INNATE PHARMA registra 181,7 milioni di euro di liquidità nel 1° trimestre 2021

  •   Le 28/05/2021 à 07h42
  •   DEHOUI Lionel

Il gruppo biofarmaceutico Innate Pharma ha riferito la sua performance commerciale per il primo trimestre del 2021. Nell'arco di un anno, cioè rispetto al Q1-2020, le entrate dell'azienda hanno visto una regressione. D'altra parte, mostra un forte flusso di cassa per tutto il trimestre. Questo è notevolmente aiutato dagli accordi di partnership firmati con altre aziende biofarmaceutiche come Sanofi.

Il 67% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con eToro
INNATE PHARMA registra 181,7 milioni di euro di liquidità nel 1° trimestre 2021

Vendite e posizione di cassa nel Q1-2021

Per i primi tre mesi del 2021, il gruppo biofarmaceutico di Innate Pharma ha generato ricavi per 4,5 milioni di euro. Un anno prima, le vendite dell'azienda ammontavano a 19,3 milioni di euro.

Infatti, le entrate registrate nel periodo da gennaio a fine marzo sono in gran parte dovute al differimento degli importi ricevuti dal Gruppo nell'ambito degli accordi di collaborazione e licenza firmati con Sanofi e AstraZeneca.

Alla fine del trimestre, la liquidità, gli equivalenti di cassa e le attività finanziarie della biotech ammontavano a 181,7 milioni di euro. Va notato che a febbraio, Sanofi ha pagato a Innate Pharma un pagamento di 7 milioni di dollari in contanti come pietra miliare. Questo pagamento fa parte dell'obiettivo di Sanofi di far avanzare IPH6101/SAR443579 negli studi preclinici regolatori.

 

Sulla collaborazione di Innate Pharma con i suoi partner

La società di immunologia Innate Pharma sta attualmente sviluppando quattro programmi clinici. Uno di questi è legato allo sviluppo di anticorpi multispecifici. Per realizzare questo progetto, Innate ha collaborato con la società farmaceutica Sanofi.

Nel quadro della sua collaborazione con AstraZeneca, Innate Pharma prevede di presentare quest'anno i dati di fase 2 in pazienti affetti da carcinoma a cellule squamose della testa e del collo. Va notato che si tratta di pazienti recidivati o metastatici che non hanno mai ricevuto l'immunoterapia.

 

Prospettiva del gruppo

Durante il primo trimestre del 2021, Innate Pharma ritiene di aver continuato ad eseguire la sua strategia di sviluppo. Per esempio, il gruppo ha fatto avanzare con successo la coorte dello studio TELLOMAK che valuta il lacutamab nella micosi fungoide. Inoltre, la biotech (con il suo partner Sanofi) ha sviluppato con successo un primo anticorpo multispecifico contro le cellule NK.

Inoltre, la struttura di immunologia intende continuare a far crescere la sua attività. Nel 2021, dice che attende con ansia l'arrivo di ulteriori dati per questi programmi clinici. Inoltre, il gruppo biofarmaceutico punta sulle sue forti capacità di R&S per guidare la prossima ondata di innovazione scientifica.

 

Maggiori informazioni su Innate Pharma

Fondata nel 1999, Innate Pharma è un gruppo biofarmaceutico francese specializzato in immuno-oncologia. È un'azienda biotecnologica in fase clinica dedicata a migliorare il trattamento del cancro con anticorpi terapeutici innovativi che sfruttano il sistema immunitario.

Il gruppo ha un approccio innovativo notevole. Questo le ha permesso di creare un portafoglio proprietario diversificato e di stabilire partnership con aziende biofarmaceutiche leader come Sanofi, Novo Nordisk A/S e Bristol-Myers Squibb.