Google acquisisce la società irlandese Pointy

  •   Le 15/01/2020 à 17h28
  •   Adeline HARMANT

Questa mattina del 15 gennaio 2020 abbiamo appreso di una nuova acquisizione strategica dal Gruppo Google con l'acquisto della società Pointy. Vi suggeriamo di saperne un po' di più su questi dati che rafforzano il posizionamento di questo gruppo nell'e-commerce e il suo probabile impatto sul corso di questo valore.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Google acquisisce la società irlandese Pointy

Un'acquisizione strategica per contrastare il gigante Amazon :

Non è senza motivo che Google ha acquistato la società Pointy questa mattina. In realtà, è stato proprio per far fronte all'ascesa del gigante Amazon che il gruppo della casa madre Alphabet ha messo a punto una strategia di acquisizione nell'e-commerce.

Mentre Google è sempre stato il leader nella pubblicità online, Amazon sta guadagnando ogni anno quote di mercato in questo settore.

In particolare, va notato che lo scorso anno si stimava che Google avrebbe guadagnato più di 40 miliardi di dollari in pubblicità di ricerca per l'anno fiscale 2019, che rappresentavano quasi il 73,1% della quota di mercato. Ma oggi gli specialisti stimano che questa quota potrebbe finalmente scendere al di sotto del 70,5% entro il 2021, una perdita del 3% che Amazon naturalmente subirebbe.

Amazon è infatti attualmente al secondo posto in questo segmento con quasi il 13% di quota di mercato ed è immediatamente seguita da Microsoft con il 6% di quota di mercato e poi dalle società Verizon Media e Yelp.

 

Acuto per aiutare Google nel suo posizionamento su questo segmento:

Di fronte a questa minaccia, Google ha quindi deciso di passare alla controffensiva attaccando il segmento storico del suo concorrente Amazon, ovvero le vendite online. Nel 2019 il gruppo americano aveva così scelto la Francia, subito dopo gli Stati Uniti, per beneficiare del programma "buy on Google", che mira a commercializzare prodotti di commercianti partner come i gruppi Carrefour, Auchan o Fnac-Darty, invadendo così il territorio da Amazon. Quest'ultimo offre quindi sia la commercializzazione dei prodotti dei commercianti partner che la vendita dei propri prodotti.

Per accelerare la sua crescita nel campo del commercio online, all'inizio del 2020 il gruppo Google ha deciso di puntare su uno dei principali obiettivi di Amazon, ovvero i piccoli rivenditori, acquisendo la start-up irlandese Pointy. Questa è infatti l'origine di una tecnologia che mira ad aiutare i piccoli commercianti che non hanno una vetrina e-commerce, ad ottenere visibilità per i loro prodotti online senza sforzo.

Va anche notato che si tratta di un'operazione importante, poiché questo buyout sarà costato all'azienda americana più di 163 milioni di dollari. Si noti inoltre che la società aveva già raccolto un totale di 19,2 milioni di dollari, di cui 12 milioni di dollari in un round di finanziamento di serie B che si è svolto nel luglio 2018 con Polaris Partners e Vulcan Capital.