Intesa Sanpaolo a prestare 6,3 miliardi di euro a Fiat Chrysler

  •   Le 27/05/2020 à 17h05
  •   DEHOUI Lionel

Quando gli affari non rispondono correttamente o quando non vanno come vogliamo, i dirigenti aziendali fanno le cose in modo diverso. Alcuni cambiano la loro strategia di business, altri si riorganizzano internamente o incidono sulla spesa aziendale. Ci sono anche altri che si avvalgono di prestiti. Inoltre, l'attuale atmosfera nel mondo degli affari è caratterizzata da diversi contratti di finanziamento di gruppo in diversi settori. Le banche sono sempre più sollecitate. La banca italiana Intesa Sanpaolo non è rimasta ai margini di queste sollecitazioni. La banca la cui creazione deriva dalla fusione di Banca Intesa e Sanpaolo IMI ha effettuato una validazione martedì. Il che dovrebbe dare un sorriso alla casa automobilistica Fiat Chrysler. La banca italiana ha infatti convalidato la proposta di un prestito di 6,3 miliardi di euro al colosso dell'automobile FCA (Fiat Chrysler). Ma una cosa è necessaria prima dell'applicazione.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

L'intervento di SACE

Secondo alcune agenzie italiane, Fiat Chrysler dovrà ancora attendere la garanzia delle autorità italiane. Inoltre, il prestito è stato approvato in linea di principio in considerazione del ruolo principale di questo finanziamento per l'intero settore automobilistico italiano. Questo è stato in effetti quanto suggerito dalle fonti finanziarie utilizzate dalle agenzie RadioCor e AGI per ottenere informazioni sul caso. Questo accordo viene come un aiuto al settore automobilistico, che attualmente è in cattive condizioni.

Va detto che questo settore è stato duramente colpito dalla pandemia di coronavirus a causa delle misure di contenimento attuate in tutto il mondo. Il gruppo automobilistico Fiat Chrysler sarà quindi sostenuto attraverso questo prestito per il benessere del settore in Italia. FCA ha ora gli occhi puntati sull'agenzia italiana di credito all'esportazione SACE. Perché sarà questa agenzia a fornire la garanzia secondo il sistema previsto da un recente decreto.

Informazioni: Il decreto sostiene le aziende per aiutarle ad uscire dall'attuale crisi economica e sanitaria. Inoltre, secondo le agenzie, SACE dovrà garantire l'80% dell'importo di questo prestito. Questa è infatti l'unica condizione che esiste perché il prestito sia concesso in modo ufficiale alla casa automobilistica Fiat Chrysler. Il produttore ha la sua sede legale nei Paesi Bassi.

 

Lo scopo della FCA e il dibattito che ha generato

L'obiettivo della casa automobilistica nell'effettuare questo prestito è quello di trovare finanziamenti per il suo lavoro sul suolo italiano. Inoltre, intende anche sostenere alcune aziende appartenenti alla catena di fornitura all'interno del settore automobilistico. Si tratterà di un aiuto supplementare per oltre 10 000 piccole e medie imprese. Attualmente, la penisola sta affrontando un dibattito a causa della richiesta di una garanzia pubblica.

Secondo il vicepresidente Andrea Orlando, la richiesta di garanzia pubblica deve essere scambiata con l'imposizione di determinate condizioni. Questi devono tenere conto dei siti industriali e della tutela dell'occupazione. Secondo lui, le risorse pubbliche devono essere utilizzate solo per il rilancio industriale del Paese e non per altre operazioni.