità che la 5G avrà di cambiare il nostro modo di vivere e gli investitori istituzionali hanno ragione a mostrarsi particolarmente entusiasti in relazione a questa tecnologia.

La 5G è infatti una tecnologia altamente strategica per l’economia mondiale e i grandi gruppi del settore delle telecomunicazioni vi investono attualmente delle somme ingenti per avere la propria parte della torta.

 Va detto che la sicurezza di questa tecnologia è messa in dubbio, come dimostrato dal recente arresto a Vancouver del direttore finanziario del gruppo Huawei. Tuttavia, ci si può chiedere se la sicurezza sia veramente il problema di fondo della 5G dato che risulta difficile comprendere perché le preoccupazioni nei confronti di Huawei non vengano sollevate anche in relazione ai suoi concorrenti internazionali come Nokia o Ericsson. In realtà, alcuni economisti specialisti di questo settore economico ritengono che ciò che accade in questo momento sia soprattutto una questione di concorrenza economica dovuta al fatto che le imprese di telecomunicazioni statunitensi hanno bisogno di tempo per recuperare il loro ritardo nel settore rispetto al gigante cinese Huawei. Va detto che la comunità finanziaria sta adottando un punto di vista similare.

Lo scorso dicembre, al momento dell’arresto del direttore di Huawei, si è potuto assistere ad un forte aumento della volatilità delle azioni delle aziende direttamente interessate dalla 5G, raggiungendo dei livelli superiori alla già molto elevata volatilità media dei mercati. È proprio questa volatilità connessa alle notizie di attualità che interessa tanto gli investitori in Borsa e che ha fatto di questa tecnologia un segmento molto popolare nel 2020.

 

Alcune aziende ben posizionate per far guadagnare punti ai propri titoli grazie alla 5G

Gli analisti specializzati in questo settore di attività hanno già identificato alcune imprese che potrebbero profittare dello sviluppo della 5G, che come indicato dal nome, è la quinta generazione tecnologica dispiegata sulle reti di telecomunicazione, e si tratta in particolare dei gruppi Alphabet, Nokia e Schneider Electric. Tuttavia, altre imprese dovrebbero invece subire gli effetti negativi di questa tecnologia.

Alcuni analisti si sono infatti interessati con attenzione alle possibili conseguenze del prossimo sviluppo della 5G per l’industria e per i valori borsistici e le loro conclusioni sono interessanti. L’avvento di questa tecnologia viene attualmente presentato come un qualcosa che condurrà alla rivoluzione industriale 4.0, e quindi ad un nuovo ciclo di automazione massiva, in un mondo in cui si dovrebbe passare dalla connessione tra individui a quella tra gli oggetti ma è un assunto che dovrebbe comunque essere relativizzato in considerazione di quanto già accaduto in passato.

 Non bisogna infatti dimenticare che con l’arrivo sul mercato della 4G alcune imprese, tra cui gli operatori, avevano perso tra 200 e 300 punti base di redditività dei loro capitali investiti dato che non erano riusciti a monetizzare a sufficienza il crescente uso dei dati rispetto agli investimenti realizzati.

 

Investimenti elevati per gli operatori per dispiegare la 5G

È noto che la messa in opera delle apparecchiature 5G dovrebbe risultare oneroso per gli operatori e dovrebbe prendere del tempo in considerazione dell’entità degli investimenti necessari. Secondo gli analisti il tasso di penetrazione dovrebbe quindi raggiungere il 18% in cinque anni con 1,5 miliardi di utenti su dispositivi mobili nel mondo mentre per la 4G dopo lo stesso periodo dal lancio il tasso è stato del 30% del mercato.

Sempre secondo gli analisti, gli introiti supplementari che gli operatori dovrebbero generare nel corso di questi cinque anni dovrebbe raggiungere i 160 miliardi di dollari per poi passare a 280 miliardi di dollari in dieci anni. Dall’altra parte, le spese in investimenti dovrebbero raggiungere i 350 miliardi di dollari in 5 anni per coprire con la rete 5G il 60% della popolazione.

Sebbene tali investimenti siano elevati e il tempo per generare degli utili sia lungo, va prima di tutto considerato che le trasformazioni frutto della 5G, che offrirà una velocità di trasferimento dei dati venti volte superiore, un tempo di latenza dieci volte inferiore e il boom della virtualizzazione, dovrebbero modificare fortemente i termini tra l’accesso e il servizio. Quindi, sono innumerevoli le future applicazioni della 5G fra cui il video 3D, il lavoro nel settore del cloud, la realtà virtuale, i veicoli autonomi, la salute digitale (eHealth), le smart cities, l’alta definizione nonché l’Internet degli oggetti, le reti virtuali e molto altro ancora.

 

I settori di attività che saranno influenzati dal cambiamento

Ci interessiamo ora ai principali settori di attività che saranno influenzati dalla messa in opera della 5G dato che l'impatto di questo fenomeno sarà certamente molto forte per i modelli economici e per la catena di valore di moltissimi settori di attività. È quello che pensano gli analisti che già da ora prevedono che fra coloro che guadagneranno notevolmente ci saranno gli operatori meglio posizionati nei paesi emergenti, i nuovi operatori nei paesi sviluppati, gli editori di software e i protagonisti di Internet.

Tuttavia, alcuni settori di attività avranno una maggiore esposizione a rischi di disrupzione e di messa in discussione del loro modello economico e fra questi si trovano, per esempio, gli operatori particolarmente esposti alle reti fisse ADSL, i fabbricanti di automobili e i fabbricanti di componenti del settore delle telecomunicazioni.

In considerazione di ciò, alcuni broker e analisti si sono perfino spinti fino a realizzare una griglia settoriale per mettere in evidenza i futuri grandi vincitori e sconfitti della 5G. Fra le imprese che dovrebbero profittare maggiormente dello sviluppo della 5G si trovano in particolare gli editori di software fortemente presenti nella virtualizzazione e nell’Internet degli oggetti e i nomi di aziende che emergono più spesso sono Microsoft, Firtinet, Aveva, Forscout, Tech Mahindra e VMware.

 

Puntare sulle azioni dei giganti del web per investire nella 5G

Per investire efficacemente sulla 5G con le azioni di Borsa, si raccomanda in particolare di interessarsi ai titoli dei giganti del web o anche a quelli delle aziende specializzate in giochi online che fanno anch’esse parte dei grandi vincitori con la 5G.

Tra queste imprese troviamo ovviamente il gruppo Alphabet ma anche Baidu, Tencent, Electronic ArtsActivision, Zynga, Netflix e Spotify. Un altro settore vincente è quello dei fabbricanti di semiconduttori e di componenti per dispositivi mobili quali TSMC, Qualcomm, Nvidia, Murata, Mediatek, Qorvo e Skyworks.

Ci si può inoltre interessare agli operatori nei paesi in via di sviluppo,  i  cui titoli dovrebbero guadagnare anch’essi dei punti con la 5G, e fra questi segnaliamo China Mobile, Telkom Indonesia, Bharti Airtel, Reliance Industries, America Movil, MTN, AIS, Globe Telecom, Turkcell, MTS e Telefonica Brasil.

Infine, nel settore delle apparecchiature vanno seguite con attenzione alcune imprese specializzate nell’automazione dei processi produttivi quali Schneider Electric, Atlas Copco e Hexagon.

 

Le azioni che resteranno stabili o che caleranno per via della 5G

Alcune imprese profitteranno quindi della 5G per accrescere il loro fatturato ma altre potrebbero non subire effetti o perdere posizioni.

Tra le azioni che non saranno influenzate dalla 5G ci sono quelle dei fabbricanti di componenti per telecomunicazioni dato che lo sviluppo della virtualizzazione creerà una forte concorrenza nelle reti aziendali. In questo settore andranno privilegiate in particolare le azioni Nokia a quelle di Ericsson. Poiché lo stesso vale per gli operatori mobili dei paesi sviluppati costretti a fronteggiare nuovi concorrenti, gli analisti consigliano di concentrarsi piuttosto sui titoli T Mobile, KDDI, Vodafone e Deutsche Telekom mentre gli operatori peggio posizionati sono Freenet, Telecom Italia, Telekom Malaysia, StarHub, Astro, TPG e Oi.

Infine, tra i settori che possono subire l’impatto negativo della 5G troviamo il settore dell’automobile nel quale andranno privilegiate le imprese Tesla, Uber, Alphabet, General Motors e Ford che sembrano essere meglio preparate di Peugeot e Fiat Chrysler.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.